Dicembre 3, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il G20 offre poche novità in termini di clima, lasciando il lavoro in sospeso per la COP26

  • Il presidente del G20 Draghi saluta il vertice come un successo
  • Segretario generale dell’Onu: “Lascio Roma e le mie speranze non si realizzano”
  • Il G20 si impegna a eliminare gradualmente l’energia dal carbone “il prima possibile”
  • Ong vede “mezze misure piuttosto che concrete misure urgenti”

ROMA (Reuters) – I leader del G20 hanno concordato domenica una dichiarazione finale che ha sollecitato un’azione “significativa ed efficace” per frenare il riscaldamento globale, ma ha assunto pochi impegni concreti, facendo arrabbiare gli attivisti del clima.

L’esito di giorni di difficili negoziati tra i diplomatici lascia un enorme lavoro da svolgere al più ampio vertice sul clima COP26 delle Nazioni Unite in Scozia, che inizia questa settimana.

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha elogiato l’incontro di Roma, affermando per la prima volta che tutte le nazioni del G20 hanno concordato sull’importanza di porre fine al riscaldamento globale al livello di 1,5°C che gli scienziati ritengono vitale per evitare i disastri.

“Ci siamo assicurati che i nostri sogni non solo fossero vivi, ma andassero avanti”, ha detto Draghi in una conferenza stampa di chiusura, ignorando le critiche degli ambientalisti secondo cui il G20 non era andato abbastanza lontano per risolvere la crisi.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, che venerdì ha avvertito che il mondo sta correndo incautamente verso la catastrofe climatica, ha affermato che il vertice di Roma non è stato tutto ciò che aveva sperato. Per saperne di più

“Mentre accolgo con favore il reimpegno del G20 per le soluzioni globali, lascio Roma e le mie speranze insoddisfatte, ma almeno non sono sepolte”, ha detto in un tweet su Twitter.

Il G-20, che comprende Brasile, Cina, India, Germania e Stati Uniti, rappresenta il 60% della popolazione mondiale e si stima che l’80% delle emissioni globali di gas serra.

READ  Le azioni del Monte Dei Paschi hanno chiuso in rialzo dopo aver cercato di riprendere i colloqui con l'Unione Europea

La soglia di 1,5°C è ciò che gli esperti delle Nazioni Unite affermano che deve essere rispettata per evitare una significativa accelerazione di eventi meteorologici estremi come siccità, tempeste e inondazioni e per raggiungerla raccomandano di raggiungere emissioni nette pari a zero entro il 2050.

La posta in gioco è alta, tra cui la sopravvivenza dei paesi bassi, l’impatto sui mezzi di sussistenza economici in tutto il mondo e la stabilità del sistema finanziario globale.

“Questo è stato il momento in cui il G20 ha dovuto agire con la responsabilità che ha in quanto principale responsabile delle emissioni, ma stiamo assistendo solo a mezze misure piuttosto che ad azioni concrete urgenti”, ha affermato Frederic Roeder, vicepresidente del Global Citizens Group for Sustainable Development Advocacy.

Il documento finale del vertice affermava che i piani nazionali esistenti su come ridurre le emissioni dovrebbero essere rafforzati “se necessario” e non si riferiva specificamente al 2050 come data per il raggiungimento dello zero emissioni nette.

“Siamo consapevoli che gli impatti del cambiamento climatico a 1,5°C sono molto inferiori a 2°C. Mantenere 1,5°C a portata di mano richiederà azioni mirate ed efficaci e l’impegno di tutti i Paesi”, afferma la nota.

Conseguenze dell’inattività

I leader hanno riconosciuto solo l'”importanza fondamentale” di fermare le emissioni nette “entro la metà del secolo o intorno”. Ciò ha rimosso la data del 2050 vista nelle versioni precedenti della dichiarazione di chiusura per rendere l’obiettivo meno specifico.

