Luglio 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Guerra in Sudan: ho incontrato mia sorella eritrea in un video di rifugiati catturati

Guerra in Sudan: ho incontrato mia sorella eritrea in un video di rifugiati catturati

Fonte immagine, Nerayu Gebru Tesfamikael

Commenta la foto, Loam Gebru ha detto che i trafficanti la stavano portando attraverso la zona di guerra del Sudan fino alla Libia

  • autore, Tesfalem Araya e Nitzanit Debesai
  • Ruolo, BBC tigrino

Mehrat Gebru stava recentemente guardando con ansia due video virali sul suo telefono che mostravano persone provenienti dal Corno d’Africa picchiate e aggredite da uomini armati in Sudan – e poi è rimasta inorridita quando ha visto sua sorella tra i prigionieri.

Ha detto alla BBC: “Sono stata immediatamente in grado di riconoscere Luwam, che indossava la sciarpa arancione che conoscevo così bene – e le sue scarpe, che erano parzialmente visibili”.

Le sorelle provengono dall’Eritrea e, come molti giovani, Luwam Gebru è fuggita dalla coscrizione militare a tempo indeterminato del paese, che secondo loro le sta privando del loro futuro.

È finita nella vicina Etiopia nel 2019, dove le è stato concesso lo status di rifugiato. Ma essere un rifugiato può essere come vivere una vita in un limbo – e molti scelgono di intraprendere viaggi pericolosi alla ricerca di nuove vite e opportunità.

La signora Mehret ha detto che suo fratello di 24 anni ha deciso di rischiare di attraversare la zona di guerra in Sudan per raggiungere la Libia l’anno scorso, diversi mesi dopo lo scoppio del conflitto.

Il Sudan è precipitato nel caos nell’aprile 2023 quando gli ex alleati – l’esercito e le forze paramilitari di supporto rapido – hanno iniziato a combattersi tra loro per il controllo del paese.

Molti cittadini stranieri sono stati frettolosamente evacuati, ma alcuni rifugiati già presenti nel paese e migranti arrivati ​​di recente, come la signora Luam, si sono trovati trattati con sospetto e presi come prigionieri di guerra.

“Non abbiamo sentito la sua voce per circa un mese”, dice la signora Mehret.

“Ci ha chiamato una volta dal Sudan e ha detto: non preoccupatevi, sono arrivata in Sudan sana e salva e potremmo raggiungere la Libia questa settimana”.

Ma di lei non si seppe più nulla per altri cinque mesi, finché ad aprile non apparvero dei video sui social media.

La verifica della BBC del filmato indica che è stato caricato il 7 e 8 aprile.

Un generale dell’esercito sudanese descrive le 50 persone detenute su un camion come “mercenari provenienti dalla Somalia, dall’Eritrea e dall’Etiopia”.

Apparentemente sono stati catturati mentre fuggivano dai pesanti combattimenti attorno alla raffineria di petrolio di Al-Jili, a nord della capitale Khartoum, che era nelle mani delle Forze di supporto rapido e utilizzata come base nella zona.

In un video, un ufficiale dell’esercito afferma che i prigionieri vengono trasferiti alla base militare dell’esercito di Wadi Saydna, anch’essa situata a nord della capitale.

Ci sono state segnalazioni non confermate sull’utilizzo di combattenti stranieri da parte di RSF, il che potrebbe spiegare l’ostilità che gli ufficiali dell’esercito nutrono nei confronti di questo gruppo.

Fonte immagine, Mezzi sociali

Commenta la foto, Loam Gebru, con indosso la sua sciarpa arancione, è stata fotografata con altri stranieri in una foto che si ritiene sia stata scattata lo scorso aprile.

Le foto del gruppo, comprese alcune con la signora Luam con la sua sciarpa arancione, li mostrano stipati in un magazzino.

La signora Mehret, che è stata in grado di identificare nel gruppo anche uno dei suoi vicini eritrei, ha affermato di non essere stata in grado di ottenere ulteriori informazioni.

“Non sappiamo molto e ci è stato detto che sono sotto la custodia delle autorità sudanesi”.

Altri eritrei hanno detto alla BBC di avere parenti registrati come rifugiati in Sudan che erano scomparsi e si diceva fossero trattenuti dall’esercito sudanese.

Due di loro hanno lasciato l’Eritrea insieme l’anno scorso, arrivando in ottobre in un campo profughi gestito dalle Nazioni Unite nello stato di Kassala, nel Sudan orientale.

Le loro famiglie dicono che Yonatan Tesfaslassie, 17 anni, e Edmond Kidane, 20 anni, sono stati poi avvicinati dai trafficanti.

Una volta in viaggio, li spingono a chiedere ai loro parenti all’estero di pagare di più, e poi li lasciano in viaggio.

