Giugno 15, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il presidente del Comitato olimpico australiano John Coates ha detto che l’opposizione alle Olimpiadi di Tokyo diminuirà con l’introduzione del vaccino COVID

Il presidente del Comitato olimpico australiano John Coates ha affermato che mentre il sentimento giapponese del colpo di stato contro le Olimpiadi di Tokyo era una “preoccupazione”, non poteva prevedere alcuno scenario in cui il torneo non sarebbe continuato.

Sono state sollevate domande sulla fattibilità di tenere i Giochi a luglio e agosto poiché Tokyo è in uno stato di emergenza mentre il Giappone continua la sua lotta per contenere la pandemia COVID-19.

Coates, funzionario del CIO in qualità di presidente del comitato di coordinamento, ha affermato di non avere dubbi sul fatto che i giochi, che sono già stati rinviati di un anno a causa della pandemia, continueranno come previsto.

“Sta decisamente andando avanti”, ha detto Coates ai giornalisti dopo aver ospitato l’assemblea generale annuale del Comitato olimpico australiano a Sydney.

“Il primo ministro del Giappone lo ha detto al presidente degli Stati Uniti due o tre settimane fa. Lo sta ancora dicendo al Comitato Olimpico Internazionale”.

Il signor Coates si è detto fiducioso che il “Manuale” dei requisiti sanitari per tutti i partecipanti che gli organizzatori hanno presentato la scorsa settimana fosse “una guida per giochi sicuri e di successo”.

Ma c’è una crescente opposizione in Giappone alle Olimpiadi Più di 230.000 persone hanno firmato una petizione chiedendone l’annullamento.

Un uomo che indossa una maschera per il viso passa attraverso uno schermo illuminato con dozzine di versioni degli anelli olimpici.
L’opinione pubblica in Giappone è stata a lungo contraria ad andare avanti con le Olimpiadi.(

Reuters: Athit Berawongmitha

)

“Questa è una preoccupazione”, ha detto Coates.

“Penso che ci sia una correlazione tra i numeri che sono preoccupati per la loro sicurezza e i numeri che sono stati vaccinati in Giappone.

È anche importante che gli organizzatori comunichino al pubblico giapponese l’efficacia delle precauzioni messe in atto per proteggerli, come evidenziato dagli eventi di test olimpici in corso a Tokyo, ha affermato Coates.

“Queste misure che abbiamo preso e stiamo testando in eventi pilota stanno dando i loro frutti”, ha detto il Vice Presidente del Comitato Olimpico Internazionale.

“Gli atleti nei test event sono in una bolla olimpica uguale a quelli che saranno nei giochi”.

Coates ha anche criticato il suggerimento che il CIO andasse avanti con i Giochi “ad ogni costo” per adempiere a contratti lucrativi con emittenti e sponsor.

“Se lo avessimo fatto, saremmo andati con loro l’anno scorso. Non l’abbiamo fatto”, ha detto.

“Non voglio che questi bambini perdano l’unica opportunità che hanno nella loro vita. Lo stiamo facendo in modo che questi bambini possano realizzare i loro sogni”.

Reuters

READ  Il leader dell'opposizione russa imprigionato Alexei Navalny sarà ricoverato in ospedale