Marzo 4, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il conduttore di Sky News Andrew Bolt ha descritto la sospensione delle estradizioni in Israele da parte dell’Australia Post come una riflessione “morale” sul governo federale

Il conduttore di Sky News Andrew Bolt ha descritto la sospensione delle estradizioni in Israele da parte dell’Australia Post come una riflessione “morale” sul governo federale

Una società di corriere di proprietà del governo federale australiano ha smesso di consegnare ordini in Israele nel contesto della guerra in corso in Medio Oriente, nonostante altri corrieri internazionali operino il servizio come al solito.

Il conduttore di Sky News Andrew Bolt ha rivelato mercoledì che mentre Australia Post si è rifiutata di spedire nella regione devastata dalla guerra citando “problemi di sicurezza in corso” in ottobre, il principale fornitore di servizi logistici Pack & Send ha continuato le consegne durante il periodo del conflitto armato tra Israele e Israele. entusiasmo.

Bolt ha detto di essere stato informato del problema da un insegnante di scuola locale che si è recato all’ufficio postale australiano e ha tentato di inviare diverse lettere, ma il servizio postale ha rifiutato.

Ha poi verificato con un punto vendita Pack & Send a Balmain se le consegne erano state interrotte tramite le aziende, solo per sentirsi consigliare di “inviare una lettera a Tel Aviv, Israele, che è accettabile”.

“Ora, questo è strano, perché abbiamo controllato. Pack & Send ci ha detto che potevano inviarci roba in Israele. DHL (la società madre) dice di non preoccuparci. I voli continuano ancora da e per l’aeroporto Ben Gurion”, ha detto Bolt.

“L’Australia Post dice che può inviare la posta in un’altra zona di guerra, in Ucraina. Ma non in Israele, non in Israele.”

Il conduttore di Sky News ha anche affermato che la questione non riguardava solo la logistica, ma piuttosto l’approccio “morale” del governo australiano alla guerra, poiché ha equiparato l’interruzione dei servizi di spedizione verso Israele a un movimento di “boicottaggio razzista”.

READ  Un marito rivela dettagli scioccanti dopo che uno squalo ha portato sua moglie in vacanza

Oltre alle preoccupazioni per la sicurezza, Australia Post ha affermato che la limitata capacità di volare nel paese è stata anche un motivo per la sospensione temporanea delle consegne dei corrieri.

“La sospensione rimarrà in vigore fino a quando non saremo in grado di garantire la disponibilità del trasporto da e per Israele e una consegna sicura”, si legge sul sito web della società.

“I clienti che hanno recentemente inviato articoli in Israele potrebbero vedersi restituire i loro articoli… Ci scusiamo per eventuali inconvenienti e continueremo a monitorare attentamente la situazione.”

Mentre la maggior parte delle compagnie aeree internazionali continua ad essere cauta riguardo ai voli per Israele, i principali fornitori di servizi cargo si sono mossi per riprendere le consegne dopo una breve pausa.

FedEx, la più grande compagnia di spedizioni internazionale, ha annunciato che avrebbe ripreso i suoi servizi pochi giorni dopo lo scoppio dei combattimenti del 7 ottobre.

UPS ha inoltre ripreso le consegne e i ritiri in tutte le aree, ad eccezione delle immediate vicinanze della Striscia di Gaza e delle aree circostanti la zona di conflitto.

Parlando con Bolt nel suo programma mercoledì sera, il senatore nazionale Matt Canavan ha detto che è stato scoperto uno “scandalo” gestito dall’Australian National Post.

“È uno scandalo assoluto che il nostro corriere nazionale non possa consegnare la posta, la posta essenziale, nello stesso modo in cui altre società internazionali possono continuare a consegnare i pacchi”, ha affermato.

“Penso che ci aspettiamo che il nostro corriere internazionale sia in grado di continuare a consegnare posta e posta alle nostre forze armate quando sono in pericolo.

READ  Sky News Australia sta abbandonando TikTok per motivi di sicurezza nazionale

“Per quanto ne so, questo è continuato mentre negli ultimi decenni abbiamo avuto uomini e donne militari dispiegati in Iraq e Afghanistan. Pertanto, sembra del tutto illogico il motivo per cui non possono fornire servizi postali a Israele.