Giugno 16, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il bilancio delle vittime del virus Corona è impreciso?

Una morte in un giornale indiano rivela che il bilancio delle vittime nel paese potrebbe essere molto peggiore di quanto indicano le statistiche ufficiali del governo.

Un giorno dopo che l’India ha stabilito record mondiali di morti e feriti giornalieri da COVID-19 di oltre 4.000 persone sono state uccise e 412.000 nuove infezioniIl rapporto spiega perché continuano a diffondersi voci sul presunto insabbiamento.

Washington PostHo cercato il necrologio su un giornale locale Nella città occidentale di Rajkot per un giorno in aprile e ha scoperto che c’erano più di 240 avvisi di morte di persone che erano morte a causa di COVID-19.

Questo numero è in netto contrasto con una cifra ufficiale del governo di Rajkot e dell’area circostante che ha mostrato solo 12 morti quel giorno.

il post Le affermazioni sulle statistiche del crematorio di tre città selezionate casualmente hanno mostrato “una differenza significativa rispetto ai dati ufficiali” e “sembravano catturare solo una frazione del tempo”. Covid-19 Casi di morte “.

Relazionato: La situazione è peggiorata nell’India colpita dal virus

I crematori funzionano giorno e notte

News.com.au aveva precedentemente segnalato la discrepanza Tra gli organi, il bilancio delle vittime ufficiali del governo. A Lucknow, solo nel crematorio COVID, il numero di corpi è arrivato in sei giorni diversi in aprile rispetto ai dati del governo.

“Lavoriamo giorno e notte”, ha detto un dipendente. “Gli inceneritori funzionano a tempo pieno, ma molte persone devono ancora aspettare con i cadaveri per gli ultimi riti”.

La scorsa settimana l’epidemiologo di Harvard Erik Feigl Deng ha descritto la situazione come “estremamente preoccupante”.

Libri “La morte è soppressa”. “Al crematorio di Bhopal, 187 corpi sono stati cremati seguendo i protocolli COVID in quattro giorni, il tutto mentre il bilancio ufficiale delle vittime è rimasto solo a cinque”.

READ  Le autorità hanno detto che 5.000 migranti dal Marocco sono arrivati ​​nell'enclave spagnola di Ceuta in un giorno

Un giornalista di Nuova Delhi all’inizio di questa settimana ha detto a news.com.au che stava assistendo a “massacri assoluti” e scene che somigliavano a una “situazione di guerra mondiale” con “cadaveri ovunque”.

Taher bin Manzoor ha detto di essere rimasto scioccato da ciò che stava vedendo.

È una situazione bellicosa in cui vedi cadaveri ammucchiati. Alcuni di loro sono marci con i loro parenti e familiari che aspettano ore nei crematori, che di solito sono affollati in un’area con forni accesi tutto il giorno “.

Le preoccupazioni sull’effettivo numero di vittime in India arrivano quando le statistiche scioccanti rivelano il bilancio del COVID-19 in altre parti del paese.

Relazionato: La foto virale rivela l’incubo dell’India

La povertà aggrava la crisi

Un nuovo studio mostra che circa 230 milioni di indiani sono caduti in povertà a causa dell’epidemia dello scorso anno, con i giovani e le donne i più colpiti, e l’attuale seconda ondata minaccia di peggiorare le cose.

Un rapporto della Azim Premji University, con sede a Bangalore, afferma che il rigoroso blocco in India dallo scorso marzo ha portato quasi 100 milioni di persone a smettere di lavorare, con circa il 15% incapace di trovare lavoro nemmeno entro la fine dell’anno.

Lo studio, pubblicato mercoledì, ha mostrato che le donne hanno ottenuto il peggio in quel gruppo, con il 47% delle donne lavoratrici incapaci di assicurarsi un lavoro anche dopo che le restrizioni sui virus sono state revocate.

Il rapporto, che identificava i poveri come coloro che vivono con meno di 375 rupie (5 dollari) al giorno, afferma: “Nonostante il calo del reddito in generale, l’epidemia ha causato enormi perdite alle famiglie povere”.

READ  I brasiliani fluttuano per le strade allagate mentre i fiumi si gonfiano nell'Amazzonia

La terza economia più grande dell’Asia era nel mezzo di un rallentamento prolungato anche prima che colpisse il COVID-19, ma la pandemia ha distrutto anni di guadagni.

L’anno scorso, si stima che 50 milioni di indiani sarebbero usciti dalla povertà. Al contrario, il 20% più povero delle famiglie ha visto il proprio reddito totale svanire ad aprile e maggio a causa della cessazione dell’attività.

“Inutile dire che la seconda ondata peggiorerà le cose”, ha detto Amit Basol, uno degli autori del rapporto.

Molte famiglie si sono adattate alle perdite di reddito spendendo meno in cibo e debiti, con il 20% degli intervistati che ha rivelato che la propria assunzione di cibo non è migliorata nemmeno dopo sei mesi.

Relazionato: I viaggi di salvataggio in India sembrano buoni

Pop loda il “duro lavoro” durante la seconda ondata in India

La chiusura dell’anno scorso ha portato a un esodo di massa di milioni di lavoratori migranti che si sono diretti verso i loro villaggi, con molti che pianificano di tornare dopo la riapertura dell’economia per lavoro.

Ma lo studio afferma che una persona su tre sotto i 25 anni non ha trovato un lavoro fino alla fine dell’anno dopo aver perso il lavoro durante la chiusura.

Con la seconda, viziosa ondata del virus che ha investito gli ospedali e imposto nuove restrizioni all’attività economica nella maggior parte del paese, è probabile che i milioni di indiani le cui vite sono già in condizioni pericolose vedano le loro condizioni peggiorare.

Questa situazione suscita la preoccupazione di Papa Francesco, che giovedì ha elogiato il lavoro “instancabile” dei paramedici in India e li ha esortati a restare forti nel messaggio di sostegno al Paese colpito dal Coronavirus.

READ  Samoa cancella un progetto portuale sostenuto dalla Cina guidato dal nuovo leader Famei Naomi Matafa

In un messaggio alla Conferenza episcopale cattolica in India, il Papa ha espresso la sua “sincera solidarietà e vicinanza spirituale a tutto il popolo indiano”.

“I miei pensieri sono diretti principalmente ai pazienti e alle loro famiglie, a coloro che si prendono cura di loro, e in particolare a coloro che provano dolore per la perdita dei loro cari”, ha detto.

“Penso anche ai tanti medici e infermieri, operatori ospedalieri, autisti di ambulanze ea coloro che lavorano instancabilmente per rispondere ai bisogni immediati dei loro fratelli e sorelle.

“Con il mio profondo apprezzamento, porto a tutti loro i doni di Dio per la perseveranza, la forza e la pace”.

Con Agence France-Presse