Ottobre 17, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli studenti internazionali temono il costo del ritorno in Australia dopo l’annuncio dei progetti pilota | università australiane

Il settore universitario devastato dal Covid ha accolto con favore la notizia che gli studenti internazionali potrebbero tornare in Australia già a dicembre. Nuovo Galles del Sud Victoria ha accettato di programmi beta per riportarla indietro.

Ma alcuni studenti bloccati all’estero si dicono preoccupati per il costo del ritorno e temono che lauree come medicina e ingegneria avranno la priorità su altre.

La reazione arriva quando i dati della domanda di IDP Connect, che ospita il più grande database di corsi al mondo, mostrano che l’Australia è scivolata nella classifica delle destinazioni preferite, perdendo contro Canada, Regno Unito e Stati Uniti.

Le rigide misure alle frontiere dell’Australia hanno avuto un enorme impatto sul settore, con il numero di iscritti internazionali in calo di 210.000 quest’anno, mentre 130.000 studenti internazionali studiavano online.

I ricavi degli studenti internazionali sono stati la spina dorsale del settore, con 40 miliardi di dollari nelle casse nel 2019. Ad agosto, un rapporto del Mitchell Institute ha rivelato che le università hanno subito un calo del 6%, o 2,2 miliardi di dollari, nel 2020.

I governi del New South Wales e del Victoria questa settimana hanno annunciato programmi pilota per riportare gli studenti nel paese. Nel NSW 250 studenti potranno tornare ogni due settimane e in Victoria, il numero sarà inizialmente impostato su 120 settimane.

Lo sviluppo è supportato dall’approvazione della Therapeutic Goods Administration questa settimana per i vaccini Coronavac (Sinovac) e Covishield (AstraZeneca di fabbricazione indiana) per i viaggiatori internazionali in arrivo.

La quarantena sarà regolata in modo diverso in ogni stato. Mentre sarà gratuito per gli studenti del NSW, le università del Victoria decideranno chi pagherà il conto di $ 5.000.

Alcuni studenti internazionali temono di dover pagare importi esorbitanti per tornare, oltre alle alte tasse universitarie e alle spese di soggiorno.

Stella Quang, 20 anni, è una studentessa internazionale alla Deakin University

Presidente dell’Associazione degli Studenti Stranieri e degli Estensioni Vietnamiti a Deakin, Stella Quang ha detto che gli studenti vietnamiti hanno accolto con favore la notizia ma erano preoccupati per i costi.

Se c’è una quarantena obbligatoria, quanto costerà? volere [the requirements] Essere diverso per le persone che hanno avuto precedentemente il Covid e quelle che hanno avuto un vaccino? “

Ha detto che gli studenti erano anche preoccupati per quali diplomi avrebbero ottenuto l’ingresso prioritario.

“Facciamo i corsi online e paghiamo le tasse per intero”, ha detto Kwang. “Studio media e comunicazione e tutti i miei corsi possono essere offerti online.” “Non sono nella mia lista di priorità che devo tornare indietro, ma ho pagato molto per essere lì, utilizzare l’infrastruttura e sperimentare il -campus faccia a faccia.”

Iscriviti per ricevere ogni mattina un’e-mail con le principali notizie da Guardian Australia

Ogni altro stato e territorio sta sviluppando il proprio progetto pilota, e l’amministratore delegato delle università australiane Catriona Jackson ha detto che seguirà da vicino.

Ha affermato che i $ 1 miliardo di finanziamenti aggiuntivi del governo federale per la ricerca nel budget 2020 hanno contribuito a limitare la perdita di posti di lavoro, ma ciò non è stato sufficiente per mantenere a galla il settore.

“Ho perso 1,8 miliardi di dollari l’anno scorso e quest’anno andranno persi 2 miliardi di dollari”, ha detto. “Questi non sono colpi che puoi assorbire senza fare danni.”

Il presidente dell’Associazione nazionale per l’istruzione superiore, la dottoressa Alison Barnes, ha accolto con favore il ritorno degli studenti internazionali, ma ha espresso preoccupazione per la dipendenza del settore da loro.

“La dipendenza dalle tasse degli studenti internazionali, per colmare le lacune nei finanziamenti per l’insegnamento e la ricerca, ha esacerbato la crisi di Covid nelle università e ha visto 35.000 dipendenti perdere il lavoro”, ha affermato Barnes. “Semplicemente non possiamo tornare a quel modello.”

Non tutte le federazioni sono in difficoltà

Nelle università australiane del G8 – i principali istituti di ricerca del Paese – gli studenti cinesi continuano ad iscriversi in gran numero.

I tassi di iscrizione in Cina sono aumentati del 6,4% rispetto a luglio dello scorso anno, secondo i dati federali.

Il CEO di Go8 Vicki Thompson ha affermato che il gruppo era preoccupato di perdere più studenti a causa della concorrenza esterna.

“L’iscrizione di studenti internazionali alle università del G8, in particolare nel campo della ricerca post-laurea, rimane forte”, ha affermato. “C’è il rischio reale che a lungo termine la chiusura delle frontiere influisca ulteriormente sulle iscrizioni nel 2022/23 poiché i mercati concorrenti negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Canada offrono istruzione e incentivi a testa alta”.

Una ricerca di IDP Connect ha rivelato che la quota australiana del mercato globale per gli studenti internazionali è scesa dal 16,8% all’11,6% in due anni.

“Due anni fa, l’Australia aveva una quota del 20%, era al di sopra degli Stati Uniti, era alla pari con il Regno Unito e dietro al Canada”, ha affermato Andrew Wharton, gestore clienti IDP. La domanda è scesa al 9%.

“Il Canada è chiaramente la prima scelta per il 39% degli studenti, mentre l’Australia lo è per il 16%”.

Ha detto che l’Australia può invertire questa tendenza comunicando un piano chiaro agli studenti internazionali e incoraggiandoli a studiare in aree dove c’è una carenza di competenze.

Tutto si blocca quando i confini si aprono. Ma se l’Australia può fornire una tabella di marcia agli studenti internazionali e offrire una gamma più ampia di rendimenti, questa potrebbe essere un’opportunità”.

READ  Bambini rifugiati afghani muoiono dopo aver mangiato funghi velenosi al confine con la Polonia