Luglio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli enormi progetti di costruzione sauditi “potrebbero essere ridimensionati”

Gli enormi progetti di costruzione sauditi “potrebbero essere ridimensionati”

Fonte immagine, Lotta azionaria

Commenta la foto, La linea, una città lineare di 170 km, potrebbe ora estendersi inizialmente solo per 2,4 km

  • autore, Samir Al Hashemi
  • Ruolo, Corrispondente d’affari della BBC in Medio Oriente
  • Rapporto da Riad

“Possono continuare a dirlo e noi possiamo continuare a dimostrare che si sbagliano”.

Questa è stata la risposta del principe ereditario saudita Mohammed bin Salman in un documentario televisivo trasmesso nel luglio 2023, mentre parlava dei dubbi riguardanti i progetti di costruzione pionieristici in Arabia Saudita.

Quasi un anno dopo, alcuni dei sospetti si sono rivelati fondati.

Negli ultimi mesi, l’Arabia Saudita sembra aver ridimensionato i piani per il suo imponente progetto di sviluppo del deserto, NEOM, che è il fulcro di Vision 2030.

Si tratta di un programma di diversificazione economica guidato dal principe Mohammed, il sovrano de facto dello stato del Golfo, per allontanare l’economia del paese dalla dipendenza dal petrolio.

Oltre a NEOM, l’Arabia Saudita sta sviluppando anche altri 13 grandi progetti di costruzione, o “giga progetti” come vengono chiamati, per un valore di trilioni di dollari. Questi includono una città di intrattenimento alla periferia della capitale, Riyadh, diversi resort di lusso su un’isola sul Mar Rosso e una miriade di altre destinazioni turistiche e culturali.

Ma il calo dei prezzi del petrolio ha influito sulle entrate pubbliche, costringendo Riyadh a rivalutare questi progetti ed esplorare nuove strategie di finanziamento.

Un consigliere legato al governo, che ha preferito rimanere anonimo, ha detto alla BBC che i progetti sono in fase di revisione e che presto si attende una decisione.

“La decisione dipenderà da molteplici fattori”, afferma. “Ma non c’è dubbio che ci sarà un processo di ricalibrazione. Alcuni progetti andranno come previsto, ma altri potrebbero essere ritardati o ridimensionati.

Il più ambizioso, e quello che ha conquistato tutti i titoli dei giornali, è The Line. Questa sarà una città lineare composta da due muri adiacenti e paralleli di un grattacielo alto 500 metri, più alto dell’Empire State Building. Tuttavia, la loro larghezza complessiva sarà di soli 200 metri, compreso lo spazio tra di loro.

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto, Il principe ereditario Mohammed bin Salman cerca di diversificare l’economia del paese

Il piano originale prevedeva che si estendesse per 170 chilometri (105 miglia) e diventasse la casa di nove milioni di persone.

Ma secondo persone che conoscono i dettagli – e come è già trapelato alla stampa – gli sviluppatori del progetto si concentreranno ora sul completamento di soli 2,4 chilometri entro il 2030, come parte dell’Unità Uno.

Quando The Line fu annunciata per la prima volta, fu descritta come una “città lineare a zero emissioni di carbonio” che avrebbe ridefinito la vita urbana, con servizi per i residenti come parchi, cascate, taxi volanti e cameriere robot.

La città non avrà strade né automobili e sarà costituita da comunità pedonali interconnesse. Comprenderà anche un treno ad alta velocità, con un tempo di percorrenza massimo di 20 minuti ovunque entro i confini della città.

Non è chiaro quante di queste funzionalità faranno parte della prima fase.

Oltre al progetto “The Line”, NEOM includerà anche una città industriale galleggiante a forma di ottagono e una stazione sciistica di montagna che ospiterà i Giochi invernali asiatici nel 2029.

Ali Al-Shehabi, un ex banchiere che ora siede nel comitato consultivo di NEOM, afferma che gli obiettivi fissati per i progetti nell’ambito di Vision 2030 sono stati “deliberatamente progettati per essere eccessivamente ambiziosi”.

Il ridimensionamento del progetto NEOM ha evidenziato le sfide finanziarie che il governo saudita deve affrontare.

