Dicembre 8, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I turisti trovano sicurezza dopo che le inondazioni hanno chiuso le strade

Centinaia di ospiti dell’hotel intrappolati dal flash Alluvione in Valle della Morte Il parco nazionale degli Stati Uniti è stato in grado di uscire dopo che gli equipaggi hanno ripulito un sentiero attraverso rocce e fango, hanno detto i funzionari sabato, ma le strade danneggiate dalle acque alluvionali o soffocate dai detriti dovrebbero rimanere chiuse fino alla prossima settimana.

Il National Park Service ha affermato che gli elicotteri della Marina e le pattuglie della California Highway stavano conducendo ricerche aeree in aree remote alla ricerca di veicoli bloccati, ma non ne hanno trovati.

Tuttavia, potrebbero volerci giorni per valutare i danni: il parco vicino al confine di stato tra California e Nevada ha più di 1.609 chilometri di strada su 1,3 milioni di ettari.

Le auto sono rimaste bloccate nel fango e nei detriti a causa delle inondazioni improvvise al The Inn at Death Valley nel Death Valley National Park. (AFP)

Non sono stati segnalati feriti a causa della pioggia record di venerdì.

Il parco ha subito 3,71 cm di pioggia nell’area di Furnace Creek.

Questo è circa il 75 percento di ciò che l’area ottiene tipicamente in un anno e più che mai registrato durante il mese di agosto.

I funzionari del parco hanno affermato che dal 1936, l’unico giorno in cui si è verificata più pioggia è stato il 15 aprile 1988, quando sono caduti 3,73 centimetri.

Nikki Jones, una ristoratrice che vive in un hotel con i suoi colleghi dipendenti, ha detto che stava piovendo quando è uscita per la colazione venerdì mattina.

Quando tornò, l’acqua accumulata raggiunse rapidamente l’ingresso della stanza.

“Non potevo crederci”, ha detto Jones. “Non ho mai visto l’acqua salire così velocemente in vita mia.”

Temendo che l’acqua raggiungesse la loro stanza al piano terra, Jones e le sue amiche posarono i bagagli sui letti e usarono gli asciugamani in fondo alle porte per impedire all’acqua di scorrere.

Mud Canyon Road è stata chiusa a causa di inondazioni improvvise nella Death Valley, in California, (AFP)

Per circa due ore, si sono chiesti se sarebbero annegati nell’acqua.

“Le persone intorno a me dicevano di non aver mai visto niente di così brutto e di aver lavorato qui per un po’”, ha detto Jones.

Mentre la loro stanza è stata salvata, altre cinque o sei stanze dell’hotel sono state allagate.

I tappeti in quelle stanze sono stati successivamente rimossi.

La maggior parte della pioggia, poco più di un pollice, è arrivata sotto forma di acquazzoni epici tra le 6:00 e le 8:00 di venerdì, ha affermato John Adair, meteorologo del National Weather Service di Las Vegas.

Le inondazioni “hanno interrotto l’accesso da e verso la Death Valley, spazzato via le strade e creato molti detriti”, ha detto Adair.

L’autostrada 190 – un’importante arteria attraverso il parco – tra Furnace Creek e Pahrump, in Nevada, dovrebbe riaprire entro martedì, hanno detto i funzionari.

Le auto sono rimaste bloccate nel fango e nei detriti a causa delle inondazioni improvvise all’Inn at Death Valley. (AFP)

Il personale del parco bloccato da strade chiuse sta continuando a rifugiarsi sul posto, tranne che per le emergenze, hanno detto i funzionari.

“Gli alberi e le intere rocce stavano lavando via”, ha detto John Cerlin, un fotografo per una compagnia di avventure con sede in Arizona che ha assistito all’inondazione mentre era seduto su un masso in collina, cercando di catturare immagini di fulmini mentre la tempesta si avvicinava.

“Il rumore di alcune rocce che cadono dalla montagna è stato incredibile”, ha detto in un’intervista telefonica venerdì pomeriggio.

