Dicembre 1, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il film francese dovrebbe essere “più eccitante”, afferma il capo produttore

Il film francese dovrebbe essere "più eccitante", afferma il capo produttore

rilasciato in: Modificato:

Parigi (AFP) – Il capo della Pathé Films con sede a Parigi ha detto all’AFP che l’industria cinematografica francese deve concentrarsi sulle produzioni più incredibili per rimanere all’avanguardia nell’era delle trasmissioni in diretta e mantenere in vita i cinema.

La società di produzione sta attualmente riscuotendo un successo globale con CODA, un remake americano di un film francese su un’aspirante cantante e la sua famiglia sorda che cercano di conquistare la gloria dell’Oscar alla fine di questo mese.

Ma l’obiettivo principale di Pathe nei prossimi mesi è il tipo di spettacolo ad alto budget che considera vitale per attirare il pubblico dall’altra parte della sua attività: la sua catena di cinema.

Ha una serie di progetti di supporto che sfruttano alcuni dei personaggi più iconici della Francia, inclusi i riavvii del franchise di Asterix (“Asterix & Obelix: Il regno di mezzo”) e “I tre moschettieri”, entrambi previsti entro il prossimo anno.

Sono in programma anche film sul periodo di guerra di Charles de Gaulle a Londra e un remake de “Il conte di Montecristo”.

“Per attirare il pubblico, la Francia ha bisogno di film più eccitanti”, ha detto il presidente di Pathy Ardavan Safaei all’AFP in un’intervista presso la sua sede di Parigi.

“Il tipo di film che abbiamo creato fino a poco tempo fa – questa massa di 300 film all’anno – questo sistema non è praticabile a lungo termine”.

‘autenticità’

Pathé ha avuto così tanto successo all’estero con drammi così prestigiosi – “The Millionaire”, “The Queen” e “Selma” – che possono lottare per trovare supporto nella Hollywood ossessionata dai supereroi.

READ  Nessuna risposta alla mia prenotazione della navetta italiana

CODA, una rara produzione americana per l’azienda, fa particolarmente bene, guadagnandosi una serie di premi.

Domenica, ha vinto i BAFTA Awards a Londra per la sua sceneggiatura e l’attore non protagonista Troy Kotsur, il primo in assoluto per una persona sorda a quei premi.

Gerard Depardieu ha interpretato il fianco di Asterix Obelix in tre film di successo, ma è stato sostituito per un riavvio nel 2023 Francisco Basso fb

Questo segna un grande cambiamento negli ultimi anni dall’originale francese, “La Famille Belier”, nel 2014.

“I genitori erano rappresentati nella versione originale da attori non sordi – oggi non l’avremmo fatto”, ha detto Sfai.

Ha aggiunto con una risata: “Gli estremi di questa controversia non sono buoni – gli attori sono ancora attori. Abbiamo anche prodotto Virginia Evira in ‘Benedetta’ e non è una suora del 17° secolo”.

“Ma l’uso di attori sordi è stato così importante in questo film, che gli ha dato credibilità”.

flusso di concorrenza

Tornata a casa, tuttavia, non sorprende il motivo per cui Pathe vuole intensificare il suo gioco: è in lizza per l’attenzione di 8,4 milioni di famiglie francesi con un abbonamento Netflix.

Il governo ha lottato per proteggere un’industria cinematografica fortemente sovvenzionata e una vasta rete di cinema (la più grande pro capite d’Europa) con regole rigide su quanto tempo le piattaforme di streaming devono aspettare per le nuove uscite.

Netflix ha acquistato franchise, investendo 200 milioni di euro solo quest’anno nella produzione francese, inclusi 40 milioni di euro per dieci uscite cinematografiche, ma questo ha solo ridotto il ritardo da tre anni a 15 mesi.

Pathé ha avuto un grande successo realizzando film britannici come The Queen
Pathé ha avuto un grande successo realizzando film britannici come The Queen Evan Agostini Getty Images Nord America / Getty Images / AFP

Sfai ha affermato che la protezione fornita dalla Francia è importante, ma potrebbe andare troppo oltre.

READ  La pagina delle star Regé-Jean di "Bridgerton" ha appena pubblicato la devastante terza stagione di notizie su Instagram

Ha detto che l’Italia e la Spagna hanno meno leggi, il che è stato devastante per le loro catene di cinema. Ma questo ha anche attirato maggiori investimenti da parte delle emittenti, in particolare per le serie, che probabilmente favoriranno una nuova generazione di talenti.

“Attualmente opera in Francia, ma se le piattaforme continuano a crescere e aiutano i nostri vicini a crescere e non forniamo loro un posto… rimarremo indietro”, ha avvertito Safai.

“Se non facciamo nulla, temo che tra 10 anni i nostri vicini in Gran Bretagna, Spagna e Italia ci supereranno…”