Agosto 5, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il cambiamento climatico e la luna stanno collaborando per creare inondazioni record sulla Terra

Al momento della stesura di questo rapporto, Almeno 120 persone sono state confermate morte a causa di gravi inondazioni in Europa occidentale. È tragicamente probabile che quando questa storia finirà, il numero sarà molto più alto. Portavoce del servizio meteorologico tedesco (DWD) Ha detto alla CNN Che in alcune zone non c’è stata molta pioggia in 100 anni.

Politici ed esperti hanno notato che questi eventi meteorologici estremi sono strettamente legati ai cambiamenti climatici. Ma un’altra cometa, menzionata sopra, influenza anche il tempo: le “oscillazioni” dell’orbita lunare.

Infatti, pochi giorni prima del diluvio, a uno studio Scienziati della NASA e dell’Università delle Hawaii hanno avvertito sulla rivista Nature Climate Change che la Terra potrebbe subire inondazioni record a metà degli anni 2030 a causa dei cambiamenti nell’orbita della luna.

“Il cambiamento climatico sta causando l’innalzamento del livello del mare, che a sua volta sta aumentando il tasso di inondazioni elevate”, ha detto a Salon via e-mail il professore e astronomo di Harvard Avi Loeb. “La forza gravitazionale della luna attira l’acqua negli oceani nella sua direzione. La resistenza della luna cambia di anno in anno, mentre la luna “oscilla” nella sua orbita, cambiando leggermente la sua posizione rispetto alla Terra in un ciclo ritmico di 18,6 anni. ” In metà del ciclo, ha spiegato Loeb, la forza della luna sulla Terra provoca l’aumento delle maree e la diminuzione dell’altezza delle maree. Durante l’altra metà, le maree aumentano e le maree diminuiscono.

“Attualmente stiamo assistendo alla parte del ciclo di amplificazione delle maree e il prossimo ciclo di amplificazione delle maree inizierà a metà degli anni ’30”, ha osservato Loeb. Per allora, il livello del mare globale sarà aumentato abbastanza da rendere particolarmente fastidiose quelle onde più alte del normale.

READ  Il tratto freddo continua, ma all'orizzonte si profilano giornate più calde

Ma mentre l’orbita della luna non è qualcosa che gli esseri umani possono controllare facilmente, il cambiamento climatico causato dall’uomo è l’altra metà dell’equazione.

Il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier ha dichiarato: “Solo se affrontiamo con decisione il cambiamento climatico saremo in grado di prevenire condizioni meteorologiche estreme come quella che stiamo vivendo”. Il ministro dell’Ambiente Svenja Schulz ha dichiarato pubblicamente che “il cambiamento climatico è arrivato in Germania”.


Vuoi più storie di salute e scienza nella tua casella di posta? Iscriviti alla newsletter settimanale del salone mondo volgare.


“Affronteremo eventi simili ancora e ancora”, ha dichiarato in una nota Armin Laschet, primo ministro del Nord Reno-Westfalia e candidato a sostituire la Merkel come cancelliere tedesco. “Ciò significa che dobbiamo accelerare l’azione di protezione del clima, a livello europeo, federale e globale, perché il cambiamento climatico non è limitato a un solo paese”.

Sebbene la misura in cui il cambiamento climatico abbia contribuito alle inondazioni storiche rimane poco chiara, l’avvertimento di Laschet in particolare è indiscutibile.

In effetti, gli scienziati del clima affermano che una tempesta perfetta di variabili sta cadendo per minacciare le città costiere.

“Il cambiamento climatico sta alzando inesorabilmente il livello del mare, e questo si aggiunge a inondazioni inquietanti, nonché a tutte le mareggiate e all’erosione costiera”, ha scritto per Salon Kevin Trenberth, scienziato del clima presso la University Foundation for Atmospheric Research. “Ma gli effetti maggiori si hanno quando le cose si allineano: alta marea, una grande tempesta con l’elemento vento onshore che accumula acqua lungo la costa e poi aggiunge grandi onde in cima. Il processo è in gran parte non lineare e gli effetti maggiori hanno grandi onde a marea molto alta.”

READ  La Terra primitiva è stata bombardata da asteroidi delle dimensioni di una città, forse 10 volte più massicci di quanto si pensasse

Ken Caldera del Carnegie Endowment for Global Environment ha detto a Salon via e-mail che il pianeta ha le sue fluttuazioni naturali quando si tratta di periodi di caldo o freddo, e di periodi umidi o secchi. “Sono gli estremi che ci colpiscono, non il cambiamento delle condizioni medie. Lo sbiancamento dei coralli si verifica quando un’ondata di calore oceanico è esacerbata dal riscaldamento globale, trasformando un evento che i coralli si sono adattati a uno che non sono disposti ad affrontare”, ha detto. Caldera.

Ha aggiunto che ciò che il nuovo studio ci ricorda è l’esistenza di un ciclo lunare di 18,6 anni di crescita e l’ampiezza delle maree è diminuita. Tracciato in cima ai cicli giornalieri e ad altri mensili, questo ciclo di 18,6 anni ci consente di prevedere quando l’innalzamento del livello del mare causato dallo scioglimento dei ghiacciai e dai mari in espansione termica avrà maggiori probabilità di influenzare i sistemi umani e naturali.

Caldera ha espresso la speranza che la nostra conoscenza dell’imminente disastro della città costiera costringerà i responsabili politici a prendere le misure necessarie per compensare il cambiamento climatico. Sfortunatamente, ha osservato, “i mari si alzano e si abbassano con cicli naturali, ma l’interferenza umana con il sistema climatico fa sì che i mari si muovano in una sola direzione – e questa tendenza è verso l’alto”.

“È probabile che passeranno almeno decine di migliaia di anni prima che la natura possa riflettere pienamente l’influenza umana a livello del mare”, ha aggiunto.