Il progetto NEOM è finanziato dal governo saudita attraverso la sua entità sovrana, il Fondo per gli investimenti pubblici (PIF).

Il costo ufficiale per la costruzione di NEOM è di 500 miliardi di dollari, il 50% in più rispetto all’intero bilancio federale del paese per quest’anno. Ma gli analisti stimano che l’implementazione dell’intero progetto costerà alla fine più di 2 trilioni di dollari.

Il bilancio del governo dell’Arabia Saudita è in deficit dalla fine del 2022, quando il più grande esportatore di petrolio al mondo ha iniziato a tagliare la produzione per accelerare i prezzi globali. Il governo prevede un deficit di 21 miliardi di dollari quest’anno.

Il Fondo per gli investimenti pubblici è in difficoltà. Controlla asset per un valore di circa 900 miliardi di dollari, ma a settembre aveva solo 15 miliardi di dollari in riserve di liquidità.

La raccolta di capitali per NEOM e altri progetti su larga scala rappresenta una sfida fondamentale per il futuro, afferma Tim Kallen, ex capo del Fondo monetario internazionale in Arabia Saudita e ora visiting fellow presso l’Arab Gulf States Institute.

“Sarà sempre più difficile finanziare il Fondo per gli investimenti pubblici fino ai livelli richiesti per questi progetti”, afferma Kalin.

Lo Stato del Golfo sta sfruttando altri modi per sostenere il capitale.

All’inizio di questo mese, ha venduto azioni della compagnia petrolifera nazionale Saudi Aramco per un valore di quasi 11,2 miliardi di dollari. Si prevede che la maggior parte di questi proventi andrà al Fondo per gli investimenti pubblici, che è stato anche il maggiore beneficiario quando la società è stata quotata in borsa nel 2019.

Riyadh ha volontariamente ridotto le sue forniture di un milione di barili al giorno. Ma questo mese l’OPEC+ ha ribaltato la decisione e inizierà ad aumentare gradualmente la produzione a partire da ottobre.

Secondo il Fondo monetario internazionale, affinché l’Arabia Saudita possa pareggiare il bilancio, il prezzo del barile di petrolio deve essere pari a 96,20 dollari. Il greggio Brent, uno dei principali parametri di riferimento per il petrolio greggio, si aggira intorno agli 80 dollari al barile.

Il Paese ha fatto affidamento anche sulla vendita di titoli di stato per mantenere i flussi di finanziamento per il Fondo di investimento pubblico. Un’altra sfida è che gli investimenti diretti esteri sono rimasti ben al di sotto degli obiettivi, sottolineando la difficoltà di Riyadh nell’attrarre finanziamenti da società private e investitori internazionali.

“Sarà molto difficile convincere gli investitori a partecipare a progetti che considerano eccessivamente ambiziosi”, afferma Kalin. “Non è chiaro da dove verranno alla fine i vostri guadagni”.

Lo Stato del Golfo sta anche convogliando denaro in settori come il turismo, l’estrazione mineraria, l’intrattenimento e lo sport come parte di una strategia di diversificazione economica.

Negli ultimi anni, l’Arabia Saudita si è aggiudicata i diritti per ospitare diversi importanti eventi internazionali, come la Coppa d’Asia FIFA nel 2027, i Giochi invernali asiatici nel 2029 e l’Expo mondiale 2030. È inoltre emersa come l’unica offerente ad ospitare l’evento. Coppa del Mondo FIFA 2034. Tutti questi progetti richiederanno ingenti investimenti nei prossimi anni.

Al-Shehabi si aspetta che il governo dia priorità a questi eventi internazionali man mano che la loro data si avvicina. “I progetti per i quali dobbiamo rispettare scadenze specifiche avranno la priorità a seconda della natura delle cose”, afferma.

Ad aprile, in una riunione speciale del World Economic Forum tenutasi a Riad, il ministro delle Finanze saudita Mohammed Al-Jadaan ha affermato che il governo “non ha ego” e che avrebbe adattato il suo piano Vision 2030 per trasformare la sua economia secondo necessità. .

“Cambieremo rotta, estenderemo alcuni progetti, ridimensioneremo alcuni progetti, accelereremo alcuni progetti”, ha affermato.

Per saperne di più