Settembre 24, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Le biciclette thailandesi sprecano bottiglie di plastica per realizzare tute DPI per monaci per proteggerli da COVID-19

Con l’abbondanza di rifiuti di plastica e i dispositivi di protezione individuale (DPI) scarsi, la Thailandia sta trasformando la spazzatura in una fortuna riciclando le bottiglie in indumenti protettivi per le persone a rischio di contrarre il coronavirus.

Milioni di bottiglie di plastica sono state raccolte, sminuzzate e trasformate in fili da intrecciare in tessuti eventualmente utilizzati per dispositivi di protezione individuale, sia per ospedali che per templi buddisti, dove i monaci cremavano le vittime del coronavirus.

Lo sforzo arriva quando la Thailandia ha registrato oltre 1,1 milioni di infezioni da coronavirus e 12.000 morti da aprile di quest’anno.

“Ci sono momenti in cui le tute DPI sono difficili da trovare e, a volte, anche se hai i soldi, non puoi comprarle”, ha detto Phra Maha Pranom Dhamalangkaru, capo del tempio di Chakding nella provincia di Samut Prakan vicino a Bangkok.

I volontari del tempio cuciono tute DPI arancioni per monaci, becchini e compagni di cucciolata, che vengono inviati a migliaia di templi bisognosi in tutto il paese.

Un uomo seduto con un DPI rosso davanti a un bidone della raccolta differenziata
Un monaco buddista indossa una tuta con dispositivi di protezione individuale, mentre l’amministrazione della città di Bangkok e i suoi templi spingono per incoraggiare il pubblico a donare bottiglie di plastica.(

Reuters: Soi Zia Tun

)

Sebbene questo non sia di grado medico, fornisce almeno una certa protezione per coloro che sono potenzialmente esposti a COVID-19 e la tuta DPI può essere realizzata utilizzando solo 18 bottiglie di plastica.

Il tessuto DPI viene donato da un’industria tessile della provincia di Rayong, che solitamente produce tessuti utilizzati da alcuni dei principali marchi internazionali. In fabbrica, i filati vengono ricavati da bottiglie riciclate e filati in un rotolo gigante, quindi intrecciati in un tessuto trattato per essere resistente all’acqua.

“Questo per evitare che il particolato penetri e che il virus ci contatti”, ha affermato Arnupap Chompuming, capo delle vendite e del marketing presso l’azienda tessile Thai Taffeta, che gestisce la fabbrica a est di Bangkok.

Un uomo in piedi in una fabbrica davanti a una macchina con un filo di plastica
I filati sono ricavati da bottiglie riciclate e filati in un rotolo gigante, che viene poi intrecciato in un tessuto trattato per essere resistente all’acqua.(

Reuters: Soi Zia Tun

)

Ha aggiunto che circa 18 milioni di bottiglie di plastica sono state utilizzate dalla metà dello scorso anno per l’industria tessile per dispositivi di protezione individuale, che sono stati inviati agli ospedali di tutto il paese.

Il capo del monastero del tempio di Chakdaeng ha affermato che il progetto di riciclaggio aiuta a garantire che siano protette più persone esposte al coronavirus, non solo i professionisti medici.

“Stiamo salvando vite e anche l’ambiente”, ha detto.

Reuters

READ  L'India risponde dopo che il PNG ha vietato i voli a causa della "truffa" di Covid | Notizie sulla pandemia del virus corona