Luglio 4, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Red Bull compra il Leeds da Massimo Cellino – le voci erano vere?

A tre mesi dal giorno delle domande legali e riconvenzionali, il caso di Jean-Kevin Augustin è ancora nelle mani della Corte Arbitrale dello Sport.

In armonia con l’intera storia, non ci fu una rapida risoluzione della controversia; Non c’è una decisione urgente se il Leeds United o l’RB Lipsia debbano sostenere il costo del trasferimento non avvenuto o come verrà risolto il groviglio.

Mentre il dibattito su Agostino si riscaldava e si intensificava, raggiungendo infine l’ufficio del CAS a marzo, le relazioni tra Leeds e l’impero della Red Bull crebbero sempre di più.

Ma nonostante la brutta sensazione, i canali di comunicazione erano abbastanza stabili da consentire alla squadra della Premier League di completare gli acquisti di Brenden Aronson e Rasmus Christensen dal Red Bull Salisburgo una volta terminata la scorsa stagione, dimostrando che anche le organizzazioni contestate possono trovare un modo per fare affari.

La Red Bull chiede un risarcimento di 18 milioni di sterline per Augustin, una quota che il Leeds avrebbe dovuto pagargli due anni fa, ma vendendo Aaronson e Kristensen allo stesso club, la filiale di Salisburgo ha raccolto una somma separata di 35 milioni di sterline, denaro che farò sostenere il modello del club austriaco di assumere talenti emergenti e fare soldi da questi giocatori poco dopo per realizzare un buon profitto.

Leeds e Red Bull sono attualmente intrecciate: combattendo su un fronte, negoziando altri, incrociandosi regolarmente.

Anche l’allenatore del Leeds Jesse Marsh, che ha ricoperto tre dei suoi precedenti quattro incarichi manageriali presso il gruppo di club della Red Bull in tre diversi paesi, è un uomo che l’azienda di bevande energetiche conosce dall’interno.

READ  L'Italia pone fine all'emergenza COVID-19, le restrizioni da revocare gradualmente

Il Leeds, come base di fan ed entità culturale, si considera l’antitesi del modo di investire nel calcio della Red Bull.

La Red Bull è la macchina dell’azienda, una potenza finanziaria che non pensa a cambiare il marchio dei club, ridisegnare le magliette e cambiare il marchio in qualsiasi modo si adatti alla sua strategia. Il gruppo è straordinariamente caldo nel resistere alle critiche e nell’ignorare l’accusa che i loro club siano costruiti per la generazione di plastica.


Marsh durante il suo periodo alla guida dei New York Red Bulls, prima di lavorare per la Red Bull Salzburg e poi per la RB Leipzig. (Foto: Ira L. Black/Corbis via Getty Images)

Al contrario, il Leeds prospera sull’autenticità e sulle idee della vecchia scuola su cosa dovrebbe essere il calcio.

È il club in cui un tentativo impopolare da parte dell’allora nuovo proprietario Andrea Radrizzani di cambiare lo stemma nel gennaio 2018 ha provocato la morte entro sei ore, sepolta da un attacco dell’opposizione pubblica.

C’è stato un tempo in cui la prospettiva che la Red Bull acquistasse il Leeds United era più di un brutto sogno per le strade di Beeston.

La Red Bull non è ancora entrata nella Premier League inglese. Ma da più di un anno dopo il mandato di Massimo Cellino come proprietario del Leeds, il gruppo beverage – che possiede anche una squadra di calcio in Brasile, una squadra di Formula 1 e ha sponsorizzato una serie di eventi in tutto il mondo che vanno dagli sport estremi alla pallavolo – è stato il motivo delle chiacchiere sullo Yorkshire FC, con alcune Conversazioni sollevate dallo stesso Celino.

La prospettiva non ha trovato nulla e da allora non ha alzato la testa, ma molte delle persone che hanno partecipato a livello senior a Elland Road nel 2014 e nel 2015 credono che l’interesse fosse reale; Che il Leeds, all’epoca, fosse già sul radar della Red Bull.

Alla fine del 2014, Red Bull aveva fatto molta strada nel processo di costruzione della sua rete globale di squadre di calcio. È entrata nel mercato acquisendo SV Austria Salzburg nel 2005 e rinominandola Red Bull Salzburg. Stava usando un altro club austriaco, l’FC Liefering, come alimentatore per il Salisburgo, più o meno equivalente a una squadra di riserva.

