Luglio 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I video che evidenziano il sorprendente declino cognitivo di Biden sono diventati virali, con la famiglia del presidente che lo incoraggia a rimanere in corsa

I video che evidenziano il sorprendente declino cognitivo di Biden sono diventati virali, con la famiglia del presidente che lo incoraggia a rimanere in corsa

Diversi video che evidenziano il declino cognitivo del presidente Joe Biden sono diventati virali tra le crescenti richieste al presidente 81enne di ritirarsi dalla mischia elettorale del 2024.

La campagna di Biden è in modalità di contenimento dei danni da giovedì sera (ora degli Stati Uniti), quando il presidente americano più anziano di sempre è apparso agitato e ha faticato a formulare frasi coerenti durante un dibattito con l’ex presidente e candidato repubblicano Donald Trump.

Molti video sono apparsi e si sono diffusi ampiamente dopo il dibattito, mostrando un Biden più giovane e più capace di esprimersi nei dibattiti precedenti.

Un video visto da più di cinque milioni di persone mostra un confronto tra Joe Biden nel dibattito di giovedì e la sua performance nei dibattiti nel 2019 e nel 2020 durante le primarie democratiche e la campagna elettorale generale.

La clip, condivisa dal comico britannico Russell Brand, inizia con Biden che difende i diritti civili nel 2019.

“Credo ancora che dobbiamo apportare cambiamenti fondamentali nei diritti civili. “Questi diritti civili, tra l’altro, si estendono non solo agli afroamericani, ma anche alla comunità LGBT”, ha detto Biden, allora 77enne.

La clip poi passa direttamente a una frase confusa del dibattito del 2024.

“Vuole farla franca, togliere la capacità di Medicare di, uh, per poter, per…” ha detto l’81enne Biden prima di interrompere il filo dei suoi pensieri.

Le clip del 2020 hanno poi mostrato Biden mentre si difendeva dagli attacchi legati alla sua passata opposizione agli autobus prima che l’allora vicepresidente venisse visto lanciare un messaggio forte che incoraggiava le persone a votare. Intervallato da un’altra frase confusa della settimana scorsa.

“Non mi sono opposto agli autobus in America. Ciò che mi oppongo sono gli autobus ordinati dal Dipartimento dell’Istruzione. Questo è ciò a cui mi sono opposto”, si può vedere dire il giovane Biden.

TAGLIO AL DIBATTITO DI GIOVEDI: “Assicurarci di essere in grado di rendere ogni singola persona idonea per ciò che siete stati in grado di fare con il coronavirus. Mi dispiace, per quanto riguarda la gestione di tutto il nostro aspetto.

READ  Un generale ucraino afferma che i combattimenti nel paese nordorientale “sono peggiorati in modo significativo”

Poi Biden ha detto di nuovo nel 2020: “Deciderai tu l’esito di queste elezioni. Vota, vota, vota. Se puoi votare presto nel tuo stato, vota presto. Se puoi votare di persona, vota di persona. Vota la soluzione migliore per te.” “Perché lo farai, non potrà fermarti.”

La clip mostra poi la frase finale del dibattito di giovedì e la risposta data subito dopo dal presidente Trump.

“E continuerò ad agire finché non otterremo un divieto totale dell’Iniziativa Globale rispetto a ciò che faremmo con più pattuglie di frontiera e più funzionari per l’asilo”, ha detto Biden, 81 anni.

Trump ha risposto a nome di molti telespettatori, dicendo: “Non so davvero cosa abbia detto alla fine di quella frase, e non credo che nemmeno lui sappia cosa abbia detto”.

Un altro video condiviso dal sondaggista repubblicano Frank Luntz mostra l’allora vicepresidente Biden che fa un punto emozionante e tagliente durante il dibattito alla vicepresidenza del 2012 con il compagno di corsa di Mitt Romney, Paul Ryan.

Il video, che mostra l’allora 69enne Biden attaccare per circa un minuto e mezzo le posizioni del candidato repubblicano sulle tasse, ha avuto più di 11 milioni di visualizzazioni.

La diffusione dei video rispecchia i risultati dei sondaggi post-dibattito, che hanno rilevato che solo il 28% degli elettori registrati ritiene che Biden dovrebbe candidarsi alla presidenza, incluso solo il 54% del partito del presidente.

Tra gli intervistati, il 72% ha affermato che il presidente degli Stati Uniti non ha la salute mentale e cognitiva necessaria per assumere la carica di presidente.

