Luglio 2, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il Kenya punta a tagli di denaro nel marketing turistico in Giappone e in Italia

Economia

Il Kenya punta a tagli di denaro nel marketing turistico in Giappone e in Italia


CS Naguib Bilal Turismo. immagine del profilo | NMG

Il Kenya prevede di tagliare le spese di marketing in tre mercati di origine turistica tradizionali per liberare un budget pubblicitario a favore di cinque nuovi mercati come Cina, Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita e Corea del Sud, che secondo loro hanno un alto potenziale per visitatori e entrate.

Il Dipartimento del Turismo e della fauna selvatica ha dichiarato che stava interrompendo le campagne nei mercati tra cui Italia, Svizzera e Giappone a causa della quota inferiore ottenuta negli sforzi precedenti e di una previsione di crescita annuale più lenta equivalente all’1%.

La spesa sarà ora indirizzata a cinque mercati: Cina, Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita.

“Il Kenya potrebbe iniziare lanciando campagne di marketing dedicate a uno o due paesi con il più alto potenziale all’interno di ciascuna categoria: Stati Uniti, Regno Unito, Cina, Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita”, ha affermato il ministero in un nuovo documento strategico.

Leggi anche: Il Ministero deve mettere un tetto ai visitatori nei parchi e nelle riserve di caccia

“A causa della spesa di marketing limitata, dare la priorità ai budget di marketing è fondamentale per una comunicazione di successo. Altri mercati di approvvigionamento devono ancora essere coinvolti, ma l’attenzione al marketing dovrebbe essere nei paesi prioritari.

Le attività di promozione e marketing del turismo sono state stanziate per 1,06 miliardi di Sh nell’anno fiscale a partire da giugno, con un aumento del 18,3 percento rispetto a 897,89 milioni di Sh nel budget supplementare per l’anno fiscale in corso.

Ma non taglierà i budget di altri mercati tradizionali come Stati Uniti e Regno Unito, che hanno ancora un potenziale elevato basato su cifre e ricavi di 310.750 milioni di dollari (87,7 miliardi di Scellini) entro il 2030.

Il Kenya implementa iniziative promozionali tra cui tour promozionali, sponsorizzazione di agenti turistici invitati, pubblicità sui media stranieri per attirare visitatori per il tempo libero, riunioni, conferenze di incentivi ed eventi.

Altri investimenti includono regolamenti e politiche sulle strade aperte e una maggiore apertura dei visti.

I mercati sono sospesi a causa dei legami con il Kenya che lo rendono poroso e del potenziale per attirare più visitatori rispetto alla regione dell’Africa orientale. Altri mercati che il Kenya sta guardando a medio termine includono Canada, Germania, Francia, India e Corea del Sud.

Il ministero può anche ridurre le campagne nel mercato regionale con il pretesto di aumentare la spesa dei turisti per voli in coincidenza e visti, che porta a ritorni insufficienti.

Il turismo è stato tra i settori più colpiti dalla pandemia dopo la chiusura dei confini e la cancellazione dei voli, poiché le economie a livello globale si sono mosse per tenere sotto controllo la pandemia.

Faceva molto affidamento sulle prenotazioni anticipate di viaggiatori internazionali nel periodo pre-pandemia, con i clienti che ricevevano più della metà dei servizi di alloggio.

Leggi anche: Ministero del Turismo per costruire servizi igienici sul Monte Kenya

Ora si rivolgerà in gran parte al mercato locale che ha dato impulso al settore durante la pandemia con un numero elevato di visite agli hotel costieri, ai parchi a tema e agli eventi sportivi.

Il potenziale del mercato locale dovrebbe includere 12 milioni di persone in grado di godere e spendere per destinazioni locali entro il 2030, rispetto ai 6,6 milioni del 2019.

Il piano fa parte di una strategia quinquennale del settore turistico fino al 2025 sviluppata da un team composto da tour operator, quasi-governativi, leader della conservazione e finanziatori, guidato da Najib Bilala.

La spesa turistica dovrebbe tornare ai livelli del 2019 nel 2024, quando sono stati registrati 1,97 miliardi di dollari (229,4 miliardi di scellini) nella spesa totale per viaggi di piacere dai 40 maggiori mercati di origine del mondo.

Si prevede che quest’anno verranno spesi circa 1,38 miliardi di dollari (160,7 miliardi di scellini).

[email protected]

READ  I piani di Scion Benetton cambiano in una holding di famiglia