Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli Stati Uniti chiedono al Messico di indagare se la fabbrica di componenti Stylantis abbia violato i diritti dei lavoratori

Contenuto dell’articolo

Gli Stati Uniti hanno chiesto al Messico di indagare sulle presunte violazioni dei diritti dei lavoratori in un impianto di ricambi auto di proprietà della casa automobilistica italo-francese Stylantis, hanno detto lunedì funzionari statunitensi, la quarta denuncia di questo tipo nell’ambito di un accordo commerciale rivisto.

La richiesta degli Stati Uniti al Messico di studiare potenziali violazioni della marea di El Hierro de Mexico nello stato di confine settentrionale di Coahuila rientra nell’accordo del 2020 tra Stati Uniti, Messico e Canada (USMCA).

Tekesed, che impiega quasi 1.500 persone e produce fusioni di ghisa per veicoli pesanti, è coinvolta in una disputa sindacale dal 2014. I lavoratori affermano che l’azienda ha impedito loro di essere rappresentati dal gruppo di loro scelta, il sindacato dei minatori, e che rifiutato i lavoratori che hanno sostenuto il gruppo.

Annuncio 2

Contenuto dell’articolo

L’Ufficio del Rappresentante per il Commercio degli Stati Uniti (USTR) ha affermato nella domanda di essere preoccupato per il fatto che ai lavoratori siano stati negati i diritti di contrattazione collettiva in relazione a un contratto “non valido” con la Confederazione dei lavoratori messicani (CTM), uno dei sindacati più potenti del Messico , che è stato registrato presso le autorità statali.

L’ufficio ha chiesto al Messico di indagare se fossero stati compiuti sforzi, comprese minacce e incentivi, per incoraggiare il sostegno del marchio comunitario o per scoraggiare il sostegno al sindacato dei minatori.

READ  Riducendo in esclusiva i pagamenti di Santander di Orcel a 51,4 milioni di euro - atto del tribunale di Madrid

Le controversie di lavoro in Messico sono state a lungo contrassegnate da tattiche intimidatorie da parte di potenti sindacati, con datori di lavoro e governi più che lavoratori. In base all’USMCA, l’accordo commerciale che ha sostituito il NAFTA, gli stabilimenti che hanno violato i diritti dei lavoratori potrebbero perdere il loro status di duty-free.

Pubblicità 3

Contenuto dell’articolo

Le aziende hanno osservato come finiranno le regole aziendali più severe.

Stellantis, il quarto gruppo automobilistico al mondo formato dalla fusione del produttore PSA Peugeot e Fiat Chrysler, ha affermato di “rispettare e sostenere i diritti di contrattazione collettiva dei suoi dipendenti in tutto il mondo e rispetterà tutte le leggi locali al riguardo”.

L’ufficio del sindacato United Auto Workers, che rappresenta i lavoratori americani di Stellantis, insieme al sindacato dei lavoratori AFL-CIO e al sindacato dei minatori, ha affermato che stava segnalando il potenziale abuso.

Ha aggiunto che Teksid, CTM e il consiglio di conciliazione e arbitrato locale dovrebbero essere inclusi nella revisione.

CTM non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento. Il presidente del sindacato di Coahuila, Tereso Medina, ha recentemente dichiarato al quotidiano messicano El Economista che il sindacato si atterrà all’USMCA e che la controversia dovrebbe essere risolta con il voto dei lavoratori. Il Centro Federale del Lavoro del Messico ha dichiarato a maggio che il sindacato dei minatori aveva l’unico contratto in vigore.

Pubblicità 4

Contenuto dell’articolo

Il ministero dell’Economia messicano ha dichiarato che entro 10 giorni deciderà se accettare la richiesta degli Stati Uniti.

READ  Offerta target KKR Telecom Italia nomina il veterano direttore Labriola amministratore delegato

I funzionari statunitensi in precedenza avevano aperto indagini sul lavoro presso la casa automobilistica statunitense General Motors, lo stabilimento di proprietà statunitense Tridunx e la giapponese Panasonic.

Il rappresentante degli Stati Uniti Bill Pascrell e diversi colleghi legislatori democratici hanno applaudito alla nuova denuncia e hanno esortato Stylantis a lavorare con funzionari statunitensi e messicani in modo che i lavoratori possano avere “rappresentanza democratica”.

Stellantis gestisce altri sette stabilimenti in Messico, dove l’anno scorso ha prodotto più di 400.000 auto. (Segnalazione di Dina Beth Solomon a Città del Messico e David Shepardson a Washington; Montaggio di Chris Reese, Alistair Bell e David Gregorio)

Annunci