Febbraio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli equipaggi cercano la loro possibile perdita dopo che una frana di fango nelle Alpi italiane ha infangato le strade della città

Gli equipaggi cercano la loro possibile perdita dopo che una frana di fango nelle Alpi italiane ha infangato le strade della città

Le squadre di soccorso di una località alpina italiana sono alla ricerca di un possibile disperso lungo il percorso di un torrente di montagna che ha violentemente esploso gli argini, provocando una frana di fango.

ROMA – Le squadre di soccorso in una città alpina italiana lunedì hanno cercato eventuali persone scomparse e ripulito le strade fangose ​​dopo che una frana di montagna ha fatto schiantare acqua e detriti sulla città, rompendo gli argini del fiume. Le autorità hanno detto che tutti i residenti erano stati presi in considerazione.

Le strade di Bardonecchia, una città vicino a Torino in Val di Susa, sono state ricoperte da uno spesso fango grigio dopo le violente frane di domenica. Il video visto dai testimoni ha mostrato un’enorme ondata di terra e macerie che fa cadere un cancello e i residenti fuggono mentre il fango si riversa lungo una strada cittadina. Altri video mostravano fango denso che scorreva lungo gli argini del fiume che attraversa la città.

Ha scritto che le squadre della protezione civile erano in viaggio per rimuovere i detriti dalle strade e controllare lo stato idrologico del fiume Frios, che è stato coinvolto in primo luogo.

In un post sui social media, i vigili del fuoco hanno affermato che le squadre dei vigili del fuoco hanno salvato sei persone durante la notte dal ribaltamento del veicolo.

READ  Zverev incontra Garin per qualificarsi alle semifinali dell'Open d'Italia

Arroccata a un’altitudine di 1.300 metri (4.265 piedi), Bardonecchia è una destinazione popolare nelle Alpi italiane sia per gli sport di montagna invernali che per le escursioni estive, alimentata da numerosi fiumi, torrenti, torrenti e affluenti tra cui il Fréjus, il Melizet e il Rochemol. Domenica, la città di 3.000 abitanti ha celebrato la festa del suo patrono, Sant’Ippolito, con attività e giochi durante il giorno e fuochi d’artificio previsti per la notte, secondo l’agenzia turistica della città.