La Cina, il più grande emettitore di anidride carbonica al mondo, ha fissato una data obiettivo del 2060 e altri inquinatori come India e Russia non hanno raggiunto la data obiettivo del 2050.

Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha affermato che l’accordo è un buon segnale per la COP26, ma il primo ministro canadese Justin Trudeau ha indicato che avrebbe voluto vedere più ambizione.

“Non c’è dubbio che il Canada, insieme a un certo numero di altri paesi, avrebbe desiderato un linguaggio più forte e un impegno più forte nella lotta ai cambiamenti climatici più di altri”, ha detto ai giornalisti.

Gli esperti delle Nazioni Unite affermano che anche se gli attuali piani nazionali saranno pienamente attuati, il mondo si sta dirigendo verso un riscaldamento globale di 2,7°C, con conseguenze disastrose.

Draghi, il presidente in carica del G20, ha affermato che i paesi continueranno a migliorare i loro piani per ridurre le emissioni di carbonio nei prossimi anni, aggiungendo di essere rimasto sorpreso da quanto paesi come Cina e Russia abbiano cambiato posizione negli ultimi giorni.

“È facile suggerire cose difficili. È molto, molto difficile implementarle effettivamente”, ha detto.

La dichiarazione finale del G20 include l’impegno a smettere di finanziare la produzione di energia dal carbone all’estero entro la fine di quest’anno, ma non specifica una data per l’eliminazione graduale dell’energia dal carbone, promettendo di farlo “il prima possibile”.

Questo ha sostituito l’obiettivo fissato in una precedente bozza del comunicato finale per raggiungere questo obiettivo entro la fine del 2030, mostrando una forte resistenza da parte di alcuni paesi dipendenti dal carbone.

Il G20, inoltre, non ha fissato una data per l’eliminazione graduale dei sussidi ai combustibili fossili, affermando che mirerebbe a farlo “a medio termine”.

riduzione del metano

Sul metano, che ha un impatto più forte ma meno duraturo dell’anidride carbonica sul riscaldamento globale, hanno ammorbidito la loro formulazione da una precedente bozza che si impegnava a “cercare di ridurre significativamente le emissioni collettive di metano”.

READ  equitazione invernale | Stella quotidiana

La dichiarazione di chiusura riconosce semplicemente che la riduzione delle emissioni di metano è “uno dei modi più rapidi, fattibili ed economici per ridurre il cambiamento climatico”.

Fonti del G20 hanno affermato che i negoziati sono stati duri sulla cosiddetta “finanza per il clima”, che si riferisce all’impegno del 2009 delle nazioni ricche di fornire 100 miliardi di dollari all’anno entro il 2020 per aiutare le nazioni in via di sviluppo ad affrontare il cambiamento climatico.

Non sono riusciti a onorare l’impegno, creando sfiducia e riluttanza tra alcuni paesi in via di sviluppo ad accelerare i loro tagli alle emissioni.

Tuttavia, Draghi ha affermato che il deficit di finanziamento si è ridotto a meno di 20 miliardi di dollari e si aspettava che si chiudesse ulteriormente, con i paesi ricchi che considerano l’utilizzo dei finanziamenti del FMI per compensare il deficit.

I leader mondiali daranno il via alla COP26 lunedì con due giorni di discorsi che potrebbero includere alcuni nuovi impegni per ridurre le emissioni, prima che i negoziatori tecnici litighino sulle regole dell’accordo sul clima di Parigi del 2015.

Le Nazioni Unite hanno dichiarato la scorsa settimana che le concentrazioni di gas serra hanno raggiunto un record nel 2020 e che il mondo era “lontano dalla strada giusta” per porre fine all’aumento delle temperature. Per saperne di più

Segnalazioni aggiuntive di Crispian Palmer, Elizabeth Piper, Jeff Mason, Andrea Shalal, Michelle Rose e Giselda Fagnoni; Montaggio di Nick McPhee, David Evans e Frances Kerry

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.