Agosto 9, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il film di Federico Fellini che ha sconvolto Mark Mothersbaugh

Il film di Federico Fellini che ha sconvolto Mark Mothersbaugh

Non c’è nessuno come Mark Muthersbau. Forse è per questo che nessuna band è come i Devo. Responsabile della creazione di uno dei 20 singoli più mancini degli anni ’70, la stravagante band dell’Ohio ha mescolato con successo la ferocia ad alto numero di ottani della new wave e della prima elettronica con il surrealismo più familiare ai fan di Salvador Dali rispetto a quelli di Siouxie e The Banshees . Non sorprende, quindi, che Mothersbaugh, il compositore principale della band, sia stato un fan di lunga data del mondo onirico del cinema di Federico Fellini.

Quando si è aperto su alcune delle sue registrazioni preferite, Mothersbaugh, che è anche autore di film, ha discusso della fertile colonna sonora di Nina Rota per Fellini. satirico. Pubblicato nel 1969, questo dramma fantasy oscuro è ispirato alle opere dell’omonimo Petronio, scritte ai tempi di Nerone e ambientate nell’antica Roma. Quando arrivano i cinema, Satyricon Fellini Ha sbalordito le masse tanto quanto ha scosso l’establishment. In altre parole, era il film perfetto per un giovane manifestante contro il Vietnam come Mark Muthersbau.

Mothersbaugh protestò contro la partecipazione americana alla guerra del Vietnam quando era studente alla Kent State University all’inizio degli anni ’70. In effetti, la deliberata distruzione del Vietnam e del suo popolo da parte della sua nazione ha attivamente ispirato le basi politiche sovversive di Defoe. “Dal 1968 al 1970”, ha detto Mark, “il Kent State è stato un posto fantastico”. forcone. “Hanno coinvolto persone come Morton Subbotnik, il pioniere della musica elettronica sperimentale, invece di una visione chitty chitty bang bang Nel teatro locale, puoi andare a vedere Satyricon FelliniChe mi ha fatto impazzire. Questo film non aveva quasi dialoghi ed è stata una delle colonne sonore più creative di sempre”.

Nina Rota ha doppiato tutti i più grandi film di Fellini, un talento incredibile per una delle registe più prolifiche di qualsiasi scrittrice del 20° secolo. Ha scritto oltre 150 brani per produzioni italiane e internazionali dagli anni ’30 fino alla sua morte nel 1979. Sono tre colonne sonore ogni anno per oltre 46 anni. Per non parlare delle numerose esibizioni di balletto, opera e concerti che scriveva contemporaneamente. La somma dei suoi punti negli inferi è a favore satirico Lussureggiante e astuto mentre ci lavorava Amarcord E il Niente Dolce Vita, ma anche più sperimentale. .scheda audio satirico Non sembra nient’altro. Mescolando elettronica, ritmo consumato e arrangiamenti di chitarra dissonanti, l’intonazione della rotazione è assolutamente intimidatoria e indubbiamente allettante. Assicurati di controllare la suite qui sotto.

Segui la rivista Far Out sui nostri canali social, all’indirizzo FacebookE il Twitter E il Instagram.

READ  Cumberbatch afferma che Netflix è vitale per il cinema in un "tempo incerto" - Canali TV