Marzo 2, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il paese ha segnalato il suo primo caso mortale noto di malattia del cervo dell'Alaska

Il paese ha segnalato il suo primo caso mortale noto di malattia del cervo dell'Alaska

Funzionari sanitari statali questa settimana hanno segnalato il primo caso mortale noto di Vaiolo dell'Alaska In un uomo della penisola di Kenai che era immunocompromesso e stava ricevendo cure ad Anchorage quando morì a fine gennaio.

Funzionari sanitari affermano che una specie di virus del DNA a doppio filamento scoperta di recente, identificata per la prima volta in Alaska nel 2015, proviene dallo stesso genere del vaiolo, del vaiolo delle scimmie e del vaiolo bovino. Si verifica principalmente in piccoli mammiferi come arvicole e toporagni.

L'uomo è uno dei sette Secondo il Dipartimento di Epidemiologia dell'Alaska, fino ad oggi non è stato segnalato alcun caso di vaiolo in Alaska bollettino è stato rilasciato venerdì fornendo informazioni sulla morte.

I funzionari sanitari statali affermano che il caso fatale, che ha richiesto mesi per essere diagnosticato, è significativo perché in precedenza i boch dell’Alaska provocavano solo infezioni lievi. È significativo anche perché il caso è stato segnalato per la prima volta fuori dall'area di Fairbanks.

I funzionari affermano che è possibile che il sistema immunitario indebolito dell'uomo abbia contribuito alla gravità della sua malattia.

Fino a dicembre, le segnalazioni riguardavano una malattia relativamente lieve consistente in un'eruzione cutanea localizzata e ingrossamento dei linfonodi. Nessuna di queste persone aveva bisogno di cure, ma tutte avevano un sistema immunitario sano, secondo l'epidemiologo statale Dr. Joe McLaughlin.

Quest’ultimo caso suggerisce che il virus potrebbe essere più diffuso nei furetti e in altri piccoli animali dell’Alaska di quanto si pensasse in precedenza, spingendo lo stato a raccomandare agli operatori sanitari di assicurarsi di poter riconoscere i sintomi.

“Le persone non dovrebbero necessariamente essere preoccupate, dovrebbero essere più consapevoli”, ha detto Julia Rogers, un'epidemiologa statale coautrice del bollettino. “Quindi speriamo di rendere i medici più consapevoli di cosa sia il virus Alaskabox, in modo che possano identificarne i segni e i sintomi”.

READ  Un veicolo spaziale delle dimensioni di un microonde testerà una nuova orbita tra la Terra e la Luna

Un'ulteriore attenzione a quest'ultimo caso potrebbe portare ad un aumento del numero di casi di buckvirus dell'Alaska nello stato poiché sempre più persone riconoscono i sintomi e si sottopongono al test, hanno detto i funzionari venerdì.

I funzionari affermano che la causa di questa condizione fatale rimane poco chiara.

L'uomo, che viveva lontano e non aveva viaggiato da nessuna parte, probabilmente ha contratto il virus da un gatto randagio che stava dando la caccia a piccoli mammiferi e lo ha graffiato vicino alla zona in cui sono iniziati i primi sintomi. Il gatto è risultato negativo al virus, ma potrebbe averlo portato sulle zampe.

L'uomo aveva notato una protuberanza rossa sotto l'ascella lo scorso settembre e gli era stato prescritto un antibiotico dopo aver cercato assistenza medica più volte nell'arco di sei settimane, si legge nel bollettino. A metà novembre, i suoi sintomi erano cresciuti fino a includere affaticamento e dolore.

È stato ricoverato nella penisola di Kenai e poi trasferito ad Anchorage, dove ha riportato sintomi sempre più urgenti e lesioni simili al vaiolo, si legge nel comunicato. Una “batteria di test” a dicembre ha dato un risultato positivo al vaiolo bovino; Ha aggiunto che i test condotti dai Centers for Disease Control hanno confermato la presenza del vaiolo dell’Alaska.

L'uomo ha iniziato a migliorare dopo circa una settimana di trattamento con farmaci per via endovenosa, ma è morto alla fine di gennaio dopo aver sviluppato insufficienza renale e altri deterioramenti sistemici, secondo il comunicato.

READ  Il tempo è buono per i primi due lanci di SpaceX questo fine settimana

Funzionari sanitari consigliare Chiunque abbia una lesione la copre con una benda e segnala ogni possibile sintomo della malattia del seno dell'Alaska al proprio medico. Gli abitanti dell'Alaska dovrebbero anche praticare una buona igiene durante la caccia e la cattura di animali domestici che potrebbero entrare in contatto con animali come arvicole o toporagni.

Un residente della zona di Fairbanks con Alaskabucks ha riferito che il suo cane rotolava tra animali morti, ma non è chiaro se il contatto con il cane sia stato ciò che ha causato l'infezione del paziente, ha detto McLaughlin. Molte delle persone che in seguito risultarono positive all'Alaskabuckus inizialmente pensavano di avere morsi di ragno, hanno detto i funzionari, notando la capacità del virus di volare sotto il radar medico.

Il bollettino comprende nove raccomandazioni, che vanno dall'esortare gli abitanti dell'Alaska a usarlo Pratiche sicure Trasformare la fauna selvatica in cliniche che adottino misure per proteggere i pazienti e il personale immunocompromessi quando si trovano ad affrontare il virus.