Aprile 20, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I risultati delle elezioni locali turche inviano un messaggio forte al presidente Erdogan

I risultati delle elezioni locali turche inviano un messaggio forte al presidente Erdogan
Ascolta le notizie australiane e internazionali e segui gli argomenti di tendenza con
Lunedì la Turchia si è svegliata in un nuovo panorama politico dopo le elezioni in cui il principale partito di opposizione ha mantenuto il controllo delle principali città e ha ottenuto enormi guadagni altrove.
Ciò è stato un enorme shock per il presidente Recep Tayyip Erdogan, che mirava a riprendere il controllo di quelle aree urbane.
Berk Esen è un analista politico e professore associato presso l'Università Sabancı.
Ha descritto il successo del Partito popolare repubblicano di centrosinistra alle elezioni locali in Turchia come una “vittoria straordinaria”.
“Il principale partito di opposizione ha subito la più grande sconfitta elettorale nell'intera carriera politica del presidente Erdogan. In effetti, si è comportato così bene che ha vissuto la sua serata migliore dalle elezioni del 1977. Il Partito popolare repubblicano (CHP) ha sovraperformato il partito al governo in carica e ha continuato a vincere con “il 38% dei voti, conquistando diversi importanti governi municipali in tutto il paese, oltre a mantenere il controllo della maggior parte dei governi municipali nelle principali aree urbane. È una vittoria massiccia per il principale partito di opposizione”.
Il Partito popolare repubblicano, il principale partito di opposizione, ha mantenuto il controllo di Istanbul e della capitale, Ankara, con un ampio margine, ma ha ottenuto vittorie nelle province conservatrici.
Il signor Eisen dice che questo era inaspettato.
“È abbastanza chiaro che il partito al governo è stato indebolito dalle divisioni tra fazioni all'interno del partito, dalla cattiva gestione dell'economia, dalle accuse di corruzione e dalla mancanza di candidati competenti e popolari. Ma alla fine, mi sarei aspettato che il principale partito di opposizione mantenesse il controllo dei governi locali che attualmente detiene.” , ma non necessariamente ne ha conquistati molti, in tutto il paese. In effetti, il CHP ha vinto così tanto che ha continuato a conquistare i governi locali in alcune delle regioni più conservatrici del paese, compresi posti come Kirikkale, Adiyaman e Kilis.
Il partito ha vinto 35 delle 81 province della Turchia – comprese le cinque città più popolose del paese – mentre il Partito Giustizia e Sviluppo di Erdogan, di orientamento islamista, ha ottenuto 24 seggi.
Ancora più importante, il CHP ha ricevuto il 37,7% dei voti a livello nazionale e quasi tutti i voti sono stati conteggiati.
Il Partito Giustizia e Sviluppo ha ricevuto il 35,5%.
Il professor Essen afferma che ciò è in gran parte dovuto alla graduale disillusione degli elettori filogovernativi nei confronti delle promesse non mantenute.
“Questa è la terza elezione in cui vediamo il tasso di affluenza alle urne scendere sotto l’80%. Credo che ciò sia dovuto a diversi fattori che lavorano insieme, soprattutto perché gli elettori filogovernativi, che erano contenti della vittoria per la rielezione di Erdogan, sono rimasti delusi dal fatto che il governo di Erdogan non ha mantenuto la maggior parte delle sue promesse negli ultimi 10 mesi. Quindi non l'hanno fatto…hanno voluto mandare questo messaggio forte. Penso che alcuni elettori dell’opposizione siano rimasti delusi dai loro partiti dopo la sconfitta alle ultime elezioni presidenziali.
Una delegazione di osservatori del Consiglio d'Europa ha monitorato le elezioni.
La missione di osservazione era composta da 26 osservatori provenienti da 16 paesi europei, che hanno monitorato le procedure di voto in più di 140 centri elettorali, tra cui Istanbul e Ankara.
Il vice capo della delegazione, Vladimir Prebilic, ha affermato che il Consiglio d'Europa nutriva da tempo preoccupazioni riguardo alle pratiche elettorali della Turchia, molte delle quali sono rimaste irrisolte.
“Sebbene accogliamo con favore la natura competitiva di queste elezioni e il fatto che gli elettori abbiano potuto scegliere tra molte opzioni alternative, non possiamo fare a meno di sottolineare che le elezioni locali del 2024 in Turchia si sono svolte in un ambiente fortemente polarizzato e sono state solo parzialmente favorevoli alla democrazia locale. …Sulla base degli attuali standard elettorali e della nostra esperienza come osservatori negli Stati membri del Consiglio d'Europa, alcune preoccupazioni di lunga data relative alla Turchia rimangono irrisolte.Inoltre, le raccomandazioni e le comunicazioni presentate alle autorità turche dopo le elezioni locali del 2019 rimangono valido.
Pribilic sostiene che occorre fare di più.
“In linea con i principi di democrazia, stato di diritto e diritti umani del Consiglio d’Europa, sono necessari maggiori sforzi per garantire un ambiente politico e mediatico in cui vi sia un’autentica libertà di espressione e un quadro ragionevole e ben attuato, supervisionato da un magistratura indipendente”.
Secondo lui gli osservatori hanno ricevuto informazioni sul trasferimento di funzionari pubblici in alcune regioni per aumentare le possibilità di eleggere alcuni candidati, soprattutto nel sud-est della Turchia.
Gli osservatori non hanno ottenuto risposte chiare dal Consiglio elettorale supremo della Turchia nei casi in cui più di 100 persone sono state registrate in una casa, aggiungendo che la delegazione non aveva informazioni specifiche su come questi incidenti abbiano influenzato il risultato.
I sostenitori del partito al potere affermano che è stata la mancanza di gratitudine da parte del pubblico turco a dare all'opposizione gli enormi guadagni ottenuti nelle elezioni locali.
Fatima Hendar ha 40 anni ed è una sostenitrice del partito al potere.
“Sono rimasto scioccato e molto turbato dal fatto che i risultati non fossero a nostro favore. Per 20 anni ce n'è stato in abbondanza e tutto era perfetto. Abbiamo superato la pandemia. C'è stato un terremoto e 11 province sono state distrutte in una sola volta. Perché tutto è andato rimettere insieme? E chi ha rimesso insieme?” Alcuni? Chi ci governa ha fatto questo, no?… Non dovrebbe esserci tanta ingratitudine. E se non la vedo, che servigi ho visto dall'opposizione?So che sto battendo un cavallo morto, ma mi sento arrabbiato e non posso accettarlo.
Houssam El-Din Azer è un altro sostenitore del partito.
“Non siamo contenti del sindaco di Istanbul Ekrem Imamoglu. Sfortunatamente, si scopre che le persone sono ingrate. Sfortunatamente, dico che peccato. Non ho altro da dire. Grazie a Dio che il nostro presidente è ancora al potere. Ha detto che lui andrà sul campo e farà ciò che deve essere fatto, ha detto che ci lavoreremo.
Dopo aver ottenuto una clamorosa vittoria e aver mantenuto la sua posizione nelle elezioni del sindaco di domenica, il 53enne sindaco di Istanbul Ekrem Imamoglu è ora visto come un potenziale futuro presidente agli occhi di molti analisti.
Imamoglu afferma che gli elettori hanno inviato un messaggio diretto al presidente Erdogan.

Il messaggio era che “coloro che non comprendono i desideri della gente alla fine perderanno”.

READ  Le forze di sicurezza soffocano le manifestazioni contro la politica COVID-Zero