Novembre 28, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il monumento davanti all’ospedale italiano è uno dei tanti in onore dei 5 milioni di persone morte a causa del covid.

Città italiana gravemente colpita COVID-19La prima ondata mortale dedica un vivido monumento ai morti dell’epidemia: un boschetto di alberi che producono ossigeno in un parco di fronte all’ospedale, dove molti sono morti per soffocamento.

Bergamo, nel nord Italia, sta dedicando monumenti alla perdita di vite perse da un’epidemia in molte comunità in tutto il mondo, che ha superato l’orribile soglia che ha confermato 5 milioni di morti.

Alcuni sono tratti da idee dell’artista o proposte di gruppi civici, mentre altri sono scene spontanee di dolore e disperazione. Ovunque, il lavoro di creazione di monumenti collettivi è in pieno svolgimento, la peste è tutt’altro che finita ei nuovi morti sono ancora in lutto.

Bandiere, cuori, nastri: da Londra a Washington DC e dal Brasile al Sud Africa, questi semplici oggetti rappresentano le vite delle persone infettate dal virus in monumenti accattivanti.

L’impatto combinato delle bandiere bianche sul National Mall di 20 acri nella capitale degli Stati Uniti è stato davvero mozzafiato, rappresentando gli oltre 740.000 americani uccisi da COVID-19, il più alto numero di morti nazionale ufficiale al mondo.

Gary Alexander Washington, 80 anni, della Carolina del Sud, è stato onorato da un uomo che è stato infettato dal vaccino e dal virus a marzo mentre lavorava come psicologo medico. La sua nipotina di 6 anni Izzy è crollata dal dolore quando ha visto la bandiera di suo “papà” – Momento catturato da un fotografo e condiviso su Twitter.

“Famiglie come me, siamo ancora in lutto”, ha detto Tanya, la figlia di Washington, che è andata da Atlanta per vedere il monumento. “È importante vedere in prima persona il rispetto che viene loro dato. Ha dato voce a tutti i nostri cari che hanno perso”.

READ  'Luca' porta il pubblico in Italia, ma per uno degli animatori del film il viaggio inizia ad Aurora

Un muro commemorativo a Londra, con cuori rosa e rossi dipinti da cari defunti su un muro sul Tamigi, rivela l’entità della perdita. L’intera lunghezza del monumento impiegherà nove minuti senza fermarsi a leggere i nomi e le iscrizioni. I cuori rappresentano più di 140.000 morti per virus corona nel Regno Unito, il secondo più alto in Europa dopo la Russia; Come in altre parti del mondo, si stima che il numero effettivo sia molto alto: 160.000.

“Sciocca le persone”, ha detto Fran Hall, portavoce delle famiglie separate per la giustizia del governo 19. Ha perso suo marito Steve Reid nel settembre 2020, il giorno prima del suo 66esimo compleanno. “Ogni volta che siamo stati qui, le persone si alzano e parlano con noi, e spesso piangono mentre passano, ringraziandoci”.

Nella capitale brasiliana, i parenti delle vittime del COVID-19 hanno piantato migliaia di bandiere bianche davanti al Congresso brasiliano e un giorno il numero di brasiliani emotivamente attivi ha raccolto più di 600.000 persone, diventando così il secondo più alto al mondo.

In Sud Africa, nastri blu e bianchi sono legati a una recinzione della chiesa presbiteriana di St. James a Bedford Garden, a est di Johannesburg, per commemorare gli 89.000 morti del paese: ogni nastro blu conta 10 vite, una bianca.

Il modo in cui vengono ricordate le vittime di guerre, atrocità e crisi sanitarie si è evoluto nel tempo. Dopo la prima guerra mondiale, nel tentativo di commemorare i sacrifici dei soldati ordinari, statue di generali di successo hanno portato alle tombe di soldati sconosciuti. L’Arco di Trionfo di Parigi fu uno dei più importanti.

READ  Report: Eric Lamela sta lavorando per un trasferimento estivo in Italia

“La prima guerra mondiale era un criterio che era più rilevante per l’epidemia di influenza del 1918”, ha detto Jennifer Allen, assistente professore di storia alla Yale University che ha studiato cimeli.

Quell’epidemia sembra ricordare un po’, con un po’ di attenzione su coloro che sono morti in guerra. “Questo è un momento di morte di massa”, ha detto Allen. “Ecco perché stiamo parlando della generazione perduta.”

