Agosto 10, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il governo italiano rischia il collasso mentre i cinque stelle evitano il voto di fiducia

  • I partiti di governo affermano che la mossa potrebbe portare alle elezioni autunnali
  • 5 stelle dicono che gli italiani in difficoltà hanno bisogno di più aiuto
  • Draghi ha escluso un nuovo governo senza 5 stelle

ROMA (Reuters) – Giovedì il Movimento 5 Stelle italiano non parteciperà al voto di fiducia in parlamento, ha detto il leader del partito Giuseppe Conte, una mossa che rischia di far cadere il governo del premier Mario Draghi.

Altri partiti della coalizione hanno avvertito che lasceranno il governo se boicotterà il voto a cinque stelle al Senato, mentre lo stesso Draghi ha affermato questa settimana che non guiderà un’amministrazione senza il partito di Conte a bordo.

L’ufficio del Primo Ministro non ha avuto commenti immediati mercoledì.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

La decisione a cinque stelle fa precipitare l’Italia nell’incertezza politica, rischia di minare gli sforzi per assicurarsi miliardi di euro in denaro dell’Unione europea e potrebbe portare a elezioni nazionali anticipate in autunno.

Dopo una giornata di intense discussioni di partito, Conte ha annunciato mercoledì in ritardo che non avrebbe sostenuto la proposta di fiducia, dicendo che il governo dovrebbe fare di più per affrontare i crescenti problemi sociali nella terza economia della zona euro.

“Ho grande paura che settembre sarà il momento in cui molte famiglie dovranno affrontare la terribile scelta di pagare la bolletta dell’elettricità o di acquistare cibo”, ha detto, riferendosi al forte aumento dei costi energetici.

Tuttavia, ha lasciato la porta aperta per ulteriori discussioni con Draghi sul superamento delle differenze politiche.

“Siamo completamente preparati al dialogo per dare il nostro contributo costruttivo al governo, a Draghi, (ma) non siamo pronti a scrivere un assegno in bianco”, ha detto.

READ  Roma seleziona consulenti per facilitare la vendita ITA italiana

Il presidente del Consiglio ha dichiarato martedì che se 5-Star smetterà di sostenere il governo, spetterà al presidente Sergio Mattarella decidere cosa fare dopo. Leggi di più

Tuttavia, Draghi, l’ex capo della Banca centrale europea, ha detto che non sarebbe disposto a guidare un nuovo governo senza un governo a 5 stelle.

Invito a votare

Due partiti della coalizione, la Lega di destra e il Partito Democratico di centrosinistra, hanno dichiarato mercoledì che un’elezione anticipata sarebbe stata l’esito più probabile in caso di crollo del governo.

“Se un partito di coalizione non sostiene un decreto del governo, basta, basta, sembra chiaro che bisogna andare alle elezioni”, ha detto il leader leghista Matteo Salvini.

La votazione è prevista per la prima metà del 2023. Portare il ballottaggio in autunno sarebbe molto insolito in Italia perché questo è il momento in cui tradizionalmente i governi redigono i propri bilanci, che devono essere approvati entro la fine dell’anno.

Mattarella ha chiesto a Draghi di formare una coalizione di unità nazionale all’inizio del 2020 per aiutare il Paese a superare la pandemia di COVID e ha convinto quasi tutti i partiti di tutto lo spettro politico a partecipare.

Il Movimento Cinque Stelle ha visto il suo sostegno erodersi nell’ultimo anno mentre ha lottato per stabilire una chiara identità per se stesso. Cercando di aumentare il suo profilo, da settimane si lamenta delle priorità del governo e chiede aiuti finanziari più generosi per le famiglie in difficoltà e continui finanziamenti per un programma di welfare che ha sostenuto per gli italiani poveri.

Il voto di fiducia di mercoledì copre un pacchetto di aiuti al costo della vita di circa 26 miliardi di euro. Include anche un provvedimento che consente alla città di Roma di costruire un gigantesco inceneritore di rifiuti, un progetto a cui 5 Stelle si oppongono da tempo.

Reportage aggiuntivo di Giuseppe Fonte e Angelo Amanti, scrittura di Crispin Palmer, Gavin Jones e Keith Weir, montaggio di Angus McSwan e Rosalba O’Brien

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.