Febbraio 1, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I restauratori iracheni cercano di preservare antichi manoscritti

In un annesso del Museo Nazionale dell’Iraq, un conservatore esamina un manoscritto del XVII secolo, eseguendo meticolosi lavori di restauro nell’ambito degli sforzi per preservare e digitalizzare 47.000 testi preziosi.

Ahmed Al-Alewi, capo della Manuscripts House Authority, ha affermato che “alcuni dei manoscritti risalgono a quasi mille anni fa”.

“Ci sono scritti in arabo, persiano, turco, ebraico e curdo”, ha aggiunto, osservando che i testi hanno “un’enorme diversità culturale”.

In un paese che portava le cicatrici di decenni di conflitti e che ha visto regolarmente saccheggi di antichità e patrimonio culturale, la collezione House of Manuscripts è riuscita a sopravvivere.

È stato nascosto al sicuro alla periferia di Baghdad, mentre il Museo Nazionale è stato saccheggiato nel tumulto seguito all’invasione guidata dagli Stati Uniti nel 2003. Il personale e i residenti hanno impedito successivi tentativi di saccheggio nel “rifugio sotterraneo” in cui era conservato, ha detto Aleiwi.

La collezione, ora nel Museo Nazionale della capitale, Baghdad, comprende libri, manoscritti e tavolette calligrafiche, alcuni dei quali sono stati danneggiati dall’umidità, dai parassiti e da diversi secoli di utilizzo.

Aliwi ha affermato che alcuni manoscritti risalgono alla prima era abbaside, mentre alcuni dipinti calligrafici del VII secolo sono stati scritti in caratteri cufici su carta pergamena “anche prima che la carta fosse prodotta”.

– vivere piu a lungo –

Un restauratore in camice bianco spazzola via la polvere da un pannello annodato, mentre un collega taglia carta morbida per riparare un testo persiano del XVII secolo dedicato alla celebrazione religiosa sciita dell’Ashura.

Taiba Ahmed, 30 anni, che restaura da tre anni, ha detto che ogni voce deve “preservare il vecchio aspetto” dell’opera.

READ  Un alto funzionario della NASA sta perseguendo un MBA mentre l'economia spaziale esplode

Ma, ha aggiunto, anche eventuali danni all’azienda devono essere ridotti al minimo “perché possa vivere più a lungo”.

Ha detto che il testo “potrebbe non avere una rilegatura, le pagine potrebbero essere separate e potrebbe essere necessario cucire e realizzare una rilegatura in pelle”.

“Puoi passare diversi mesi con lo stesso libro.”

Ahmed è uno dei sette restauratori iracheni attualmente in formazione, finanziati dall’ambasciata italiana, per aiutarli a svolgere il loro imponente compito di restauro.

Il programma prevede la collaborazione con l’esperto italiano Marco Di Bella, il cui paese ha precedentemente finanziato l’attrezzatura per gli uffici dei manoscritti, inclusa l’illuminazione.

Guardando un libro di testo ottomano di astronomia del diciottesimo secolo, le cui pagine erano punteggiate da un’elegante calligrafia con inchiostro nero, de Bella fece dei commenti in inglese che furono tradotti in arabo.

“Il processo più complesso è… decidere cosa fare e come interferire con il manoscritto”, ha detto ad AFP il conservatore italiano.

“Ogni manoscritto viene valutato… metà del danno”, ha aggiunto, e cerchiamo di “capire la… origine” di ogni pezzo.

Il programma sta anche aiutando a reintrodurre i tradizionali materiali di conservazione che ora sono “di moda”, ha detto Di Bella, come l’amido come adesivo.

– Il patrimonio del nostro paese –

Mentre il suo team ha solo quattro scanner per digitalizzare l’intero archivio, Aliwiwi ha denunciato la mancanza di fondi che ha impedito l’acquisto di altre attrezzature specializzate o l’assunzione di altro personale.

Nonostante gli ostacoli, Aliwi è ottimista che i suoi team possano riportare in vita fino a 100 aziende all’anno, riducendo lentamente le potenziali migliaia di aziende che richiedono attenzione.

READ  L'ispettore sanitario avverte il ristorante italiano Boca Raton

Zakaria Haffar, direttore del progetto Iraq presso la Bibliotheque Nationale de France (BNF), ha affermato che l’archivio House of Manuscripts è “una collezione pionieristica in Iraq e nella regione”.

A ottobre, la House of Manuscripts ha firmato una partnership con la BNF, a seguito del sostegno finanziario della Fondazione Aliph, che lavora per proteggere il patrimonio culturale nelle zone di conflitto.

Oltre a fornire materiali – come carta e pelle speciali – la collaborazione vedrà uno “scambio di competenze” per aiutare con la digitalizzazione, il restauro e la catalogazione, ha affermato Haffar.

Mayassa Shehab, che ha lavorato nel restauro per metà della sua vita, ha affermato che il compito di conservazione e digitalizzazione è di grande importanza.

“È l’eredità del nostro paese”, ha detto il 52enne. “Così come ci è stato tramandato, dobbiamo tramandarlo alle generazioni future”.