Maggio 19, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli scienziati hanno scoperto cosa funziona meglio

Gli scienziati hanno scoperto cosa funziona meglio

Uno studio recente ha esaminato l’efficacia di tre diversi trattamenti per l’IBS, rivelando che le modifiche dietetiche, soprattutto quelle a basso contenuto di FODMAP e carboidrati, sono più efficaci nel ridurre i sintomi rispetto ai farmaci.

La terapia dietetica è più efficace dei farmaci nel trattamento della sindrome dell’intestino irritabile (IBS). Questi sono i risultati di uno studio condotto presso l'Università di Göteborg. Con le modifiche della dieta, i sintomi sono diminuiti significativamente in più di sette pazienti su dieci.

La sindrome dell'intestino irritabile (IBS) è una diagnosi comune che causa dolore addominale, flatulenza gassosa, diarrea e costipazione, in diverse combinazioni e con vari gradi di gravità.

Il trattamento spesso consiste in consigli nutrizionali come mangiare pasti piccoli e frequenti ed evitare l'assunzione eccessiva di alimenti scatenanti come caffè, alcol e bevande analcoliche. Ai pazienti possono anche essere somministrati farmaci per migliorare alcuni sintomi, come gas, stitichezza, diarrea, gonfiore o dolore addominale. Gli antidepressivi vengono talvolta utilizzati per migliorare i sintomi della sindrome dell’intestino irritabile.

Lo studio attuale, pubblicato in Il bisturi Malattie gastrointestinali ed epatiche, tre cure a confronto: due dietetiche ed una basata sull'uso di farmaci. I partecipanti erano pazienti adulti con sintomi di IBS gravi o moderati presso l'ospedale universitario Sahlgrenska di Göteborg.

Ulteriore sollievo dai sintomi dopo la modifica della dieta

Al primo gruppo sono stati forniti consigli dietetici tradizionali per l’IBS, concentrandosi sul comportamento alimentare con un basso apporto di carboidrati fermentabili, noti come FODMAP. Questi prodotti includono, ad esempio, prodotti contenenti lattosio, legumi, cipolle e cereali, che fermentano nel colon e possono causare dolore nella sindrome dell'intestino irritabile.

Il secondo gruppo ha ricevuto un trattamento dietetico a basso contenuto di carboidrati, ricco di proteine ​​e ricco di grassi. Nel terzo gruppo è stato somministrato il miglior farmaco possibile in base ai sintomi più fastidiosi dell'IBS.

READ  Di quante proteine ​​hai bisogno quando invecchi?

Ciascun gruppo comprendeva circa 100 partecipanti e i periodi di trattamento duravano quattro settimane. Quando i ricercatori hanno poi esaminato la risposta dei partecipanti ai trattamenti, utilizzando una scala di punteggio dei sintomi dell’IBS, i risultati sono stati chiari.

Sanna Nibacka, Stine Storsrud e Magnus Semren

Sanna Nibacka, Stine Storsrud e Magnus Semren, Sahlgrenska Academy dell'Università di Göteborg. Fonte immagine: Margarita J. Kubista), Malin Arnesson e Johan Wengborg

Tra coloro che hanno ricevuto consigli dietetici tradizionali per l’IBS e bassi FODMAP, il 76% ha avuto un significativo sollievo dai sintomi. Nel gruppo che ha ricevuto una bassa percentuale di carboidrati e un'alta percentuale di proteine ​​e grassi, la percentuale era del 71%, mentre nel gruppo dei farmaci era del 58%.

Tutti i gruppi hanno riportato miglioramenti significativi nella qualità della vita, meno sintomi fisici e meno sintomi di ansia e depressione.

L'importanza della personalizzazione

Al follow-up di sei mesi, quando i partecipanti ai gruppi dietetici erano parzialmente tornati alle loro precedenti abitudini alimentari, una percentuale significativa di loro presentava ancora un miglioramento clinicamente significativo dei sintomi; 68% nel gruppo con consulenza dietetica convenzionale e gruppo a basso contenuto di FODMAP e 60% nel gruppo con dieta a basso contenuto di carboidrati.

Lo studio è stato condotto da Sanna Nibacka, ricercatrice e nutrizionista, Stine Storsrud, professore associato, e Magnus Simrin, professore e consulente senior, tutti presso la Sahlgrenska Academy dell'Università di Göteborg.

“Con questo studio possiamo dimostrare che la dieta gioca un ruolo centrale nel trattamento dell'IBS, ma esistono molti trattamenti alternativi efficaci”, afferma Sana Nibaka.

“Abbiamo bisogno di maggiori conoscenze su come personalizzare al meglio il trattamento per l'IBS in futuro e continueremo a indagare se esistono determinati fattori in grado di prevedere se gli individui risponderanno meglio alle diverse opzioni di trattamento”, conclude.

READ  I fitness tracker rivelano i collegamenti tra esercizio, memoria e salute mentale

Riferimento: “Dieta a basso contenuto di FODMAP più consigli dietetici convenzionali rispetto a dieta a basso contenuto di carboidrati rispetto alla terapia farmacologica nella sindrome dell'intestino irritabile (CARBIS): uno studio controllato randomizzato, in singolo cieco, a singolo centro” di Sanna Nibacka, Hans Tornblom, Axel Josefsson, Johan P. Hrensson, Lena Boone, Asa Frandemark, Cecilia Wiesnaver, Stine Storsrud e Magnus Semren, 18 aprile 2024, Lancet Gastroenterologia ed Epatologia.
doi: 10.1016/S2468-1253(24)00045-1