Maggio 26, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli automobilisti irlandesi si sono innamorati della Fiat – John Saunders pensa di poterlo cambiare

La Fiat una volta aveva una posizione dominante nel mercato irlandese. Negli anni ’70, quando le vendite di auto nuove erano in media di 60-70 mila all’anno, la Fiat vendeva 12.000 auto all’anno in questo paese. Non solo venderlo, ma anche realizzarlo; 126 e 131 in una fabbrica in Kylemore Road a West Dublin.

Di recente, la Fiat è stata un attore importante in questo paese. Nell’anno del boom del 2000, quando furono vendute oltre 230.000 nuove auto grazie alla combinazione della targa “00” e generosi contributi pubblici, la Fiat aveva l’auto più venduta in Irlanda: la Punto. Inoltre, l’Alfa Romeo 156 ha riscosso un enorme successo tra gli acquirenti di auto dell’azienda, conquistando da sola una quota di mercato dell’1%.

John Saunders ha avuto il compito di convincere gli acquirenti irlandesi Fiat e Alfa a produrre buone auto, rendendosi conto che le Jeep sono mai esistite.

Da allora tutto è in declino. Fiat e Alfa Romeo sono davvero cadute dalle liste degli acquirenti di auto irlandesi. Un’alleanza più recente con il marchio americano Jeep ha prodotto tutto ma niente, il che è incredibile se si considera quanto sia folle il mercato automobilistico irlandese dei SUV. A parte la piccola evergreen 500, la Fiat non ha più una presenza sul mercato in Irlanda.

Potrebbe essere sul punto di cambiare. Fiat, in senso globale, si è fusa con PSA Peugeot-Citroen-Opel per formare il massiccio gruppo Stellantis per la casa automobilistica. Questa fusione ha aperto un nuovo importatore in Irlanda, il Gruppo Guan. Gowans è stato a lungo l’importatore irlandese di Peugeot, con scarso successo, ottenendo distribuzioni per Opel, Citroen e DS del marchio di lusso. Sembra, quindi, un passo logico che Goans avrebbe fatto anche con i marchi italo-americani di Stellantis, e così è stato.

John Saunders è l’uomo incaricato del punto operativo dei franchise Fiat-Alfa-Jeep in Irlanda. Ha una lunga esperienza nella vendita di auto in questo paese e per diversi anni ha gestito un franchising di importazione Honda per conto dei Gowan. Ora deve affrontare il compito apparentemente impossibile di convincere gli acquirenti irlandesi che Fiat e Alfa sono buone auto e rendersi conto che le Jeep esistono. Ovviamente, questo non sarà un compito facile.

“Lì c’è la forza del marchio e il riconoscimento del marchio”, ha detto Saunders a The Irish Times. “Fiat si avvicina al suo centenario in Irlanda, avendo iniziato a vendere auto qui nel 1923. Quindi, mentre i singoli modelli si esibiscono in Irlanda, in realtà è un’ottima posizione per avviare una nuova partnership commerciale con questi marchi”.

Le lotte in salita sembrano essere la specialità del gruppo Gowan. Il gruppo ha già spostato Peugeot da un marchio di minoranza francese ai primi 10 venditori, oltre a trasformare le fortune di Opel in Irlanda. Il compito di rilanciare Fiat e Alfa sarà difficile, ma Saunders è fiducioso.

“Riposerà sul retro del prodotto”, ha detto. “Sullo sfondo della nuova tecnologia, l’effetto Stellantis è fondamentale. Quando iniziamo a vedere lo sviluppo di multipiattaforma e modelli su questo tipo di scala, ciò potrebbe essere di buon auspicio per i marchi”.

La crescita dei motori elettrici sarà senza dubbio la chiave dei piani di rilancio. Fiat ha già in vendita una piccola 500 elettrica molto impressionante, a cui presto si aggiungerà il nuovo SUV ibrido plug-in Alfa Romeo Tonale. Inoltre, Stellantis ha in programma nuove importanti piattaforme per veicoli elettrici, costruzioni versatili con batterie di grandi dimensioni e un’autonomia di oltre 500 km con una singola carica. Questo è per il futuro, però. Al momento, i marchi italiani hanno bisogno di essere ricostruiti.

