Maggio 17, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il Duca porta la magia e l’arguzia della commedia britannica nella storia vera di una delle più strane rapine d’arte della storia.

Il 21 agosto 1961, un misterioso ladro irruppe nella National Gallery di Londra e rubò il ritratto del Duca di Wellington di Francisco Goya, un dipinto recentemente acquisito dal governo britannico del valore di £ 140.000. Le autorità sconcertanti presumevano che il furto fosse opera dei principali criminali; Non sapevano che l’autore era un pensionato di 60 anni di Newcastle di nome Kimpton Bunton. O così ha condotto tutti alla fede.

Fu una rapina così sfacciata che catturò l’attenzione della nazione. Una replica del dipinto scomparso è apparsa come scena nel film originale di James Bond, Dr.

Bond fa un cameo in The Duke, un film leggermente immaginario su un ladro d’arte novocastiano che lo trasforma in una sorta di eroe popolare, almeno come interpretato dal vincitore Jim Broadbent, che dà vita al loquace ed esemplare Ponton in una performance di arguzia e carisma.

Un vecchio con un impermeabile grigio scuro e un cappello nero con in mano un altoparlante su una strada grigia a Londra accanto a un ragazzo con un cartello
“Nonostante sia costantemente maltrattato dal mondo”, ha detto il regista Roger Michel nelle sue note alla stampa, “Kimton è stato un eterno ottimista ed energico”.(In dotazione: trasmissione)

L’ultimo film, diretto dal compianto regista teatrale Roger Michel (Notting Hill, mia cugina Rachel), è uno di quei film che gli inglesi sembrano sempre fare bene: un delizioso tour storico con una piccola sovversione confortante; Sempre turbolento in un modo che sembra progettato per attrarre un pubblico cinematografico più anziano e redditizio.

Questa non è una critica. The Duke è il tipo di film che Hollywood non fa più, tra alti e bassi: intelligente, guidato dal personaggio, un luccichio malizioso negli occhi, un film che può intrattenere comodamente un’intera famiglia senza intravedere lo spandex.

Broadbent è il cuore e l’anima del film nei panni di Bunton, il tumultuoso pensionato di Newcastle che è la definizione di “personaggio”. Veterano, drammaturgo e scrittore esperto, è anche un agitatore anti-establishment e un eroe in stile popolano, con grande dispiacere della sua longanime moglie, Dorothy (Helen Mirren).

“Smettila con tutta la tua eccitazione”, implora a un certo punto, Mirren attirando brillantemente la sua fatica e l’indignazione.

Una donna bianca di 60 anni con i capelli grigi e gli occhiali indossa abiti per le pulizie degli anni '60 e scope per i corridoi
“Kimpton è il sognatore e Dorothy è il collante che tiene unita la famiglia”, ha detto il produttore Nikki Bentham nelle sue note alla stampa.(In dotazione: trasmissione)

Il controverso idealismo di Bunton gli rende difficile mantenere un lavoro, mentre i suoi figli adulti (Fionn Whitehead e Jack Bandera) sognano e pianificano, e Dorothy assume il lavoro come governante. Hanno perso una figlia, di cui nessuno dei due genitori vuole parlare. Quasi certamente alimenta il crescente senso di ingiustizia globale di Ponton.

Quando lo abbiamo incontrato per la prima volta, questo guerriero della classe operaia stava combattendo una battaglia con la BBC sulla sua campagna per fornire licenze TV gratuite a anziani e veterani, una crociata che lo ha portato brevemente al banco degli imputati.

Bunton può ripagare come un giusto profondamente insopportabile nelle mani sbagliate, ma Broadbent interpreta un aspirante Robin Hood con il suo irresistibile umorismo nordico, suggerendo anche un uomo la cui incapacità di far fronte alla perdita potrebbe mandarlo attraverso i colpi di scena.

Quando arriva a Londra per protestare contro la sua licenza televisiva, siamo pienamente convinti che sia un uomo capace di intrufolarsi nella National Gallery e strappare costose opere d’arte che considera un vergognoso spreco di denaro pubblico.

“Tofs si prende cura della sua gente”, borbotta Bunton, “spende i nostri sudati soldi per un ritratto mezzo cotto di uno spagnolo ubriaco, di un duca che era un bastardo per i suoi uomini e ha votato contro il suffragio universale”.

Dipinto del duca di Wellington del periodo romantico che mostra un uomo bianco con un mantello rosso reale con finiture dorate.
Il 21 agosto segna un altro famoso furto d’arte. La Gioconda di Leonardo da Vinci è stata rubata dal Louvre esattamente 50 anni fa dal Duca.(In dotazione: trasmissione)

La battuta è una caratteristica di una sceneggiatura, scritta dai drammaturghi Richard Bean e Cliff Coleman, che è cosparsa di delizioso sarcasmo anti-establishment, che ironicamente delizia un dipartimento di polizia ignorante convinto che la rapina debba essere stata opera di una banda di truffatori abilmente orchestrata —o, in una delle gag asciutte per il film, Gli italiani.

Michel presenta la maggior parte di questo come commedia leggera, con un mosaico ricorrente e scheggiato sullo schermo e una colonna sonora vagamente jazz (del compositore veterano George Fenton) che è in chiaro dialogo con la propensione per il furto d’arte della Hollywood degli anni ’60 (è una meraviglia che Blake Edwards e Peter Sellers non ha messo mano su questa storia.)

Tuttavia, il Duca non è altro che una storia di ansia di classe. Il film ha molto da dire sull’Inghilterra della classe operaia e sui limiti dell’attivismo, anche se cattura il paradosso del suo stile disinvolto e del suo stile: il radicalismo storico visto attraverso la sicura lente della nostalgia per il periodo divertente e divertente.

Un uomo bianco e una donna sulla sessantina che indossano cappotti, cappelli e occhiali, guardando la telecamera davanti a una tenda.
“abbiamo bisogno [people like Kempton] Chi sono gli audaci nei panni del potere, scettici su tutto ciò che gli viene detto di ingoiare”, ha detto Michel nelle note alla stampa.(In dotazione: trasmissione)

E mentre Ponton è, per molti versi, un ideale classico la cui devozione al cosiddetto bene comune significa che trascura le persone che lo circondano, Michel e Broadbent alla fine smentiscono queste contraddizioni mentre si appoggia all’amato eroe popolare, completato con un po’ di splendore. Dal clown dell’aula e dall’allegro ritornello dei Peanut Show del film di Frank Capra.

È difficile essere convinti della fede del film nell’umanità collettiva quando i suoi design sono così stereotipati, ma come pezzo di intrattenimento – con un impressionante messaggio a favore del furto – è profondamente soddisfacente.

Il Duca è al cinema ora.

Caricamento in corso

READ  Il funzionario distrettuale appare nel reboot horror ambientato a Chicago, dove il vero horror si diffonde nel cinema horror | criminalità e tribunali