Dopo quattro anni in Germania, l’SSV Markranstadt – un piccolo club con sede vicino a Lipsia, che ha giocato molto meno della Bundesliga – è diventato Rassen Polsport Leipzig (RB Lipsia). Nel frattempo, alla MLS, i Metrostars sono diventati i New York Red Bulls e il Marsch FC si è unito come capo allenatore nel 2015.

Questa espansione del gruppo calcistico è stata audace e dietro c’erano finanziamenti significativi. La resistenza ai cambiamenti estetici tentati dalla Red Bull non ha impedito alla società di andare avanti.

Entro la fine del 2014, Cellino possedeva per diversi mesi la città di Leeds.

Molto poco era diretto con l’italiano. Si è assicurato il controllo del Leeds in appello, dopo aver inizialmente dichiarato di aver violato il test dei proprietari e dei direttori dell’EFL, ma l’EFL ha aspettato il suo momento ed è tornato per colpirlo con un divieto di proprietà alla fine del 2014, una sanzione relativa ai casi di evasione fiscale in Italia .

Celino era un sopravvissuto e un tipo difficile da controllare, ma fermarlo ha avuto l’effetto di far sembrare il Leeds un club in vendita. Un’impresa può, date le circostanze, non avere altra scelta che vendere.

Nel novembre dello stesso anno, con la mobilitazione della FA per escludere Celino, sul Daily Mail è apparso un articolo sulla possibilità di un’offerta per il club proveniente dalla Red Bull. La notizia derivava da un broker che affermava di rappresentare la società chiedendo e assicurando un incontro con Celino nel Regno Unito.

Cellino era indignato, definendo la storia “irrispettosa” e liquidandola come infondata. “Abbiamo parlato con un agente che lavorava con la Red Bull, ma non l’ho mai incontrato e non so cosa voglia fare la Red Bull”, ha detto Cellino. “Non sto vendendo il club”.

La Red Bull non è stata abituata a rispondere liberamente alle speculazioni – il suo peso finanziario significa che le voci di un’ulteriore crescita nella sua impresa calcistica non erano insolite – ma in questo caso, ci è voluto del tempo per rispondere pubblicamente, anche se solo per un po’. “Possiamo confermare che la Red Bull non ha intenzione di acquisire il Leeds United o di prendere una partecipazione nel club.

L’accusa aveva colpito un muro entro 72 ore, schiaffeggiato da entrambe le parti.

Ma poi, tre mesi dopo, è emerso uno sviluppo che ha fatto sembrare più evidente l’interesse dei Red Bull Blades.

Comprendeva il Leeds Fans Utd (LFU), un nuovo gruppo di tifosi istituito con l’obiettivo di acquistare una quota di minoranza nel Leeds utilizzando i soldi raccolti attraverso le promesse della base di fan del club. L’idea era che acquistando una quota, il supporto del Leeds avrebbe avuto scarso input nella gestione e nella gestione del club e potenzialmente avrebbe avuto voce nel consiglio di amministrazione. Entro tre mesi dalla sua formazione, la campagna LFU aveva raccolto fondi di circa £ 400.000.

La sospensione di Cellino e i dubbi sulla sostenibilità della sua proprietà hanno spinto la LFU a cercare l’interazione con i potenziali acquirenti del club, per discutere la possibilità di un futuro coinvolgimento dei fan con loro. Nel febbraio 2015, il gruppo ha ricevuto un’e-mail da un rispettato agente di calcio britannico, offrendo loro un’offerta. I funzionari di alto rango della Red Bull erano disposti a parlare con i rappresentanti della LFU se i rappresentanti della LFU fossero disposti a recarsi in un luogo di incontro a Soho Square, Londra.

L’e-mail presumibilmente offre discussioni faccia a faccia con tre persone: Ralf Rangnick, l’allora direttore sportivo della Red Bull, Oliver Mintzlaff, capo del calcio mondiale e rappresentante legale di nome Florian Muller.