Monumenti Italia Covit
Martedì 26 ottobre 2021, una donna cammina vicino al Bosco della Memoria, creato in memoria di coloro che sono morti di malattia Covit-19, al Barco della Truca a Bergamo, in Italia.

Luca Bruno / AB


Allen ha detto che i monumenti dell’Olocausto sono stati la prossima importante prova per le uccisioni di massa. Monumenti grandi e tradizionali, come il monumento dell’Olocausto di Berlino, e molti altri tributi personalizzati, come le cosiddette Pietre perse all’esterno degli edifici, erano ebrei che vivevano prima dell’Olocausto.

Dalla diffusione della penna dell’AIDS negli Stati Uniti e l’aggiunta di piazze per la morte dei propri cari, la crisi sanitaria è stata ora oggetto di memoriali su una scala simile a quelli che onorano i morti di COVID-19. La penna è cresciuta fino a quasi 50.000 piedi quadrati, rappresentando più di 105.000 persone.

Monumenti come la trapunta dell’AIDS e gli ostacoli hanno contribuito a confermare i ricordi di base e il desiderio di onorare le vittime come individui, ha detto Allen. Entrambi appaiono nei monumenti Govt-19.

“Vogliamo ottenere individui che creano milioni di morti”, ha detto Allen. «Come spesso si sottolinea: si tratta di madri, padri, fratelli, sorelle, figli, vicini di casa».

Il ricordo complessivo delle vittime del virus corona è complicato dal peso del dolore personale, che spesso era solo nella prima ondata, quando i funerali non potevano aver luogo e le persone care spesso morivano senza la presenza o il calore di una persona cara.

Il gruppo Facebook italiano Disease Denunciremo è stato lanciato come luogo di memoria pubblica di coloro che sono morti durante il primo grave blocco del paese, ed è rapidamente cresciuto in una raccolta di dati sui fallimenti trasmessi ai pubblici ministeri.

In India, uno dei paesi più colpiti al mondo, a febbraio è stata lanciata una memoria online chiamata www.nationalcovidmemorial.in che richiedeva presentazioni verificate con certificati di morte. Finora, ha solo 250 tributi, una piccola frazione degli oltre 457.000 decessi confermati, che è un numero elevato.

“Questo non è solo un promemoria, come possiamo rendere omaggio e dignità ai morti”, ha detto Abhijit Chaudhry del Govt Care Network, che ha avviato il memoriale dalla città orientale di Calcutta.


La Russia ripristina le restrizioni del governo 19

02:19

A San Pietroburgo, la seconda città più grande della Russia, a marzo è stata eretta una statua in bronzo dell'”Angelo triste” fuori da una scuola di medicina in onore di dozzine di medici e paramedici morti di COVID-19. La scultura di un angelo con le spalle abbassate e la testa penzoloni, in particolare il suo creatore, Roman Schustrov, è morto di virus nel maggio 2020.

L’Italia non ha dedicato un memoriale nazionale ai suoi circa 132.000 morti, ma ha designato un giorno della memoria del virus corona. Il premier Mario Draghi è stato tra i primi alberi appena piantati nel Parco Truca di Bergamo il 18 marzo, primo anniversario della figura immortale che ha portato i camion militari in altre città per la cremazione dopo l’affondamento dell’obitorio della città.

Il sindaco di Bergamo ha detto che la città sta valutando proposte per statue o targhe con i nomi dei morti. Uno era molto monumentale; Un altro ha ignorato il fatto che il numero di morti per mancanza di test non era stato ufficialmente calcolato.

“Il Bosco della Memoria è un monumento vivente che ci è sembrato subito così fermo, così emozionante, così vicino ai nostri sentimenti”, ha detto il sindaco di Pergamo Giorgio Cory.

Dei 700 alberi previsti per affrontare l’obitorio dell’ospedale, solo 100 sono stati piantati finora. Il resto dovrebbe essere piantato entro il 18 marzo del prossimo anno.

Non è prevista l’aggiunta di nomi, ma in un’occasione i propri cari rivendicarono la proprietà di un alberello: alla base vengono piantate delle rose, su cui sono appesi monumenti personali, e il nome scritto dal lutto su una roccia bianca: Sergio.