Dicembre 9, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gucci entra a Hollywood

Gucci entra a Hollywood

LOS ANGELES – Nella notte delle elezioni in gran parte dell’America, all’ombra del Grauman’s Chinese Theatre e in attesa della “House of Gucci” di Ridley Scott, il vero stilista di Gucci Alessandro Michele ha portato la sua “Gucci Love Parade”, il suo primo spettacolo di persona da quando Febbraio 2020 Su Hollywood Boulevard.

Stile e celebrità si sono scontrati in un tripudio di marabù, pizzo e lamé ricoperti di luci rosa e viola. È stato difficile sfuggire alla sensazione che tutto fosse un film e che tutti fossero solo un personaggio. Dopo 18 mesi passati attraverso gli schermi, i confini tra moda e fantasia di celluloide sono finalmente crollati, dividendo le cuciture.

Un intero condominio è transennato e la Walk of the Stars è fiancheggiata da centinaia di sedie da regista nel caratteristico tessuto Gucci. Gwyneth Paltrow, in un remake dell’abito Gucci di velluto rosso che indossava ai VMAs nel 1996, chiacchiera con Dakota Johnson (in scintillanti fiocchi neri), che guarda caso sta uscendo con il suo ex. Nelle vicinanze sedeva Salma Hayek Pinault, che indossava una camicia ricamata argento e blu, la star della “Casa di Gucci” e sposata con François-Henri Pinault, CEO di Kering, che possiede il vero Gucci.

Jared Leto, musa di Michel, anche in “House of Gucci”, ha sfilato in denim bianco, aviatori e giacca doppiopetto. Così ha fatto Miranda July, indossando un cardigan in maglia di eco-pelliccia, slip e calzini oversize con logo Gucci. A margine, Billie Eilish (in una felpa con cappuccio di cristallo) e Miley Cyrus (in una frangia di zaffiro e una piuma gialla burrosa) hanno applaudito.

READ  Alitalia, un tempo vettore del gruppo aeronautico, vola per l'ultima volta

“È un sogno che si avvera”, ha detto Michel in una conferenza stampa dopo lo spettacolo, sul perché ha deciso di trasferirsi da Milano a Los Angeles. “Non c’è mai stato un posto migliore per ripartire”.

Nel maggio 2020, del resto, quando gran parte del mondo soffriva di autoisolamento e lo stesso mondo della moda era in crisi, il signor Michel per la prima volta ha annunciato un ripensamento del sistema industriale, uscendo dal percorso delle collezioni in le Quattro Città e abbandonando le vecchie categorie dell’autunno e della primavera. Da allora, forse più di ogni altro stilista, ha deciso di tracciare una strada a parte: la creazione di “Guccifest”, un mini festival cinematografico completo della miniserie Gucci diretta da Gus Van Sant; “Hacking” Balenciaga ad aprile (e permettendo al designer di Balenciaga, Demna Gvasalia, di hackerarlo subito).

Venire a Hollywood, che il signor Michelle ha chiamato “l’Olimpo d’America”, per tornare in passerella è stato un logico passo successivo.

Non è stato solo per le storie che sua madre gli raccontava su Hollywood che lo hanno ispirato a voler creare vestiti. O perché, come ha detto il signor Michel, Gucci ha radici profonde nel jet e nella gamma più grande della vita, o perché il marchio sponsorizza l’annuale LACMA Gala da molti anni.

Ma perché le regole tradizionali e socialmente attraenti di cosa indossare sempre e ovunque non si applicano più, e in gran parte grazie al lavoro di Mr. Michelle in Gucci. Ignora abitualmente le vecchie idee su notte e giorno, fantasia e sportività, o uomini e donne, e vaga tra i riferimenti storici, alla fine costruendo i suoi personaggi in un modo che era disponibile solo nei film – o riconosciuto solo nei film.

READ  Il sostenitore saudita ha promesso 18 milioni di dollari per VR46 la prossima settimana

I suoi vestiti sono sfacciatamente in costume: a lei piace la gioia di travestirsi, piuttosto che spingere in avanti una silhouette o esplorare la costruzione. Progetta su un livello di sentimento estremo piuttosto che sulla modernità. (Dire che le sue collezioni sembrano un negozio di antiquariato finito è una lamentela legittima.)

Quindi questa volta c’erano le pieghe argento e oro di Marilyn Monroe e le camicie da notte di Rita Hayworth. magliette commemorative delle palme, cappelli di cotone e cappelli da cowboy; Elizabeth Taylor Cleopatra abiti e spalle, di Joan Crawford. C’erano delle variabili nell’era avanti e indietro di Edith Head e Adrian, quando gli stilisti erano anche designer famosi perché si rendevano conto che la vita, come il mondo, è una fase, e tutti si vestono quando entrano, mia cara.

Ecco perché il signor Michel ha impostato il suo programma al centro di Hollywood Boulevard: per sottolineare il fatto che il solo prepararsi per uscire a prendere un po’ di latte è un’esibizione di sé. Soprattutto ora che online ogni momento può finire e ognuno è il gestore della propria catena di social media.

E poi forse vuoi mettere una pelliccia finta grande e grassoccia sopra il tuo corsetto. Indossa un abito a tre pezzi verde menta o rosa satinato con grandi orchidee finte sul risvolto. Indossa pantaloncini da ciclista in maglia sotto una giacca da yacht con stivali da cowboy. qualunque cosa! Aggiungi una maschera da gatto brillante. O forse un boa piumato. È assurdo. È un’esplosione.

Poi pavoneggia nel mezzo di una strada cittadina mentre le luci illuminano il cielo. E lascia che tutti si chiedano quale scena, esattamente, sia questa.

READ  La storia dietro l'incursione dimenticata di Nintendo nei romanzi visivi • Eurogamer.net