Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il DIM italiano e il CDP firmano un accordo preliminare sul progetto di rete unica

Il logo Tim appare nella sua sede a Roma, in Italia, il 22 novembre 2021. REUTERS / Yara Nardi / File foto

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

MILANO, 29 mag. (Reuters) – Telecom Italia (DIM) e l’istituto di credito statale CDP hanno firmato domenica un accordo preliminare per la fusione degli asset di rete fissa del gruppo telefonico con la rivale statale OpenFiber.

Pietro Labriola, amministratore delegato di TIM (TLIT.MI), ha affermato che la mossa aprirà la strada alla creazione di un’unica rete a banda larga, attuando un piano rivoluzionario incentrato sull’intera separazione della rete fissa della banda dalle attività di servizio. leggi di più

CDP, il secondo investitore in TIM con il 10% e il 60% di Open Fiber, controllerà la società di rete integrata, afferma il rapporto, aggiungendo che l’obiettivo delle parti è negoziare un accordo vincolante entro la fine . Ottobre.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Qualsiasi accordo vincolante è soggetto all’approvazione delle autorità di fiducia nazionali e comunitarie, mentre gli azionisti di TIM devono votare sull’accordo.

L’accordo preliminare è sostenuto dai fondi infrastrutturali Macquarie (MQG.AX) e KKR (KKR.N), che detengono rispettivamente una partecipazione di minoranza in OpenFiber e nell’unità di rete dell’ultimo miglio di TIM FiberCop, e parteciperanno al consolidamento.

L’Italia desidera creare un unico campione di rete a banda larga per evitare investimenti duplicati, accelerare il rilascio della fibra ottica e promuovere la digitalizzazione dell’economia.

Sotto anni di pressioni sul mercato interno, DIM piena di debiti prevede di chiudere la sua rete fissa, con gli analisti che stimano il valore della proprietà tra i 15 ei 20 miliardi di euro (16 miliardi di dollari – 21,5 miliardi di dollari).

READ  Musica e ricordi a Little Italy - San Diego Downtown News

Sebbene la struttura finale dell’accordo con OpenFiber non sia stata finalizzata, le fonti affermano che le opzioni in discussione includono la vendita diretta degli asset di rete fissa di TIM.

La società consolidata rileverà una parte significativa della forza lavoro domestica e creditizia di TIM, hanno aggiunto le stesse fonti.

TIM e CDP hanno firmato un accordo preliminare nel 2020, ma si presumeva che TIM detenesse una partecipazione di maggioranza nella società consolidata per questioni politiche, normative e valutative.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Relazione di Elvira Polina; Scritto da Elvira Polina e Francesca Landini; Montaggio di Nick McPhee e Diane Kraft

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.