Giugno 15, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il premio per The Big Door di Apple TV è Disruptive Hablis | TV/Streaming

Il premio per The Big Door di Apple TV è Disruptive Hablis |  TV/Streaming

Adattato dall’omonimo romanzo di MO Walsh da un team che include David West Read (“Schitt’s Creek”), “The Big Door Prize” presenta un cast corale guidato da Chris O’Dowd nei panni di Dusty, l’insegnante di storia europea del liceo. (ed esperto di fischietti) che incontriamo nel giorno del suo quarantesimo compleanno. Dopo aver festeggiato 40 regali separati a colazione con sua moglie Cass (Gabriel Dennis) e la loro figlia Trina (Juliet Amara), Dusty va felicemente al lavoro con il suo nuovo scooter. Le sue vertigini diminuirono durante una sosta all’emporio locale: una macchina blu scuro, decorata con una farfalla luminosa, chiamata Morpho, apparve durante la notte all’interno del negozio. Nessuno sa come ci sia arrivato. Una volta che gli hai fornito le tue impronte digitali e il numero di previdenza sociale, stampa un cartellino blu ordinato che ti rivela tutto il tuo potenziale. I risultati sono spesso spiacevoli: sulla carta di un personaggio si legge “falso”, mentre sulla carta di una casalinga, che si fa da sola magliette e magliette, si legge “Re”. La carta di Dusty lo manda in una spirale di intensa insicurezza: “The Teacher/Whistle”.

Non è solo nel suo smarrimento: la carta Morpho di Jacob (Sammy Fourlas) – lo studente introverso e confuso di Dusty, che è in lutto per la recente morte del suo amato fratello gemello in un incidente d’auto – recita “eroe”, cosa che lo sconcerta. Il padre di Jacob, Beau (Aaron Roman Weiner), che ha tutti i tratti distintivi di una mascolinità tossica, è ispirato in modo allarmante dalla sua carta, che recita “Sceriffo”. Padre Robin (Damon Gupton) è deluso dalla sua carta che dice “Padre”. L’unico che è abbastanza contento della sua energia è Giorgio (Josh Segarra, che si diverte nel ruolo), un ex giocatore professionista di hockey e ristoratore italiano, la cui carta recita “The Star”. Con grande sgomento di Dusty, presto tutto ciò di cui chiunque a Deerfield può parlare sono le carte Morpho blu, cosa significano, cosa dovrebbero/potrebbero significare e se qualcosa di tutto ciò è importante.

READ  Il 5° viale di Napoli si fa un bel segno con la segnaletica

Il famoso doppiatore Jim Meskimen nei panni del padre di O’Dowd, Carrie, si fa le risate più grandi nei panni di un uomo anziano che decide di inseguire un sogno stampato sulla sua carta Morpho: “Male Model”. La chimica di Gupton con Ally Mackie, che interpreta Hannah la barista, è dolce e calorosa, creando strati di connessione in una città che degenera rapidamente in litigi e rancore. Dopotutto, l’umanità si è rivolta a Dio e ha bevuto durante il tumulto sin dagli albori della civiltà. Ciò che rende la dinamica di Mackey e Gupton così affascinante è che Hannah è, nelle stesse parole di padre Robin, “l’unica persona a Deerfield che non ha bisogno di niente da lui”. I due attori meritano una serie diversa e migliore. O’Dowd ha anche una palla, in grado di bilanciare le profondità della delusione cosmica con la sua commedia d’avventura quotidiana. È come la risposta dell’Irlanda a Jason Bateman, in grado di misurare con facilità il dolore e le risate; La qualità della scrittura è quasi irrilevante nelle sue scene a causa della sua capacità di vendere la realtà di Dusty. C’è una sequenza particolarmente divertente in cui esegue l’interpretazione di Usher di “Yeah!” Nel suo regalo di compleanno meno gradito da Cass: un theremin.