Non c’erano dettagli espliciti su ciò che la Red Bull stava pianificando o su cosa esattamente voleva discutere. La LFU non ha mai potuto dire inequivocabilmente se la proposta dell’incontro fosse reale o tutto ciò che sembrava. Tuttavia, non sembra esserci alcun motivo per suggerire un simile dibattito se la Red Bull non stesse almeno considerando l’opzione di acquisto a Leeds.


Radrizzani fu l’uomo che venne a porre fine al regno di Celino (Foto: Olly Scarf/AFP via Getty Images)

Ma la LFU ha rifiutato l’invito dopo aver chiesto assicurazioni che se la Red Bull avesse pensato di investire nel Leeds avrebbe dato ai fan un veto su questioni come rinominare il club, cambiare il colore della loro maglia o rinominare Elland Road. Il mediatore non è stato in grado di mantenere quelle promesse e le comunicazioni si sono concluse lì.

Celino era, in quel momento, assente dall’Inghilterra, per trascorrere la sua penitenza. Il Leeds era ufficialmente nelle mani di Eleonora Sport Limited, la società con cui aveva acquistato il club. Cellino, nonostante i suggerimenti contrari, ha convinto la Lega di essere completamente separato dalla sala del consiglio di Elland Road e non è stato coinvolto in alcuna decisione mentre il suo divieto è continuato. Ma nell’aprile 2015, con la sospensione che volge al termine, la storia degli investimenti della Red Bull è emersa di nuovo.

Celino ha risposto a una domanda iniziale dei media dicendo che “non era vero, solo un’altra storia” – solo per cambiare rapidamente tono collegandosi di nuovo alla stessa porta cinque minuti dopo. “Ho insistito per fare uno spettacolo. “Non lo sapevo ma ho appena parlato con Giampaolo Capone, uno dei dirigenti di Eleonora Sport. Ha detto che la Red Bull aveva fatto un’offerta per il club. Ci dovranno pensare i soci. Non lo so cosa faranno”. Ancora una volta, la Red Bull ha risposto rapidamente. “Non è prevista alcuna ulteriore partecipazione al calcio”, ha detto Mintzlaff ai media tedeschi. Era chiaro come la prima smentita sei mesi fa.

Ha detto un ex dipendente che lavorava con Celino a Leeds l’atleta che sebbene non fosse a conoscenza di alcun incontro, aveva l’impressione che l’interesse della Red Bull per il club fosse più di un pettegolezzo.

Per quanto riguarda la struttura proprietaria del club e la possibilità di vendere azioni, Cellino non ha l’abitudine di condividere informazioni con lo staff che lo circonda, ma diversi hanno optato per il collegamento Red Bull. Un altro ex dipendente ha affermato che, nonostante tutti i discorsi sulla Red Bull, non c’era punto in cui lo staff senior del club pensasse che una vendita fosse effettivamente sul tavolo. E le ossessioni abbondarono fino a svanire.

Per un po’, all’inizio della stagione 2015-16, i discorsi sulla Red Bull sono continuati a Elland Road. Si dice che Rangnick abbia partecipato ad almeno una partita al Leeds l’anno precedente. L’allora allenatore del club, Uwe Rossler, ha parlato di come è andato all’RB Lipsia per studiare prima di prendere la posizione a Elland Road, ma alla fine non c’era l’accesso della Red Bull al Leeds e nessuno scontro tra compagni di squadra a disagio e a disagio . Sette anni dopo, il gruppo ha continuato ad operare senza investimenti nel calcio inglese.

L’ultima volta che Celino ha menzionato la Red Bull è stato nel 2016, in un’intervista a un sito italiano. “Ho ricevuto un’offerta dalla Red Bull ma non voglio vendere. Ad eccezione di due giorni prima, Radrizzani è stato ospite del Cellinos durante la prima partita del Leeds della stagione 2016-2017, dopo la sconfitta per 3-0 in casa del Queens Park Rangers.

Due giorni dopo, è arrivata la notizia che Radrizzani era in trattative per acquisire il club, poiché ha lanciato un accordo di acquisizione da 45 milioni di sterline che scadrà una volta terminata la stagione, ponendo fine al regno di Cellino. Nel caso della Red Bull è stato molto simile a Celino: chiedi tutto, non scartare nulla e preparati sempre a indovinare.

(Immagine in alto: Matthew Lewis/Getty Images)