Nonostante ciò, notizie provenienti dagli Stati Uniti indicano che i familiari del presidente Biden stanno esortando l’81enne a non ritirarsi dalla corsa.

Il presidente ha trascorso il fine settimana a Camp David con la moglie Jill Biden, i suoi figli e i suoi nipoti.

READ  Fiori e torta per la Giornata internazionale della donna, ma nessuna parità salariale

Secondo quanto riferito da Associated Press e Reuters, la First Lady e suo figlio Hunter Biden sono tra i più accesi sostenitori della permanenza di Biden in corsa, con la coppia che incolpa lo staff che ha preparato il presidente degli Stati Uniti per la sua scarsa prestazione nel dibattito.

Tuttavia, lo scarso rendimento del dibattito ha spinto alcuni difensori di Biden nei media a chiedere al presidente di ritirarsi dalla corsa, con il comitato editoriale del New York Times che ha addirittura scritto: “Per servire il suo paese, il presidente Biden deve lasciare la corsa”.

Ciò è in netto contrasto con il modo in cui in passato molti media e l’establishment democratico hanno respinto le preoccupazioni sulle capacità cognitive del presidente.

Lo scorso febbraio, il leader della maggioranza democratica al Senato Chuck Schumer ha affermato che l’acutezza mentale di Biden aveva portato a un declino della “propaganda di destra”, mentre il deputato democratico Dan Goldman ha affermato che il presidente aveva una “memoria fotografica”.

La portavoce della Casa Bianca Karine Jean-Pierre ha semplicemente liquidato le preoccupazioni sull’età del presidente definendole “disinformazione e disinformazione”.

Secondo il caporedattore del quotidiano The Australian, Greg Sheridan, molti democratici e giornalisti di sinistra vedono Donald Trump come “l’incarnazione di una sorta di male trascendente” e quindi credono che “tutto ciò che ferma Trump è moralmente giustificato”. “

“Fino a quel dibattito, criticare Biden per essere chiaramente incompetente era in qualche modo visto come favorevole al ritorno di Trump”, ha detto Sheridan.

Il veterano corrispondente degli affari esteri ha affermato che l’insistenza di Biden nel candidarsi nonostante la sua “evidente inidoneità al lavoro” ha mostrato “l’estremo egoismo” del presidente.

“È incredibilmente testardo. Come la maggior parte degli uomini che si candidano alla presidenza, crede di essere il dono più grande che Dio abbia mai ricevuto. E ora abbiamo due lati della politica con due pessimi candidati”, ha detto Sheridan.

READ  Il principe Harry perde l'offerta dell'Alta Corte per pagare le guardie di polizia armate e deve affrontare una fattura legale di 900.000 dollari australiani

“Il Partito Democratico è in uno stato di caos completo… Questo è un errore commesso da Biden”.

Ma Sheridan ha anche detto che le persone non dovrebbero sottovalutare Biden, che era “abbastanza abile”.

“La migliore informazione che ho ottenuto è che lavora un numero ragionevole di ore ogni giorno. Lavora qualche ora tra le 10 e le 4, e generalmente sa cosa sta facendo; non è fuori dalla sua portata”, ha detto.

Biden la pensa così

Sheridan ha anche affermato che il presidente degli Stati Uniti si è circondato di “cortigiani”, con figure come il segretario di Stato Antony Blinken che agiscono “come il suo staff”.

“Odia essere criticato e ha creato un sistema in cui nessuno lo critica. Odia essere contraddetto. Può essere molto cattivo a porte chiuse”, ha detto Sheridan.

“E ha progettato fin dal primo giorno una posizione in cui non poteva essere sfidato. Voglio dire, ha scelto Kamala Harris come suo vicepresidente, in parte perché soddisfaceva i criteri della politica identitaria, ma a mio avviso, soprattutto perché non era una alternativa stimolante.”

“Se Biden avesse adesso un vicepresidente competente, il dibattito sarebbe finito”.

Ma Sheridan ha detto che, a meno che Biden non accettasse di dimettersi, sarebbe stato il candidato democratico alle prossime elezioni.

“La risposta breve è che non esiste alcun meccanismo attraverso il quale possano costringerlo a dimettersi, a meno che non lo faccia volontariamente. Non c’è nulla nel suo carattere che suggerisca che abbia quel tipo di interesse per qualcosa al di là di se stesso. Quindi, a meno che non lo faccia volontariamente, è lui il candidato.”

“E il pensiero finale è che, per quanto strano – il che è sorprendentemente strano – potrebbe ancora vincere, penso che Trump sarebbe il favorito, ma non si può escludere che Biden vinca”.