Maggio 23, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il benessere economico chiave per la stabilità sociale: The Tribune India


Super Roy


Analista economico senior

L’India ha ottenuto risultati piuttosto scarsi in due recenti rapporti globali: il World Happiness Report delle Nazioni Unite e il Global Inequality Report, entrambi per il 2022. È uno dei paesi più infelici al mondo (classificato 136 su 146) e uno con un punteggio molto alto grado di reddito e mancanza di uguaglianza di ricchezza (classificato 97 su 107 nella disuguaglianza di reddito). Quest’ultimo è un elenco in ordine inverso, ovvero un basso grado di disuguaglianza ottiene un rango elevato.

C’è una relazione tra la felicità o la sua assenza e la disuguaglianza nella ricchezza e nel reddito? Possiamo sostenere che l’estrema disuguaglianza di reddito si traduce in infelicità sociale? In tal caso, è essenziale che le politiche pubbliche scoraggino le disuguaglianze di reddito estreme. Successivamente, sorge la domanda su quali siano i modi migliori per ridurre la disuguaglianza di reddito.

Ma prima diamo un’occhiata ai paesi che hanno fatto bene in termini di felicità ed uguaglianza economica. C’è una significativa sovrapposizione tra le prime 15 liste. Questi sono Finlandia, Islanda, Danimarca, Norvegia, Svezia, Paesi Bassi, Irlanda e Australia. Provengono tutti dal Nord Europa (ad eccezione dell’Australia, sebbene siano culturalmente e storicamente simili), e un numero predomina dalla regione scandinava. Soprattutto, questi paesi sono noti per il loro record di buona governance.

Quindi la risposta breve e rapida potrebbe essere: per essere una società felice, evita le tensioni sociali che derivano da disuguaglianze di reddito estreme e vivi e governa da solo come fanno gli scandinavi.

Passiamo ora ad alcuni dettagli della politica. Tutti i paesi nordici hanno livelli di sicurezza sociale molto elevati che coprono non solo la salute e l’istruzione, ma molto di più. Sono serviti da sistemi di trasporto pubblico altamente efficienti e dispongono di un sistema di distribuzione dell’energia ben sviluppato che consente ai residenti di tenersi al caldo in climi estremamente freddi per gran parte dell’anno.

READ  Il distributore di componenti del Derbyshire è stato acquistato da un'azienda italiana

Ma forse la cosa più importante è la natura dei loro mercati del lavoro che non sono solo funzionali ma robusti. Ciò significa che le aziende e le aziende seguono una politica di assunzione e licenziamento. Quando non c’è bisogno di un lavoratore, gli viene chiesto di andare, mentre è ben retribuito secondo una procedura di separazione ben definita e dettagliata.

Ma soprattutto, cosa fa un lavoratore quando viene licenziato perché non ha le competenze per essere in grado di utilizzare la nuova tecnologia emersa che potrebbe aver portato alla perdita del lavoro in primo luogo?

Il sistema paga per riqualificarlo. Esiste un rigoroso processo di riqualificazione in base al quale lo stato paga per la riqualificazione in modo che i lavoratori possano acquisire nuove competenze e quindi possano tornare al lavoro rientrando nel mercato del lavoro. Inoltre, durante il periodo di riqualificazione, il lavoratore non deve provvedere al proprio sostentamento ma viene corrisposta l’indennità di disoccupazione.

Ciò è in netto contrasto con la situazione dell’Europa meridionale in paesi come l’Italia dove c’è poca flessibilità nel mercato del lavoro. Gli imprenditori non sono in grado di eliminare i lavoratori che hanno competenze vecchie e inutili con l’introduzione di nuove tecnologie di produzione. Quindi non sorprende che l’Italia non sia in nessuna delle prime 15 liste di felicità e bassa disuguaglianza.

Il sistema indiano non si avvicina a nessuno di questi modelli europei. Durante i decenni successivi all’indipendenza, l’India ha cercato lentamente di muoversi verso la concessione dei diritti sindacali ai suoi lavoratori, il che ha reso difficile per gli imprenditori licenziare quelli non più necessari.

READ  Il primo ministro Imran Khan ha detto al ministro degli Esteri italiano che è "vitale stabilizzare la situazione della sicurezza" in Afghanistan

Poi è arrivata una grande rottura con l’introduzione della misura attuale. Le numerose nuove leggi sul lavoro in via di introduzione daranno maggiore flessibilità agli imprenditori e, nel tempo, potranno così contribuire ad aumentare la produttività nelle operazioni aziendali. Ma non c’è stato un processo simultaneo di innalzamento del livello di sicurezza sociale disponibile.

È indiscutibile che affinché l’economia cresca e funzioni in modo più efficiente, deve essere facile per le aziende introdurre nuove tecnologie e allo stesso tempo è necessaria la flessibilità del mercato del lavoro. Un lavoratore che sa come far funzionare un tornio deve farsi da parte da qualcun altro che può azionare una macchina utensile automatizzata. Ma lui e la sua famiglia non possono morire di fame durante la riqualificazione.

È anche indiscutibile che il rigoroso processo di tutela dei diritti dei lavoratori con cui i sindacati indiani operano da decenni, derivato dal cosiddetto modello sovietico, non ha posto ai nostri giorni. In termini di politica economica, ciò che il Paese deve fare è avvicinarsi gradualmente al modello scandinavo in modo che ci sia pace e prosperità crescente in India con redditi più alti e meno tensioni sociali derivanti dalle disuguaglianze di reddito.

Ma questo non è tutto. Le società scandinave sono omogenee e libere da tensioni socio-comunitarie. Inoltre, c’è un forte senso di responsabilità sociale che spinge questi Paesi a fare la scelta immediata di accogliere i rifugiati vittime di conflitti etnici, come i Rohingya che sono stati espulsi dalle loro case in Myanmar.

L’India ha una società diversificata con la presenza di molte caste e religioni diverse. La politica ufficiale deve lavorare contro coloro che hanno un’agenda politica per portare avanti la loro causa esacerbando le divisioni sociali.

READ  Piazza de Belmont nel Bronx è tornata con cene all'aperto in Arthur Street

Pertanto, la necessità dell’India oggi per aumentare il quoziente di felicità della sua gente è seguire le politiche economiche dei paesi scandinavi che sono caratterizzati da una sicurezza sociale avanzata e un mercato del lavoro flessibile. Ciò aumenterà i redditi e ridurrà le tensioni sociali derivanti dalle disparità di reddito.

È anche necessario scoraggiare tensioni e conflitti tra seguaci di religioni diverse. Quando ci saranno progressi in questo senso, la disuguaglianza economica diminuirà e la società nel suo insieme sarà più felice. Quindi la posizione dell’India migliorerà su entrambi gli elenchi che abbiamo menzionato all’inizio di questo articolo.