Maggio 25, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il ruolo del biometano nella transizione energetica e nell’economia dell’energia circolare, all’interno e intorno ai contesti urbani

L’incontro si è concentrato sul ruolo che il biogas e il biometano possono svolgere nella transizione energetica e su come sviluppare strategie energetiche che possano far avanzare il loro potenziale.

L’evento speciale del G20 italiano su energia e clima, organizzato dalla Presidenza in collaborazione con IEA, GSE, Eni e Snam il 15 aprileDecimo, Presieduto dal Sig. Andrea Le Presti (Ministero della Trasformazione Ambientale) e focalizzato sul ruolo che il biogas e il biometano possono svolgere nella transizione energetica, e su come sviluppare strategie e politiche energetiche in grado di svilupparne al meglio le potenzialità.

In effetti, il biogas e il biometano sono due fonti di energia che si trovano all’incrocio di due sfide critiche nella vita moderna: affrontare la crescente quantità di rifiuti organici prodotti dalle società e dalle economie moderne; Prevenire le emissioni lungo l’intera catena del valore. Il workshop ha sottolineato il potenziale inutilizzato del biogas e del biometano, tenendo presente che liquidi e gas rappresenteranno ancora la maggior parte del consumo energetico nel 2040 e che è necessaria una maggiore penetrazione dei vettori energetici a basse emissioni di carbonio. Il ruolo del biogas e del biometano è particolarmente importante in settori difficili da mitigare e come mezzo per fornire elettricità di base rinnovabile e cucina pulita, in particolare nelle economie in via di sviluppo.

Un altro vantaggio importante è il settore dei trasporti, che è ancora responsabile a livello globale del 24% delle emissioni dirette di CO2 dalla combustione di carburante. La produzione di biogas e biometano da rifiuti organici può rivitalizzare i modelli di economia circolare – in particolare, ma non solo nei contesti urbani – e migliorare la sicurezza dell’approvvigionamento, riducendo i costi di gestione dei rifiuti, creando posti di lavoro e aumentando l’efficienza delle risorse. Il suo processo produttivo può anche ridurre in modo significativo le emissioni nel settore agricolo, contribuendo così al recupero di materia organica nel suolo.

READ  I panini con salsiccia italiani ancora una volta legati alla sagra italiana | Notizie, sport, lavoro

Pertanto sono necessarie politiche che riconoscano questi molteplici vantaggi condivisi per superare il divario di competitività utilizzando combustibili fossili a basso costo. Nuovi modelli di business e accesso ai finanziamenti sono necessari per espandere i mercati a basse emissioni di carbonio.

Da questo punto di vista l’Italia è citata tra i protagonisti di questo processo. In particolare, in Italia, nel 2018 è stato messo in atto un piano di stimolo, per un periodo di 20 anni, basato sull’emissione di certificati di impegno di blending, pagati a prezzo fisso nel caso di biometano avanzato sostenibile e biocarburanti da rifiuti e non -materie prime alimentari. Secondo studi attendibili, infatti, in Italia, utilizzando la parte organica dei rifiuti urbani raccolti separatamente (OFMWSC), sarà possibile produrre la quantità di biometano corrispondente a circa il 40% del gas naturale attualmente utilizzato nei trasporti.

/ Rilascio generale. Questo materiale proviene dallo stabilimento originale e può essere di natura cronologica ed è modificato per chiarezza, stile e lunghezza. Spettacolo completo Qui.