Aprile 20, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Al Jazeera condanna la nuova legge israeliana e respinge le “bugie” di Netanyahu. Libertà di stampa

Al Jazeera condanna la nuova legge israeliana e respinge le “bugie” di Netanyahu.  Libertà di stampa

La rete mediatica ha denunciato le “accuse vergognose” del primo ministro israeliano e ha affermato che stanno mettendo a rischio la sicurezza dei suoi giornalisti in tutto il mondo.

Al Jazeera ha condannato la nuova legge israeliana che potrebbe fermare le sue operazioni in Israele e ha affermato che le “bugie” diffuse dal primo ministro Benjamin Netanyahu incitano alla sicurezza dei giornalisti della rete mediatica in tutto il mondo.

Mentre la guerra di Israele a Gaza si avvicina ai suoi sei mesi, il parlamento israeliano (Knesset) lunedì ha sostenuto a stragrande maggioranza una legislazione che consentirebbe al governo di ordinare la chiusura delle reti straniere che operano in Israele e di confiscare le loro apparecchiature se si ritiene che i loro contenuti violino i diritti umani. . E nuocere alla sicurezza dello Stato”.

Dopo il voto, Netanyahu ha detto

Al Jazeera Media Network ha denunciato la “febbrile campagna” di Netanyahu e l'ha descritta come nient'altro che bugie “pericolose” e “ridicole”.

Ha aggiunto: “Netanyahu non ha trovato alcuna giustificazione da offrire al mondo per i suoi continui attacchi ad Al Jazeera e alla libertà di stampa se non quella di presentare nuove bugie e calunnie incendiarie contro la rete e i diritti dei suoi dipendenti”.

Nella sua dichiarazione, l’organizzazione giornalistica con sede in Qatar ha anche accusato Netanyahu di “diffamazione provocatoria contro la rete e i diritti dei suoi dipendenti”.

Al Jazeera ha dichiarato: “Al Jazeera riafferma che tali accuse diffamatorie non ci impediranno di continuare la nostra copertura coraggiosa e professionale, e si riserva il diritto di dare seguito ad ogni passo legale, e ritiene il Primo Ministro israeliano responsabile della sicurezza dei suoi dipendenti e dei suoi dipendenti. equipaggio.” in tutto il mondo “seguendo il suo incitamento e questa falsa accusa in modo vergognoso”.

READ  Nopporn Suppipat acquisisce la Thailand Foundation e vince 1,35 miliardi di dollari

La rete ha anche affermato che la legge, che Israele chiede dall’inizio della sua guerra di quasi sei mesi contro Gaza, era “parte di una serie di attacchi israeliani sistematici per mettere a tacere Al Jazeera”.

Ha sottolineato l’uccisione della giornalista Sherine Abu Okla nel 2022 mentre seguiva un raid militare israeliano nella città di Jenin, nella Cisgiordania occupata, e l’uccisione dei suoi giornalisti Samer Abu Daqqa e Hamza Dahdouh durante la guerra a Gaza, nonché il “prendere di mira deliberatamente Israele”. Un certo numero di giornalisti di Al Jazeera e dei loro familiari, nonché l’arresto e l’intimidazione dei suoi corrispondenti sul campo”.

Judy Ginsburg, amministratore delegato del Comitato per la protezione dei giornalisti, ha affermato che l’approvazione della legge è stata un “passo incredibilmente preoccupante”.

“È un altro esempio dell’inasprimento della libertà di stampa e della stretta mortale che il governo israeliano è disposto a esercitare”, ha detto Ginsburg ad Al Jazeera.

Commentando le dichiarazioni del Primo Ministro, Ginsburg ha detto: “Abbiamo già visto questo tipo di linguaggio da parte di Netanyahu e di funzionari israeliani che cercano di ritrarre i giornalisti come terroristi e criminali”. “Questa non è una novità.”

Il Comitato per la protezione dei giornalisti afferma di aver documentato l'uccisione di almeno 95 giornalisti dall'inizio della guerra.

La portavoce della Casa Bianca Karine Jean-Pierre ha detto che la decisione israeliana di chiudere Al Jazeera sarebbe “preoccupante”.

“Gli Stati Uniti sostengono il lavoro di fondamentale importanza svolto dai giornalisti di tutto il mondo, e questo include quelli che coprono il conflitto a Gaza”, ha detto Jean-Pierre ai giornalisti.

La legge è stata approvata mentre Netanyahu si trovava di fronte a manifestazioni di massa contro la sua gestione della guerra a Gaza e a fallimenti in termini di sicurezza che hanno lasciato inosservati gli attacchi guidati da Hamas nel sud di Israele. Secondo le autorità israeliane, almeno 1.139 persone sono state uccise in quegli attacchi e circa 250 prigionieri sono stati trasferiti a Gaza.

READ  L'ufficio postale conferma che il suo capo è sotto inchiesta

Secondo i funzionari sanitari della Striscia assediata, la guerra israeliana a Gaza ha provocato la morte di almeno 32.916 persone, la maggior parte delle quali bambini e donne.