Agosto 10, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I primi campioni di Marte atterreranno sulla Terra nel 2033

Iscriviti alla newsletter di Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di scoperte sorprendenti, progressi scientifici e altro ancora.



CNN

La prima missione per restituire campioni da un altro pianeta atterrerà sulla Terra nel 2033, secondo i funzionari della NASA e dell’Agenzia spaziale europea. Il rover Perseverance sta attualmente raccogliendo campioni su Marte.

Mentre Perseverance cerca il sito di un antico lago che esisteva miliardi di anni fa, raccoglie rocce e terreno. Questo materiale è importante perché potrebbe contenere prove di microrganismi del passato che rivelerebbero se la vita esisteva su Marte. Gli scienziati avranno l’opportunità di utilizzare alcuni degli strumenti più avanzati al mondo per studiare questi preziosi esemplari.

L’ambizioso Mars Sample Return Program include una collaborazione tra le due agenzie per recuperare 30 campioni dal Pianeta Rosso. Più missioni su Marte saranno lanciate entro la fine di questo decennio per catturare campioni e restituirli in sicurezza.

Il programma si sta avvicinando alla fine della fase di progettazione concettuale e la NASA ha completato una revisione dei requisiti di sistema. La revisione ha portato a modifiche che avrebbero ridotto la complessità delle missioni future e aumentato le probabilità di successo, secondo i funzionari della NASA.

“La fase di progettazione concettuale è quando ogni aspetto del piano della missione viene esaminato al microscopio”, ha affermato Thomas Zurbuchen, amministratore associato per la direzione della missione scientifica della NASA, in una dichiarazione. “Ci sono alcune modifiche significative e vantaggiose al piano, che possono essere attribuite direttamente ai recenti successi di Perseverance a Jezero e alle prestazioni impressionanti del nostro velivolo su Marte”.

All’inizio , Il piano era di lanciare il carro di recupero Insieme a un lander per il recupero di campioni a metà del 2020, una volta lanciato sulla superficie di Marte, il rover avrebbe recuperato campioni da dove Perseverance li aveva nascosti sulla superficie di Marte.

Ora, la persistenza sarà il principale mezzo di trasporto per trasportare i campioni alla sonda. L’ultima valutazione della salute e dell’aspettativa di vita del rover mostra che dovrebbe rimanere in perfette condizioni per consegnare i campioni da solo nel 2030. La perseveranza tornerà alla sonda e il braccio robotico del rover trasporterà i campioni.

Il campionatore di recupero del campione trasporterà due elicotteri di recupero del campione, simili all’elicottero Ingenuity attualmente sulla superficie di Marte, piuttosto che un veicolo di recupero.

“Le recenti operazioni dell’elicottero Ingenuity sulla superficie di Marte, che hanno completato 29 voli – più di 24 voli – ci hanno mostrato il potenziale vantaggio degli elicotteri marziani”, ha affermato Jeff Gramling, direttore del Mars Sample Return Program.

Gli ingegneri sono rimasti colpiti dalle prestazioni della creatività. L’elicottero è sopravvissuto a più di un anno della sua aspettativa di vita. Nel caso in cui la persistenza non possa restituire i campioni alla sonda, i piccoli elicotteri potranno volare via dalla sonda e utilizzare le armi per recuperare e restituire i campioni.

I due tipici elicotteri di ritorno saranno di dimensioni simili al Creativity ma saranno un po’ più pesanti. Le gambe di atterraggio saranno dotate di piccole ruote per la mobilità per consentire loro di viaggiare sulla Terra e di volare, e ogni elicottero avrà un piccolo braccio in grado di raccogliere provette, ha affermato Richard Cook, direttore del Mars Sample Return Program della NASA per Propulsione a jet. Laboratorio a Pasadena, California.

Se la salute della persistenza rimane la stessa per i prossimi otto anni e non è necessario alcun aiuto per restituire i campioni alla sonda, gli elicotteri possono monitorare e scattare foto del processo.

Il rover per il recupero dei campioni trasporta anche il Mars Ascent Vehicle, il primo razzo mai lanciato dalla superficie di Marte, con i campioni posizionati al sicuro all’interno. La navicella spaziale è attualmente impostata per il lancio da Marte nel 2031.

Una missione separata sarà lanciata dalla Terra a metà del 2020, chiamata Earth Return Orbiter, per incontrarsi con il Mars Ascent Rover.

A bordo dell’Earth Return Orbiter c’è un sistema di cattura/contenimento e ritorno, che raccoglierà un contenitore di campioni dal Mars Ascent Rover mentre entrambi i veicoli sono in orbita attorno a Marte.

Dopodiché, la sonda di ritorno terrestre tornerà nel nostro mondo. Una volta che la navicella si avvicinerà alla Terra, lancerà un Earth Entry Vehicle contenente un deposito di campioni e quel veicolo spaziale atterrerà sulla Terra nel 2033.

In precedenza, l’agenzia aveva affermato che i campioni potevano tornare sulla Terra entro il 2031, ma le date di lancio previste per l’orbiter nell’autunno del 2027 e il lander nell’estate del 2028 stabilivano una nuova data di arrivo.

Mohandessin Attualmente in prova Componenti robotici della campagna presso i centri della NASA e dell’Agenzia spaziale europea. Il programma di restituzione del campione di Marte passerà alla fase di progettazione iniziale in ottobre, che durerà circa un anno. La fase di progettazione porterà allo sviluppo tecnologico e ai modelli ingegneristici dei componenti chiave.

“L’Agenzia spaziale europea (ESA) continua a pieno ritmo nello sviluppo sia dell’Earth Return Orbiter che effettuerà lo storico volo di andata e ritorno dalla Terra a Marte e ritorno; sia il braccio dei trasporti dell’Agenzia spaziale europea, David Parker, ha affermato in una dichiarazione: Il campionatore che posizionerà automaticamente le provette a bordo del contenitore del campione in orbita prima che venga lanciato dalla superficie del Pianeta Rosso.

Finora il Perseverance Chariot ha raccolto 11 campioni di roccia. I campioni rappresentano una “sorprendente gamma di materiali”, ha affermato Meenakshi Wadwa, scienziato principale nella restituzione del campione di Marte e direttore della School of Earth and Space Exploration presso l’Arizona State University.

“L’ultima, infatti, è una roccia sedimentaria a grana fine che ha il maggior potenziale per preservare le impronte biometriche, quindi abbiamo già una varietà di materiali nella borsa, per così dire, e siamo davvero entusiasti del potenziale”, ha detto Waddoa.

“Lavorare insieme su sforzi storici come la restituzione di un campione marziano non solo fornisce dati inestimabili sul nostro posto nell’universo, ma ci avvicina anche qui sulla Terra”, ha detto Zurbuchen.

READ  Una nuova spaventosa specie di Stegosauro potrebbe essere la più antica scoperta al mondo