Aprile 20, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Helmut Berger, l’attore noto per il suo lavoro con Visconti, è morto all’età di 78 anni

Helmut Berger, l’attore noto per il suo lavoro con Visconti, è morto all’età di 78 anni

Helmut Berger, la bella star del cinema austriaco nota per essere apparsa in tre lungometraggi del regista neo-italiano Luchino Visconti, suo amante da decenni, è morto giovedì nella sua casa di Salisburgo. Aveva 78 anni.

La sua morte è stata annunciata dal suo agente, Helmut Werner, che non ha fornito alcuna causa.

“Diversi anni fa, Helmut Berger mi ha detto: ‘Ho vissuto tre vite'”, ha detto il signor Werner in una dichiarazione. E in quattro lingue! Ji Ni si è pentito di Rin. “

Il signor Berger studiava italiano a Perugia nel 1964 quando un amico lo presentò al signor Visconti, che era sul posto per dirigere un film con Claudia Cardinale.

“Ero lì a guardare, sono rimasto impressionato”, ha detto al sito. culture europee nel 1988. “Volevo vedere come giravano su pellicola”.

Poco dopo hanno iniziato un rapporto personale e professionale. Signor Visconti Ha scritturato Mr. Berger in “The Damned” (1969), la storia di una ferrea famiglia tedesca, basata sulla famiglia Krupp, nei primi anni del Terzo Reich.

Nei panni di Martin, nipote del patriarca di famiglia, il signor Berger imita Marlene Dietrich in costume durante un ballo per suo nonno, che si conclude con un falò al Reichstag. Martin in seguito molesta i parenti più giovani e violenta sua madre (Ingrid Thulin).

Anne Guarino, recensendo il film per il Daily News di New York, ha detto che il signor Berger incarna la “vera e propria perversione” del nazismo. Vincent Canby del New York Times ha scritto che il signor Berger “ha dato, credo, la performance dell’anno”. È stato nominato per un Golden Globe come esordiente più promettente.

READ  Priyanka posa per il servizio fotografico di "Vacanze romane" con Nick alla premiere di "Castello italiano" | serie web

Il signor Berger ha detto che lavorare con il signor Visconti è stato come essere sul palco.

“Non fai 10 minuti o cinque minuti, ma intere scene, a volte lunghe 20 minuti”, ha detto al Los Angeles Times nel 1970. Ci entri davvero dentro, l’intera atmosfera. Lui non ti limita, vuole che tu sia libero.”

Mr. Berger è apparso in altri due lungometraggi diretti da Mr. Visconti: “Ludwig” (1973), in cui interpretava il folle re di Baviera del XIX secolo, per il quale ha vinto il David di Donatello, l’equivalente italiano della Baviera . Oscar. e Conference Peace (1974), interpretato da Burt Lancaster nei panni di uno storico dell’arte che vive tranquillamente a Roma la cui vita è cambiata da diverse persone, tra cui la Marchesa e il suo amante il Gigolo, interpretato da Mr. Berger.

Mr. Canby questa volta ha avuto una valutazione radicalmente diversa del lavoro di Mr. Berger, descrivendolo come un “peso leggero” che “non può fare altro che un ideogramma di decadenza”.

Ormai il signor Berger e il signor Visconti convivevano da tempo.

“Durante i miei 12 anni con Luchino Visconti, sono stato leale”, Ha detto a Gala Magazine nel 2012.

“Ma all’epoca uscivi con la modella Marisa Berenson?” ha chiesto l’intervistatore della rivista.

“Certo, sono bisessuale”, ha detto. “Questo non è un problema.”

Il signor Berger cadde in una profonda depressione dopo la morte del signor Visconti nel 1976.

“All’inizio ho bevuto molto, glock glock glock, poi sono arrivate le pillole”, ha detto a Gala. “La mia governante non doveva entrare prima delle 17:00, ma è arrivata alle 10:00 e mi ha salvato.”

READ  L'Italia prevede multe a 5 cifre per atti vandalici di monumenti e opere d'arte

Helmut Steinberger è nato il 29 maggio 1944 a Bad Ischl, in Austria. I suoi genitori, Hedwig e Franz Steinberger, gestivano un hotel.

Helmut fuggì dal padre, che secondo lui era crudele con lui, e si trasferì prima in Inghilterra e poi in Italia, dove fece il suo debutto cinematografico in The Witches (1967), un film antologico composto da cinque storie, ognuna realizzata da un regista diverso . Ha interpretato una pagina dell’hotel nella clip diretta da Mr. Visconti.

Dopo alcuni altri film, tra cui “The Damned”, il signor Berger è stato scelto per il ruolo del protagonista Massimo DallamanoDorian Gray (1970), una “allegoria moderna” autodefinita basata su The Picture of Dorian Gray di Oscar Wilde ambientata nella sensazionale Londra dei giorni nostri. Era uno dei 500 attori segnalati che hanno fatto il provino.

La signora Guarino ha scritto: “Il signor Berger offre un’esibizione simile alla trance, e sembra semplicemente bellissimo, se ti piace il genere”.

Ha continuato a lavorare, soprattutto in Europa, fino a pochi anni fa. Ha interpretato in particolare il figlio malato di una ricca famiglia ebrea che affronta il fascismo in Italia in “Il giardino dei Finzi-Contini” (1970) di Vittorio De Sica, che gli è valso l’Oscar per il miglior film in lingua straniera, e il playboy che seduce Elisabetta Il personaggio di Taylor dopo che ha subito un intervento di chirurgia plastica in “Mercoledì delle ceneri” (1973).

Ha anche interpretato il fidanzato milionario di Fallon Carrington (Pamela Sue Martin) in “Dynasty”, una soap opera in prima serata, in una trama del 1983-1984, e il capo contabile del Vaticano, che cerca di truffare Michael Corleone, in “Il Padrino III “(1990).

READ  Nuovo ristorante italiano per sostituire Joe's Pizza II a Emmaus

Le informazioni sui sopravvissuti non erano immediatamente disponibili.

Il signor Berger è noto per il suo stile di vita da jet-set, per essere stato fotografato da Andy Warhol, per il suo rapporto con donne come Bianca Jagger e per essere stato soprannominato “l’uomo più bello del mondo” dai media tedeschi.

Ma quando è stato intervistato da Gala dopo la pubblicazione di Helmut Berger: A Life in Pictures, ha detto che non cercava più il trambusto della vita sociale che aveva prima.

Ha detto: “Ho sperimentato tutto”. “Nemmeno io mi sento Helmut Berger; non sono lui. È il suo nome d’arte. Mi chiamo Helmut Steinberger. Ed è quello che sarò fino alla morte.”