Saunders ritiene che siano l’esperienza e la conoscenza del mercato irlandese del Gruppo Gowan che potrebbero dargli un vantaggio rispetto alle precedenti operazioni di Fiat in Irlanda. “Nel mercato stimolante e competitivo in cui si trova l’Irlanda, se non si dispone di tali conoscenze e informazioni sul campo, è molto difficile supportare i marchi mentre si muovono attraverso i cambi di modello, soprattutto quando quei modelli non sono in nessun momento il cuore del mercato Quindi, come ho detto, i clienti conoscono i marchi, conoscono tutte le caratteristiche uniche dei marchi individualmente, quindi questo non è un problema per noi.La sfida è trovare il prodotto giusto al giusto tempo, che viene venduto attraverso una rete efficiente e interattiva. Non si tratta del fallimento dei marchi stessi, ma della necessità di rivitalizzare l’approccio al mercato”.

Ci sarà anche bisogno di sbarazzarsi dell’immagine persistente che Fiat e Alfa hanno una bassa qualità costruttiva e scarsa affidabilità. Tanto per cominciare, la fornitura di ricambi per i marchi italiani è stata spesso, storicamente, incompleta e costosa. Per rimediare, il Gruppo Gowan sta aprendo un nuovo complesso di uffici e magazzini nella Citywest di Dublino. In questo ampio magazzino, ho promesso, le parti chiave di tutte le marche e modelli saranno tenute in magazzino, pronte per essere spedite rapidamente a rivenditori e clienti. Si spera che ciò dia al gruppo un vantaggio significativo rispetto ai marchi concorrenti in un momento in cui molti acquistano parti direttamente dal Regno Unito e dall’Europa, senza la presenza di magazzini locali.

“Questo gruppo di marchi non dispone di scorte di ricambi in loco da circa 15 anni”, ha affermato Saunders. “Quindi è un processo di trasformazione per il business, in cui puoi rispondere molto più rapidamente, con una sicurezza molto maggiore per i tuoi clienti. Inoltre, con l’integrazione delle tecnologie del marchio, quando iniziamo a utilizzare piattaforme e componenti più popolari, ti offre grandi vantaggi sinergia È molto difficile supportare i marchi più piccoli con questo tipo di servizio, semplicemente perché non avrai le economie di scala che hai quando hai otto co-brand”.

A proposito di marchi più piccoli, che ne dici di Jeep? Il produttore di SUV ha avuto un enorme successo nel mercato statunitense, ottenendo buoni risultati in Europa e nel Regno Unito, ma è quasi invisibile in Irlanda.

“Penso che in termini di potenziale non sfruttato, sia sicuramente presente con Jeep. È un marchio molto forte, con un grande patrimonio e pedigree, ma [it is] Questo lignaggio non è riconosciuto in Irlanda. Penso che quando si combinano queste proporzioni, quella capacità di creare grandi SUV utilitari, e la si combina con la tecnologia ibrida plug-in e in una finitura elettrica, penso che il marchio Jeep abbia una proposta molto forte. Inoltre, il marchio ha una clientela molto entusiasta, quindi quando abbiamo modelli adatti al mercato irlandese, magari con motori più piccoli e due ruote motrici, ma con la presenza e lo stile delle big americane, si può vedere le persone si immergono in quella cultura americana”.

Agenti

Rimane la questione delle deleghe. Una delle principali carenze della Fiat in Irlanda negli ultimi anni è stata la carenza di concessionarie. Resta da determinare quanti sono necessari per avere successo nello stato o se Fiat, Alfa Romeo e Jeep si uniranno ai marchi Gowan esistenti per accelerare lo sviluppo della rete. “Non c’è un numero fisso nel cda, ma consideriamo sicuramente che al momento ci sia stata una sottorappresentanza dei marchi. Stiamo cercando di prendere alcune nomine nel medio termine”. [and] A breve e medio termine per rafforzare la rete esistente”, ha affermato Saunders. “L’offerta a breve termine lo determinerà. Quindi, a medio termine, sviluppare il modello. Quindi, quando guardi allo sviluppo del modello che è fuori dai sentieri di ogni singolo marchio, o in particolare con la tecnologia che è stata lanciata in un periodo di tempo, da qui alla fine del decennio, inizierai davvero a vedere la crescita modello emerge. Non si è ancora cristallizzato”.

Joanne può ribaltare la situazione? È un lavoro duro, ma il gruppo ha già dimostrato di poter fare miracoli con Opel, quindi c’è almeno una speranza.

READ  Tendenze di viaggio future nel 2022