Luglio 4, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il teschio di “Dragon Man” esorta a ripensare all’evoluzione

Rappresentazione artistica di “Dragon Man”. [Photo/Agencies]

Il teschio ben conservato, colloquialmente noto come “Dragon Man” dalla Cina, ha fatto notizia in tutto il mondo ed è stato descritto come una delle scoperte scientifiche più importanti ed emozionanti del mondo, mentre le istituzioni globali esaminano i progressi compiuti nell’ultimo anno.

Il teschio sarebbe stato scoperto nel 1933 quando Harbin, la capitale della provincia di Heilongjiang, era sotto l’occupazione giapponese, e il teschio fu trovato quando fu costruito un ponte sul fiume Songhua. Per garantirne la conservazione, l’uomo che trovò il fossile lo nascose in fondo a un pozzo abbandonato.

Il teschio non fu più illuminato fino a quando la terza generazione della famiglia dell’uomo sconosciuto apprese il segreto prima della sua morte.

Da quando il teschio è stato donato nel 2018 al Museo di Scienze della Terra dell’Università di Hebei Jiu a Shijiazhuang, la capitale della provincia di Hebei, sono state fatte scoperte che potrebbero portare a un ripensamento dell’evoluzione umana.

Quest’anno, un team di ricerca internazionale – Kan Jieqiang, professore di paleontologia all’Università Hebei GEO, il principale scienziato – ha classificato il cranio come appartenente a una nuova specie: l’Homo longi. Ritengono che il fossile abbia fornito indizi cruciali per studiare l’origine e l’evoluzione dell’Homo sapiens, la specie a cui appartengono tutti gli esseri umani viventi.

I risultati del team sono stati pubblicati sulla rivista The Innovation a giugno.

Secondo una dichiarazione dei media dell’università di quel mese, l’analisi filogenetica completa del team ha scoperto che il cranio di Harbin e alcuni antichi fossili umani nell’Asia orientale appartenevano a un clade evolutivo, o gruppo naturale, che aveva lo stesso antenato dell’Homo sapiens.

È opinione diffusa che i Neanderthal formassero un gruppo gemello del lignaggio dell’Homo sapiens. Tuttavia, Chris Stringer, un paleoantropologo del Natural History Museum di Londra che era anche un membro del team, ha dichiarato: “La nostra analisi suggerisce che il cranio di Harbin e alcuni altri fossili umani della Cina del Pleistocene medio dalla Cina costituiscono un terzo lignaggio dell’Asia orientale. , che in realtà è più vicino all’Homo sapiens che ai Neanderthal.”

La CNN ha classificato “Dragon Man” come una delle sei “scoperte più rivoluzionarie nella preistoria umana che modellano l’albero genealogico in modi straordinari e inaspettati”.

Ha aggiunto che il teschio “potrebbe rappresentare un tipo completamente nuovo di essere umano”.

La CNN riferisce che la speranza è di estrarre il DNA o altro materiale genetico dal fossile per saperne di più, in particolare se rappresenta i Denisova, un misterioso gruppo umano.

La Public Library of Science, un’organizzazione scientifica, tecnologica e medica senza scopo di lucro con sede negli Stati Uniti, ha classificato i risultati sul cranio come una delle prime sette scoperte nell’evoluzione umana nel 2021, dicendo: “La storia dietro la scoperta è che questo teschio è affascinante!”

Lo Smithsonian, la rivista ufficiale pubblicata dalla Smithsonian Institution, un rinomato museo americano e complesso di ricerca, ha elencato “Dragon Man” come una delle 10 storie scientifiche più importanti del 2021.

“Il retroscena del cranio che gli scienziati hanno usato per indicare una nuova specie di umani più avanti nel Pleistocene per unirsi a Homo sapiens e Neanderthal ha guadagnato molto inchiostro”, ha detto la rivista.

Ha anche detto, tuttavia, che il dibattito sulla possibilità che la scoperta dell'”uomo drago” giustifichi la classificazione come nuova specie continuerà probabilmente fino a quando non verranno scoperti più fossili che aiutano a colmare le lacune nella storia dell’evoluzione umana.

Ji, lo scienziato capo della squadra alla ricerca di “Dragon Man”, ha detto che spera in altre scoperte.

In una conferenza stampa dopo la pubblicazione degli studi del suo team, Ji ha affermato che sebbene il numero di specie umane stia diminuendo, la popolazione sta diventando sempre più grande. Di conseguenza, oggi vive solo una specie umana.

“Non vedo l’ora di ricercare nuovi fossili di ominidi, in particolare l’antenato comune di Homo Lungi e Homo sapiens nell’Asia orientale, e ancor più in Cina, al fine di promuovere la ricerca internazionale sull’origine dell’Homo sapiens”, ha affermato.

READ  Un innovativo elicottero della NASA fa il suo primo volo su Marte in "The Wright Brothers 'Moment"