Maggio 6, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Hong Kong sta spingendo per una bolla di viaggio con l’Australia

Secondo quanto riferito, Hong Kong ha espresso interesse a concludere un accordo di viaggio senza quarantena con l’Australia, dato che ha dato il via alla tanto attesa bolla con Singapore.

I due centri finanziari hanno confermato che la loro bolla di viaggio inizierà finalmente il 26 maggio, dopo che i piani precedenti erano stati messi in atto sul ghiaccio a causa di un picco nei casi di COVID-19 a Hong Kong alla fine dell’anno scorso.

Si dice già che Singapore sarà tra le prossime destinazioni a formare una bolla di viaggio con l’Australia, e ora anche Hong Kong sembra essere interessata.

Il ministro del Commercio di Hong Kong Edward Yao ha affermato che la bolla di Hong Kong e Singapore costituirà la base per i viaggi senza quarantena con l’Australia e la Nuova Zelanda e ha suggerito discussioni con questi due governi, Viaggiatore esecutivo menzionato.

Relazionato: I ricchi indiani stanno fuggendo dalla crisi con jet privati

Appare l’Asia La priorità dell’Australia Dopo che la bolla dei viaggi a doppio senso è iniziata con la Nuova Zelanda questo mese.

È probabile che il prossimo taxi a Singapore sia fuori servizio, poiché le autorità sanitarie e dell’immigrazione cercano di revocare le restrizioni sulla città-stato tra mesi.

Singapore è teoricamente aperta ai viaggiatori australiani, che devono semplicemente stare in isolamento per un breve periodo di tempo per ripetere il test COVID-19 negativo all’arrivo. Tuttavia, i confini internazionali dell’Australia rimangono chiusi ovunque tranne che per la Nuova Zelanda.

Keith Tan, CEO del Singapore Tourism Board, ha dichiarato Nove giornali La città aveva sperato che l’Australia avrebbe ricambiato presto.

“Abbiamo avuto un’apertura unilaterale nella speranza che portasse a una certa reciprocità, cosa che chiaramente non è avvenuta”, ha detto.

READ  L'incendio della Table Mountain si diffonde a macchia d'olio all'Università di Città del Capo, costringendo gli studenti a evacuare

Ha aggiunto: “Dipende tutto dal governo australiano perché ci siamo aperti all’Australia”.

“L’abbiamo paragonato a un ballo. Per ballare, hai bisogno di due persone che ballano insieme.”

Relazionato: Sconcertante trasferimento in quarantena per gli hotel

All’inizio di questo mese, il ministro dei trasporti di Singapore Ong Yi Kong è stato interrogato in Parlamento sui piani per le bolle di viaggio e ha menzionato l’Australia, la Nuova Zelanda e il Brunei come i principali candidati.

“Stiamo esplorando con molti paesi e regioni, inclusa l’Australia, il riconoscimento reciproco dei certificati di vaccinazione. I certificati possono essere fisici o digitali e avremo bisogno che siano sicuri, a prova di manomissione e verificabili”.

Tuttavia, i vaccini sono solo un aspetto della lotta contro una pandemia. Anche il distanziamento sociale, la ricerca dei contatti, la quarantena e i test sono aspetti molto importanti che i paesi e le regioni hanno utilizzato per controllare la diffusione del virus COVID-19 anche quando i vaccini diventano disponibili “.

L’Australia sta cercando di stabilire viaggi senza quarantena con altri paesi dell’Asia-Pacifico con basse velocità di trasmissione a partire da agosto.

Ciò potrebbe includere paesi come Fiji, Vietnam e Thailandia e, infine, Giappone e Corea del Sud. Anche la Cina continentale è un’opzione, nonostante le tensioni diplomatiche con l’Australia.

Come parte della prima fase del Singapore and Hong Kong Travel Bubble Arrangement, che inizia il 26 maggio, verranno trasportati fino a 200 passeggeri in un viaggio al giorno in ciascuna città.

I passeggeri di entrambi i lati devono sostenere un test negativo per COVID-19 prima e dopo il volo. I residenti di Hong Kong potranno entrare a Singapore almeno 14 giorni dopo aver ricevuto due dosi del vaccino, tuttavia, il viaggio in entrambe le città può essere per qualsiasi motivo e non ci sarà quarantena da entrambe le parti.

READ  Cosa potrebbe accadere al KRI Nanggala nei suoi ultimi momenti?

– Con Ben Graham