Luglio 3, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il senatore Jim Mullane ha detto che Vladimir Putin sarebbe “confuso” se la NATO attaccasse “ciò che resta” del suo esercito

Il senatore liberale del New South Wales Jim Mullane ha affermato che il presidente Vladimir Putin sarebbe “sopraffatto” se la NATO avesse attaccato “ciò che è rimasto” del suo esercito dopo che più di 27.000 soldati russi sono stati uccisi dall’inizio della guerra in Ucraina.

Il senatore liberale del New South Wales Jim Mullane ha affermato che il piano del presidente russo Vladimir Putin di mantenere l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) non andrà come previsto da Mosca.

I suoi commenti arrivano dopo che Finlandia e Svezia hanno annunciato un tentativo di aderire all’alleanza transatlantica, una mossa che il viceministro degli Esteri russo Sergei Ryabkov ha definito un “errore fatale”.

L’esercito russo ha subito perdite significative nella sua guerra contro l’Ucraina, inclusi 1.228 carri armati, 2.101 veicoli, 577 sistemi di artiglieria e oltre 27.000 vittime, secondo dati recenti del Ministero della Difesa britannico.

Trasmetti in streaming le ultime notizie sull’invasione dell’Ucraina dalle fonti di notizie più affidabili del mondo con Flash. Nuovo su Flash? Prova 1 mese gratis. L’offerta scade il 31 ottobre 2022

Mullane, un ex maggiore generale dell’esercito australiano, ha detto che Putin sarebbe “confuso” se la NATO attaccasse “ciò che resta” del suo esercito.

“Ora, se i russi hanno ucciso più di 27.000 morti in battaglia, sono due, tre o quattro volte più feriti che in combattimento”, ha detto Mullan al conduttore di Sky News Australia Chris Kenny.

“Quindi potrebbero aver perso da un terzo a metà della forza offensiva di 200.000 che ha posto fine all’Ucraina e ha effettuato questa orribile invasione”.

Il piano di Putin di mantenere i confini della NATO lontani dalla Russia invadendo l’Ucraina si è ritorto contro.

READ  Il disegno di legge "Don't Say Gay" passa nello stato americano della Florida, va al governatore

Alla domanda se il presidente avrebbe probabilmente fatto qualcosa di “più brutale” dopo l’annuncio di Finlandia e Svezia, Mullan ha risposto: “Beh, è ​​qualcosa di cui dovremmo stare molto attenti”.

“Ora la sua capacità di invadere improvvisamente la Finlandia, o qualcosa di stupido del genere, è molto limitata perché fondamentalmente, a meno che non mobiliti tutto il suo popolo, perde il suo esercito”, ha detto.

“Ma è del tutto imprevedibile, e suggerirei dietro le quinte, che la NATO gli abbia detto che se fa qualcosa di ridicolo con armi chimiche, biologiche e nucleari – penso sia improbabile ma se lo fa – sarà sopraffatto da una NATO attacco aereonautico Cosa resta del suo esercito.

“Non credo che la risposta sarà in primo luogo nucleare, ma penso che qualcuno debba intraprendere un’azione decisiva a Mosca contro il presidente Putin”, ha aggiunto.