L’acqua si è ritirata nella maggior parte delle aree, lasciando dietro di sé uno spesso strato di fango e ghiaia. Circa 60 veicoli sono stati parzialmente sepolti nel fango e nelle macerie.

Sono stati segnalati diversi danni stradali e le linee d’acqua residenziali sono state tagliate nell’area del parco di Cow Creek in più punti.

L’Interstate 190 è stata chiusa a causa di inondazioni improvvise nel Parco nazionale della Valle della Morte, in California. (AFP)

Circa 20 palme sono cadute sulla strada vicino a uno dei rifugi e alcune abitazioni del personale sono state danneggiate.

“Con l’intensità e la natura diffusa di questa pioggia, ci vorrà del tempo prima che tutto si ricostruisca e riapra”, ha dichiarato il direttore del parco Mike Reynolds in una nota.

La tempesta è arrivata sulla scia di gravi inondazioni all’inizio di questa settimana nel parco 193 chilometri a nord-ovest di Las Vegas.

Alcune strade sono state chiuse lunedì dopo essere state ricoperte di fango e detriti dalle piogge torrenziali che hanno colpito anche il Nevada occidentale e l’Arizona settentrionale.

Le piogge del venerdì sono iniziate intorno alle 2 del mattino, secondo Cerlin, che vive a Chandler, in Arizona, e visita il parco dal 2016.

“Era più estremo di qualsiasi cosa avessi visto là fuori”, ha detto Cerlin, guida principale di Incredible Weather Adventures che ha iniziato a inseguire tempeste in Minnesota e nelle alte pianure negli anni ’90.

Questa mattina è stato emesso un avviso di viaggio mentre una fitta nebbia copre Brisbane.

River City si sveglia in bianco mentre la nebbia inghiotte la città

“Molti dei lavaggi scorrevano a diversi piedi di profondità”, ha detto. “Forse c’erano 3 o 4 piedi di roccia che coprivano la strada”.

READ  Buckingham Palace afferma che la 95enne le ha torto la schiena e non parteciperà al memoriale
Centinaia di ospiti dell’hotel intrappolati dal flash Alluvione in Valle della Morte Il parco nazionale degli Stati Uniti è stato in grado di uscire dopo che gli equipaggi hanno ripulito un sentiero attraverso rocce e fango, hanno detto i funzionari sabato, ma le strade danneggiate dalle acque alluvionali o soffocate dai detriti dovrebbero rimanere chiuse fino alla prossima settimana.

Il National Park Service ha affermato che gli elicotteri della Marina e le pattuglie della California Highway stavano conducendo ricerche aeree in aree remote alla ricerca di veicoli bloccati, ma non ne hanno trovati.

Tuttavia, potrebbero volerci giorni per valutare i danni: il parco vicino al confine di stato tra California e Nevada ha più di 1.609 chilometri di strada su 1,3 milioni di ettari.

Le auto sono rimaste bloccate nel fango e nei detriti a causa delle inondazioni improvvise al The Inn at Death Valley nel Death Valley National Park. (AFP)

Non sono stati segnalati feriti a causa della pioggia record di venerdì.

Il parco ha subito 3,71 cm di pioggia nell’area di Furnace Creek.

Questo è circa il 75 percento di ciò che l’area ottiene tipicamente in un anno e più che mai registrato durante il mese di agosto.

I funzionari del parco hanno affermato che dal 1936, l’unico giorno in cui si è verificata più pioggia è stato il 15 aprile 1988, quando sono caduti 3,73 centimetri.

Nikki Jones, una ristoratrice che vive in un hotel con i suoi colleghi dipendenti, ha detto che stava piovendo quando è uscita per la colazione venerdì mattina.

Quando tornò, l’acqua accumulata raggiunse rapidamente l’ingresso della stanza.

“Non potevo crederci”, ha detto Jones. “Non ho mai visto l’acqua salire così velocemente in vita mia.”

