Dicembre 8, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I turchi sono frustrati dall’aumento “deliberato” del numero di dinieghi di visto europei

ISTANBUL (Reuters) – La presentatrice sportiva turca Sinem Okten è stata sorpresa dal visto rifiutato due volte per l’area Schengen in Europa, dopo aver visitato più volte le partite e aver incontrato personaggi come il portiere italiano Gianluigi Buffon e il giocatore del Liverpool Jurgen Klopp.

“Ho fatto domanda prima in Germania e poi in Francia. Entrambi hanno rifiutato la mia domanda”, ha detto. “Ho viaggiato all’estero un paio di volte per seguire e fotografare partite e intervistare persone, forse 50-60 volte. Questa è la prima volta che ho questo problema”.

I turchi che chiedono il visto per i 26 paesi Schengen vengono sempre più rifiutati, i dati mostrano, i tour vengono cancellati. Ankara ha affermato che questa settimana è stato un tentativo deliberato di mettere il presidente Recep Tayyip Erdogan in una posizione difficile in vista delle difficili elezioni del prossimo anno, un’accusa che l’Unione europea nega.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Secondo i dati di schengenvisainfo.com, l’anno scorso al 16,5% dei richiedenti dalla Turchia è stato rifiutato il visto, rispetto al 12,5% dell’anno prima. Il rifiuto di Schengen era solo del 4% nel 2015 e ha iniziato ad aumentare nel 2017 per i turchi, mostra.

I costi del visto – che sono circa 100 euro, ovvero un terzo del salario minimo in Turchia – non sono rimborsabili indipendentemente dal rilascio del visto.

“Nel complesso, i tassi di rifiuto delle domande di visto Schengen sono aumentati in tutto il mondo… Tuttavia, rispetto ad altri paesi come la Russia, la crescita del tasso di rifiuto in Turchia è molto maggiore e coerente”, ha affermato Shkurta Januzzi, caporedattore su SchengenVisaInfo.com. .

READ  Rose Bowl aggiunge i segnaposto digitali per le partite di football universitario

Octen ha affermato che l’ambasciata tedesca non ha fornito alcun motivo per respingere la sua domanda. Un documento dell’ambasciata francese visto da Reuters ha affermato di non aver visto prove sufficienti del fatto che la conduttrice televisiva potesse finanziare il suo soggiorno in Francia o tornare in Turchia.

Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha affermato di ritenere intenzionali i lunghi tempi di elaborazione e il marcato aumento dei tassi di rifiuto, aggiungendo di aver sollevato la questione negli incontri con le sue controparti.

“Purtroppo, gli Stati Uniti, alcuni paesi dell’Unione Europea e altri paesi occidentali stanno dando ai nostri cittadini date di visto dopo un anno e 6-7-8 mesi. Hanno anche aumentato il tasso di rifiuto. Questo è pianificato e deliberato”, ha detto su Martedì.

Cavusoglu ha respinto le “scuse” sulle misure del coronavirus o sulla carenza di personale e ha affermato, senza fornire prove, che il rifiuto del visto aveva lo scopo di far venire il mal di testa a Erdogan prima delle elezioni.

Ha detto che il suo ministero avrebbe avvertito gli ambasciatori di alcuni paesi occidentali sulla questione a settembre. “Se la situazione non migliorerà dopo, adotteremo contromisure e misure restrittive”, ha aggiunto.

Nicholas Mayer-Landrut, capo della delegazione dell’UE in Turchia, ha detto a Reuters che le domande Schengen sono trattate in base ai loro meriti piuttosto che per motivi politici, aggiungendo che le domande relativamente incomplete e potenzialmente fraudolente provengono dalla Turchia.

“Nessuna decisione è stata presa per ragioni politiche, ma su basi oggettive”, ha affermato, aggiungendo che il tasso di rifiuto turco dello scorso anno era vicino alla media globale del 13-14% per i visti Schengen.

READ  La dichiarazione del ministro Hussein sul Mese italiano del patrimonio

Tour annullati

22 dei 26 Stati membri dell’Area Schengen sono l’Unione Europea.

La Turchia e il blocco hanno buone relazioni commerciali e decenni di immigrazione, ma le relazioni sono tese su questioni come la libertà di espressione in Turchia e le politiche dell’UE sui rifugiati dalla Siria.

Prima della pandemia di coronavirus, i paesi Schengen ricevevano più di 900.000 domande di visto all’anno dalla Turchia, ma quel numero è sceso a circa 270.000 nel 2021.

I cittadini di tutti i paesi Schengen sono esenti dal visto quando visitano la Turchia, la maggior parte per un massimo di 90 giorni, e alcuni possono entrare solo con le loro carte d’identità, secondo il sito web del ministero degli Esteri turco.

Il presidente di Tour Andiamo, Sim Polatoglu, ha affermato che poiché sempre più turchi hanno rifiutato, i tour operator hanno annullato i loro viaggi regolari.

“Stiamo avendo problemi. I nostri tour sono stati cancellati. Prima organizzavamo viaggi in Italia ogni settimana, ora dobbiamo offrirli ogni due settimane”, ha detto Bulatoglu.

Al centro per la richiesta del visto di Istanbul, il 57enne Hikmet Dogan ha detto che era più facile ottenere un visto nei suoi precedenti viaggi per vedere suo figlio in Svezia.

“Ho viaggiato due o tre volte ma questa volta è più difficile, anche i costi sono aumentati…Purtroppo i giovani stanno cercando di lasciare il Paese perché l’economia turca sta peggiorando”, ha detto Dogan.

Al di fuori dell’area Schengen, gli Stati Uniti si sono impegnati mercoledì ad espandere la propria capacità di elaborare i visti in Turchia dopo le denunce pubbliche del ministro degli Esteri. Leggi di più

READ  Nations Cup "faro di speranza" per l'esaurita economia camerunense

Octen, la presentatrice sportiva, ha detto che avrebbe continuato i suoi sforzi per ottenere un visto.

“La stagione è iniziata e ho bisogno di coprire alcune partite sul posto – ha detto -. Ho bisogno di poter viaggiare all’estero per fare il mio lavoro… Tornerò di nuovo e proverò la mia occasione attraverso la Grecia questa volta”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalazioni aggiuntive di Ece Toksabay ad Ankara e Jonathan Spicer a Istanbul. Scritto da Ezgi Erkoyun; Montaggio di Darren Butler e Raisa Kasulowski

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.