Nel caso di Yonatan e Edmond, stavano prendendo di mira il Sud Sudan quando, a quanto pare, i trafficanti li hanno abbandonati e hanno preso strade separate.

Sembra che siano arrivati ​​a Wad Madani nello stato di Gezira, una città a circa 190 chilometri (118 miglia) a sud di Khartoum che è stata un rifugio sicuro per molti dall’inizio della guerra.

Quella è stata l’ultima volta che la famiglia del signor Yonatan ha avuto sue notizie, quando ha detto che era in viaggio con altri migranti verso il Sud Sudan.

Commenta la foto, Centinaia di migliaia di persone sono fuggite da Wad Madani prima che le forze di supporto rapido prendessero il controllo della città a dicembre.

Sua sorella Winta Tesfaslassie venne poi a sapere da coloro che riuscirono ad attraversare il confine in sicurezza che potrebbe essere stato tra i tanti migranti che furono poi arrestati nella città controllata dai militari di Rabeke, un po’ a sud.

Hanno detto che alcuni di loro sono stati trasferiti nella vicina città di Sinja, e altri potrebbero essere stati trasferiti nella città di Sennar sotto il controllo dell’esercito.

La signora Wenta, che vive nel Regno Unito, ha detto alla BBC: “Tutta la famiglia è molto preoccupata e non abbiamo idea di cosa fare, ci sentiamo impotenti. Vogliamo sapere se è al sicuro, è troppo giovane per affrontare una situazione del genere una situazione.” “Questa dura prova non ha nulla a che fare con la guerra in Sudan.”

L’ultima volta che la famiglia del signor Edmond ha avuto sue notizie è stato quando si trovava a Wad Madani, anche se sembra che sia stato arrestato in città diverse settimane prima che cadesse nelle mani delle RSF.

Ha aggiunto che il trafficante era la loro unica fonte di informazioni, “ma in seguito ha smesso di rispondere alle nostre chiamate”.

Fonte immagine, Adyam Kidan

Commenta la foto, Uno dei trafficanti ha detto alla famiglia del giovane, Edmon Kidani, che il giovane era stato arrestato dall’esercito a Wad Madani.

“Non abbiamo potuto dirlo a nostra madre per molto tempo, ma alla fine abbiamo dovuto farlo. Lei è svenuta nel momento in cui ha saputo che non avevamo notizie da lui. Siamo tutti in difficoltà. Pensiamo costantemente a cosa gli sarebbe potuto succedere .”

Alcuni rapporti affermano che più di 200 migranti di diverse nazionalità sono stati detenuti in una struttura militare a Wad Madani prima che le Forze di supporto rapido avanzassero, informazioni che la BBC non può confermare in modo indipendente.

Da allora i rapporti hanno indicato che i detenuti sono stati trasferiti con l’esercito quando si è ritirato da Wad Madani.

L’UNHCR afferma di aver ricevuto segnalazioni simili di detenzioni di richiedenti asilo e rifugiati da parte dei militari. Secondo le Nazioni Unite, nel Paese vivono più di 147.000 eritrei e circa 70.000 etiopi.

Ha detto alla BBC che intende inviare una missione di verifica nello stato di Sinnar, che comprende le città di Sinja e Rabak, e ha esortato i parenti dei rifugiati che credono di essere in detenzione a riferire informazioni. Attraverso la pagina di assistenza dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati in Sudan.

Il Comitato internazionale della Croce Rossa ha dichiarato alla BBC: “Aiutare le famiglie che hanno perso i contatti con i loro cari a cercarli è una delle nostre principali priorità. Ma la nostra capacità di farlo dipende dal nostro accesso e dalla instabile situazione della sicurezza”.

L’ambasciata sudanese a Londra non ha risposto alla richiesta della BBC di commentare la detenzione di cittadini stranieri.

Nonostante gli sforzi internazionali per fermare i combattimenti, che si ritiene abbiano ucciso più di 15.000 persone, le parti in conflitto non riescono a trovare un accordo su un cessate il fuoco.

Le tre sorelle che hanno parlato alla BBC della scomparsa dei loro fratelli affermano che ottenere informazioni sia dal Comitato internazionale della Croce Rossa, sia dalle Nazioni Unite o dall’esercito è estremamente frustrante.

“Per favore aiutate noi, le Nazioni Unite, chiunque altro… siamo in una situazione disperata”, ha detto la signora Winta.

“Facciamo appello alle autorità sudanesi affinché permettano loro di contattarci per ascoltare la loro voce.

“Chiediamo all’esercito di rilasciarli. Si tratta di giovani innocenti che hanno lasciato il loro Paese nella speranza di raggiungere una destinazione sicura in Sud Sudan”.

Potrebbe interessarti anche:

Fonte immagine, Getty Images/BBC