Settembre 25, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il Royal Succession Festival ha respinto le polemiche sulla Repubblica australiana | Malcom Farr

Primo ministro, Antonio Albanesedivenne Capitan Protocollo.

La sua obbedienza a una lunga serie di istruzioni stabilite per seguire la morte Regina Elisabetta II Era comprensibile.

Non era il momento di evidenziare l’individualità.

Ma Albanese si sforzò di presentarsi come difensore della tradizione e dell’istituzione. Lo fece con forza, come se ci fosse qualche dubbio.

Al livello più elementare, potrebbe essere la sua incondizionata riverenza per le convenzioni in contrasto con la distruzione del suo predecessore, o per evitare l’accusa di trasgressione di sinistra.

Ha mostrato di essere pronto per essere prigioniero del lutto reale mentre ha spiegato il giorno festivo giovedì prossimo.

“Perché i protocolli in vigore da decenni indicano che il National Memorial Day dovrebbe essere il giorno dopo il ritorno del Governatore Generale e del mio ritorno da Londra”, ha detto questa settimana Ben Fordham di 2GB.

“Una delle cose che ho fatto, come Primo Ministro, è rispettare le nostre istituzioni, rispettare le nostre tradizioni e rispettare i processi, compresi questi processi che sono in atto da molto tempo.

Sono iniziati tragicamente venerdì mattina, ho seguito i protocolli per la lettera stabilita e, naturalmente, mi sono consultato con i minori per un lungo periodo di tempo, poiché nel Regno Unito è stata intrapresa un’azione. “

Inoltre, era tra le migliaia che volevano parlare della loro faida con la famiglia reale, quando tornò all’incontro del G-20 del 2009 a Londra e a un ricevimento a palazzo.

“Sua Maestà la Regina è stata molto informale”, ha detto Albanese questa settimana. “Mi sono assicurato di darle il benvenuto e di avere una conversazione con tutti nella stanza. Era una grande personalità e aveva un vero senso dell’umorismo. ”

Non molto tempo fa, è stato suggerito che gli Albanesi avessero la sua regina duchessa.

Scopri il weekend in Australia

Il primo ministro sembra dirigersi verso una fonte di critiche politiche in un momento in cui si dice che la politica sia stata soffocata dalle emozioni e dalle celebrazioni seguite alla morte della regina Elisabetta.

In effetti, molti degli eventi della scorsa settimana sono stati guidati da obiettivi politici. Hanno appena preso un’altra direzione, più sottile, diversa dal comune grugnito della diversità politica del partito.

Questi protocolli derivano da secoli di protezione della linea reale. L’operazione è stata progettata per aumentare l’importanza e la legittimità della defunta regina Re Carlo III Erede e supplente di pari dignità.

C’era una spinta politica in corso con la quale l’intero apparato della monarchia è stato schierato per sostenersi.

Naturalmente c’era un vero dolore per Charles, i suoi fratelli e i loro figli dopo aver perso entrambi i genitori nell’arco di 16 mesi.

C’è una grande prova tra i sudditi della defunta regina, che hanno il diritto di esprimere il loro dolore per la sua scomparsa.

Ma in base a ciò, è stata lanciata una campagna, sfruttando la famiglia reale, le uniformi del XVIII secolo e altre reliquie del lontano passato, suscitando nostalgia per un’era in cui gran parte del mondo si stava inchinando alla Gran Bretagna e ai suoi re e regine.

C’era un chiaro risultato australiano. La celebrazione del processo di successione reale ha eliminato il dibattito sulla Repubblica australiana e ha confermato l’autorità della monarchia di gestire gli eventi correlati.

Albanese ha nominato Matt Thistlethwaite Assistente Segretario della Repubblica, ma ciò non significa che il cambiamento costituzionale sarà una priorità immediata. Di certo non adesso.

Gli albanesi hanno deciso, ancora, comprensibilmente, di dare priorità a un referendum sul voto indigeno in Parlamento.

Nel frattempo, mentre l’elaborato lutto per Elisabetta II stava raccogliendo velocità e spese, a Canberra si verificò un evento molto più semplice in ricordo dell’australiano di cui la regina si pianse per la morte.

È stata una celebrazione della vita di Sir David Smith, morto il 17 agosto all’età di 89 anni ed è stato l’ultimo cavaliere australiano premiato dalla regina Elisabetta nel 1990.

I contrasti erano netti: un programma semplice e toccante al Jewish National Memorial Center il mercoledì, seguito dal tè pomeridiano.

I partecipanti includevano vicini di casa, l’ex primo ministro John Howard, vice veterani e presidente del ramo di Probus di Smith. Non ci sono medaglie o uniformi in vista.

Smith è stato segretario ufficiale di cinque governatori generali dal 1973 al 1990: Paul Haslock, John Kerr, Zelman Quinn, Ninian Stephen e Bill Hayden.

Fu richiamato a Londra per lavorare direttamente con la regina per tre mesi durante quel problematico anno 1975 che includeva il licenziamento del viceré laburista del governo di Gough Whitlam.

Voleva lasciare il lavoro a Yarralumla dopo Stephen, ma l’ex leader laburista Hayden gli ha chiesto di rimanere.

La sua diligenza, integrità e accuratezza erano importanti per l’Australia nel mantenere un contatto vivo ed efficace con il re.

Dopo aver saputo della sua morte, la regina scrisse una lettera di calorose lodi e gratitudine che la famiglia Smith apprezzò molto.

Per qualche motivo è stato inviato per posta di superficie. Non raggiunsero il loro indirizzo a Canberra fino a tre giorni dopo la morte della regina.

Smith era un potente monarca costituzionale, nazionale insignito dell’Ordine d’Australia dal KCVO – il Royal Victorian Knighthood assegnato per poco più di 125 anni per un servizio speciale al re e alla famiglia del re.

Nel 1990, Smith è stato ufficialmente insignito del cavalierato al castello di Balmoral e Charles ha avuto un ruolo diretto.

Smith e sua moglie, June, erano nel salotto del castello con i membri della famiglia reale, in attesa del suo doppiaggio, quando, secondo un racconto, “l’allora principe entrò nella stanza”.

Charles: “Congratulazioni molto.”

Altri sono terrorizzati: “Non è ancora successo”.

Charles: “Scusa. Lui lo sa?”

Smith (maleducatamente): “Lo fa adesso, signore.”

READ  Macron avverte che "il peggio deve ancora venire". Gli Stati Uniti sanzionano di più gli oligarchi russi; Putin afferma che l'invasione "pianificherà"; Il raid aereo russo colpisce la città di Chernigov; Quasi 250 sono ora uccisi in Ucraina