Settembre 27, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il primo ministro malese Muhyiddin e il suo governo si dimettono

Il primo ministro malese Muhyiddin Yassin ha presentato le sue dimissioni al re, diventando il leader più corto del paese dopo aver ammesso di aver perso il sostegno della maggioranza per il governo.

Il ministro della Scienza Khairy Jamaluddin ha scritto su Instagram che “il governo ha presentato le nostre dimissioni” al re, poco dopo che il signor Muhyiddin ha lasciato il palazzo dopo aver incontrato il re.

Il governo, che si è insediato nel marzo 2020, ha dovuto affrontare le pressioni dell’opposizione e un pubblico arrabbiato per la gestione del COVID-19.

Feriti e morti in Malesia I tassi per milione di persone sono i più alti nel sud-est asiatico.

Non è stato immediatamente chiaro chi potrebbe formare il prossimo governo, data la mancanza di una chiara maggioranza in parlamento, o se le elezioni potrebbero tenersi durante la pandemia.

La decisione sarà probabilmente messa nelle mani del monarca costituzionale, Sultan Abdullah, che può nominare un primo ministro tra i rappresentanti eletti in base a chi pensa possa avere la maggioranza.

I media locali hanno riferito che Mohieldin dovrebbe rivolgersi presto alla nazione.

Le sue dimissioni potrebbero restituire la carica di premier alla United Malaysian National Organization (UMNO), nota come il “grande vecchio partito” della Malesia, votata alle elezioni del 2018 dopo essere stata viziata da accuse di corruzione.

Tra i principali contendenti per la posizione di primo ministro o primo ministro ad interim ci sono il vice primo ministro Ismail Sabri Yaqoub e il veterano membro del parlamento Tunku Razali Hamzah, entrambi dell’UMNO.

La presa di Muhyiddin al potere è stata precaria da quando è entrato in carica lo scorso anno con una maggioranza risicata.

La pressione su di lui è recentemente aumentata dopo che alcuni legislatori dell’UMNO – il più grande blocco della coalizione di governo – hanno ritirato il loro sostegno.

Mohieldin ha affermato che la recente crisi è stata il risultato del suo rifiuto di soddisfare le richieste, inclusa la caduta delle accuse di corruzione contro alcuni individui.

I politici dell’organizzazione, tra cui l’ex primo ministro Najib Razak e il leader del partito Ahmed Zahid Hamidi, sono accusati di corruzione.

Hanno negato qualsiasi illecito e sono stati tra coloro che hanno ritirato il loro sostegno a Muhyiddin questo mese.

Reuters/Associated Press

READ  Al via le sperimentazioni cliniche del vaccino Covid-19 senza ago