Temendo che l’acqua raggiungesse la loro stanza al piano terra, Jones e le sue amiche posarono i bagagli sui letti e usarono gli asciugamani in fondo alle porte per impedire all’acqua di scorrere.

Mud Canyon Road è stata chiusa a causa di inondazioni improvvise nella Death Valley, in California, (AFP)

Per circa due ore, si sono chiesti se sarebbero annegati nell’acqua.

“Le persone intorno a me dicevano di non aver mai visto niente di così brutto e di aver lavorato qui per un po’”, ha detto Jones.

Mentre la loro stanza è stata salvata, altre cinque o sei stanze dell’hotel sono state allagate.

I tappeti in quelle stanze sono stati successivamente rimossi.

La maggior parte della pioggia, poco più di un pollice, è arrivata sotto forma di acquazzoni epici tra le 6:00 e le 8:00 di venerdì, ha affermato John Adair, meteorologo del National Weather Service di Las Vegas.

Le inondazioni “hanno interrotto l’accesso da e verso la Death Valley, spazzato via le strade e creato molti detriti”, ha detto Adair.

L’autostrada 190 – un’importante arteria attraverso il parco – tra Furnace Creek e Pahrump, in Nevada, dovrebbe riaprire entro martedì, hanno detto i funzionari.

Le auto sono rimaste bloccate nel fango e nei detriti a causa delle inondazioni improvvise all’Inn at Death Valley. (AFP)

Il personale del parco bloccato da strade chiuse sta continuando a rifugiarsi sul posto, tranne che per le emergenze, hanno detto i funzionari.

“Gli alberi e le intere rocce stavano lavando via”, ha detto John Cerlin, un fotografo per una compagnia di avventure con sede in Arizona che ha assistito all’inondazione mentre era seduto su un masso in collina, cercando di catturare immagini di fulmini mentre la tempesta si avvicinava.

“Il rumore di alcune rocce che cadono dalla montagna è stato incredibile”, ha detto in un’intervista telefonica venerdì pomeriggio.

L’acqua si è ritirata nella maggior parte delle aree, lasciando dietro di sé uno spesso strato di fango e ghiaia. Circa 60 veicoli sono stati parzialmente sepolti nel fango e nelle macerie.

Sono stati segnalati diversi danni stradali e le linee d’acqua residenziali sono state tagliate nell’area del parco di Cow Creek in più punti.

L’Interstate 190 è stata chiusa a causa di inondazioni improvvise nel Parco nazionale della Valle della Morte, in California. (AFP)

Circa 20 palme sono cadute sulla strada vicino a uno dei rifugi e alcune abitazioni del personale sono state danneggiate.

“Con l’intensità e la natura diffusa di questa pioggia, ci vorrà del tempo prima che tutto si ricostruisca e riapra”, ha dichiarato il direttore del parco Mike Reynolds in una nota.

La tempesta è arrivata sulla scia di gravi inondazioni all’inizio di questa settimana nel parco 193 chilometri a nord-ovest di Las Vegas.

Alcune strade sono state chiuse lunedì dopo essere state ricoperte di fango e detriti dalla pioggia torrenziale che ha colpito anche il Nevada occidentale e l’Arizona settentrionale.

Le piogge del venerdì sono iniziate intorno alle 2 del mattino, secondo Cerlin, che vive a Chandler, in Arizona, e visita il parco dal 2016.

“Era più estremo di qualsiasi cosa avessi visto là fuori”, ha detto Cerlin, guida principale di Incredible Weather Adventures che ha iniziato a inseguire tempeste in Minnesota e nelle alte pianure negli anni ’90.

Questa mattina è stato emesso un avviso di viaggio mentre una fitta nebbia copre Brisbane.

River City si sveglia di bianco mentre la nebbia inghiotte la città

“Un sacco di lavaggi scorrevano a una profondità di diversi piedi. Probabilmente c’erano 3 o 4 piedi di roccia che coprivano la strada”, ha detto.

READ  I noodles gratuiti sono serviti mentre il Giappone è alle prese con la bassa affluenza alle urne dei giovani alle elezioni | Giappone