Luglio 28, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli operatori umanitari di MSF sono stati “brutalmente uccisi” durante una missione nella regione del Tigray in Etiopia.

NAIROBI: l’organizzazione benefica medica Medici Senza Frontiere si è detta “inorridita dalla brutale uccisione” di tre colleghi nella regione etiope del Tigray, l’ultimo attacco agli operatori umanitari che aiutano i civili nel sanguinoso conflitto.

Una dichiarazione rilasciata dall’organizzazione umanitaria ha affermato che due dei loro colleghi etiopi e uno spagnolo sono stati trovati morti venerdì, un giorno dopo che i loro colleghi hanno perso i contatti con loro mentre erano in viaggio.

Gli operatori umanitari sono riluttanti ad accettare scorte militari poiché le forze armate sono state accusate di atrocità. a lui attribuito:AP

“L’auto è stata trovata vuota questa mattina, a pochi metri di distanza, con i loro cadaveri”, si legge nel comunicato.

“Condanniamo questo attacco ai nostri colleghi nei termini più forti possibili e lavoreremo senza sosta per capire cosa è successo”, ha aggiunto Medici Senza Frontiere, definendo “inimmaginabile” che i tre coordinatori delle emergenze Maria Hernandez, l’assistente coordinatore Johannes Halifum Raza e l’autista Tedros Gebremariam Gebremichael – pagato per il lavoro della loro vita.

In una dichiarazione, il ministero degli Esteri etiope ha espresso le sue condoglianze per le morti che il governo ha affermato avvenute nella città di Abi Uday e ha indicato che i combattenti del Tigray erano responsabili. Anche l’Etiopia ha chiesto scorte militari, una questione spinosa per molte organizzazioni umanitarie perché i militari, come tutte le parti in conflitto, sono accusati di abusi.

Caricamento in corso

Un’altra squadra di MSF è stata attaccata a marzo dopo aver visto soldati etiopi trascinare uomini da due autobus pubblici e ucciderli. L’organizzazione umanitaria ha detto all’epoca che i soldati hanno picchiato l’autista di MSF e minacciato di ucciderlo.

READ  Un cinese vive tre giorni in un garage allagato mentre la East Coast si prepara al tifone N Fa

Quest’ultimo attacco è avvenuto nel mezzo di alcuni dei più pesanti combattimenti nel Tigray dall’inizio del conflitto a novembre. L’esercito etiope questa settimana ha riconosciuto di aver effettuato un attacco aereo su un mercato affollato nel Tigray che secondo gli operatori sanitari ha ucciso dozzine di civili. L’esercito ha affermato di aver preso di mira i combattenti.

Un funzionario sanitario regionale, che ha parlato a condizione di anonimato per paura di rappresaglie, ha affermato che i soldati etiopi hanno arrestato sei delle vittime dell’attacco aereo mentre si recavano in ospedale e ne hanno rilasciati tre dopo. Il funzionario ha detto che i tre ancora in detenzione – due donne e un ragazzo di 15 anni – non hanno ricevuto cure mediche, aggiungendo: “Questo è molto disperato”. Non è chiaro il motivo per cui sono detenuti.