Luglio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti chiede alla Corte d’Appello di revocare il commento del giudice sull’indagine di Mar-a-Lago

Il Dipartimento di Giustizia ha chiesto a una corte d’appello federale di annullare l’ordine di un giudice che gli impediva temporaneamente di esaminare un tesoro di documenti riservati sequestrati durante una perquisizione dell’FBI nella casa di Donald Trump in Florida il mese scorso.

Il dipartimento ha detto all’undicesimo circuito della Corte d’Appello degli Stati Uniti ad Atlanta che l’arresto del giudice, imposto la scorsa settimana, ha ostacolato “gli sforzi del governo per proteggere la sicurezza della nazione” e ha interferito con le sue indagini sulla presenza di informazioni altamente riservate a marzo. -UN. – Lago.

Ha chiesto al tribunale di annullare questo ordine in modo che i lavori potessero riprendere e di revocare la direttiva del giudice che costringeva il circuito a presentare documenti riservati a un arbitro indipendente per la revisione.

“Il governo e il pubblico subiranno danni irreparabili se interrotti”, hanno scritto gli avvocati del dipartimento in un memorandum alla Corte d’Appello.

La nomina del giudice del tribunale distrettuale degli Stati Uniti Eileen Cannon di un cosiddetto maestro speciale per esaminare i documenti, e la conseguente rissa legale che ha causato, sembra rallentare l’indagine di settimane del dipartimento sulla conservazione di documenti riservati nella proprietà della Florida dopo la partenza del signor Trump . Ufficio del Presidente degli Stati Uniti.

READ  Buckingham Palace afferma che la 95enne le ha torto la schiena e non parteciperà al memoriale

Non è chiaro se Trump, che ha gettato le basi per un’altra corsa presidenziale, o chiunque altro possa essere incriminato.

Una foto aerea mostra un vasto mix di edifici rosa e beige e palme su una proprietà fronte mare.
Decine di volumi vuoti contrassegnati come classificati sono stati trovati a Mar-a-Lago. (Foto AFP: Steve Hilber)

L’FBI afferma di aver sequestrato circa 11.000 documenti, di cui quasi 100 con hashtag che sono stati trovati in un ripostiglio e in un ufficio, mentre scontava un mandato di perquisizione autorizzato dal tribunale a casa l’8 agosto.

Dopo settimane di ricerche, gli avvocati di Trump hanno chiesto al giudice di nominare un maestro speciale per condurre una revisione indipendente dei documenti.

La scorsa settimana il giudice Cannon ha ordinato al dipartimento di sospendere l’uso dei documenti fino a quando non viene emesso un altro ordine del tribunale o fino a quando non viene completato il rapporto di un arbitro indipendente che esamina i documenti e esclude qualsiasi causa legale che li copre — privilegio cliente o privilegio esecutivo.