Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Hindley riceve il più grande onore in Italia, dove iniziò l’ascesa

Jay Hindley‘Zero D’ La vittoria dell’Italia in quel Paese, che gli diede un esordio nel ciclismo e fece dell’australiano il primo vincitore del suo Paese. gran Tour. La città natale di Hindley, Bertha, separa circa 13.000 chilometri da Verona, dove è avanzato ai più alti standard del ciclismo, ma aveva un legame con quel paese. Il 26enne si è stabilito nel Paese del Mediterraneo quando ha deciso di andare in bicicletta da professionista. Deve il suo interesse per il gioco a suo padre Gordon, che era azzeccato nell’antichità di Verona. Arena romana Guarda suo figlio Zero sollevare il trofeo.

“Avevo sei anni, volevo fare il calciatore. Poi ho visto il Tour de France in TV e la mia vita è cambiata”, ha detto Hindley quando ha perso Ziro in modo doloroso nelle fasi finali del 2020.

“Da quel momento in poi non ho voluto altro che essere un ciclista professionista.

“I miei idoli sono i migliori piloti australiani, Robbie McQueen e Stuart O’Grady, Cadel Evans… ma lasciare il proprio paese per andare dall’altra parte del mondo non è facile”.

Quando lasciò l’Australia all’età di 18 anni, Hindley si stabilì con Umberto de Giuseppe a Pescara, sulla costa adriatica italiana, che lo accolse a casa sua e gli permise di correre con la sua squadra.

“Jay è un ragazzo molto serio, non mi ha mai dato problemi. Sa cosa vuole fare”, ha ricordato De Giuseppe.

Hindley dice che è testardo e ha girato l’Italia in gare under 23.

Dopo una stagione nelle riserve Mitchell (ora Bike Exchange) della squadra australiana, è stato convinto a prendere Sunweb (ora DSM) e introdotto nel World Tour nel 2018.

READ  L'Italia degli anni '60 in Lego Vespa scooter in miniatura

Ha avuto il suo primo grande successo professionale in casa due anni dopo, vincendo il Sun Tour a Melbourne e poi salutando i suoi genitori per l’ultima volta fino a domenica.

Non è stato in grado di tornare a Perth a causa delle restrizioni Covit-19 e lo ha visto solo nelle finali del Giro di quest’anno, che è stato il culmine della sua carriera.

– ‘Distrutto’ –

Nonostante l’epidemia, il 2020 è stato il punto di partenza della sua carriera, che ha ridotto la stagione in tre mesi e gli ha permesso di trascorrere del tempo con la famiglia.

Quell’ottobre vinse alla Giro Mountain Arena – proprio come quest’anno – strappando la maglia rosa in finale, perdendo più di quanto avesse vinto nei test climatici di Milano.

“L’ho distrutto”, ha ammesso Hindley sabato sera.

“Dopo il 2020, quando mi stavo avvicinando al successo e perdere l’ultimo giorno è stato brutale, mi ci è voluto molto tempo per superarlo.

“E’ stato bello salire sul palco (oggi) sapendo che avrei vinto Zero”.

Il passo successivo di Hindley è stato creare un’identità fuori dall’Italia, la sua casa lontano da casa e il più grande successo della sua vita.

“Zero mi ha aperto molte porte come pilota”, ha detto.

“Questa gara mi ha aperto la mente su cosa potevo fare come ciclista professionista. Salverò questo momento per molto tempo.