Maggio 19, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli attriti sulla Brexit stanno spingendo le aziende britanniche a creare hub commerciali olandesi

Mentre il governo del Regno Unito avvia la ricerca di opportunità per la Brexit, un gruppo ne ha già una scoprili: proprietari di magazzini olandesi.

Il flusso di società con sede in Gran Bretagna nei Paesi Bassi è aumentato mentre lotta con l’interruzione delle frontiere doganali attraverso il Mare del Nord.

Secondo un’agenzia governativa, più di 90 investitori hanno costruito o affittato spazi di distribuzione dal 2017, metà dei quali nel 2021 Investi in Olanda.

era tra loro Huboo, che è un fornitore di servizi logistici per i rivenditori online. Martin Besch, amministratore delegato, ha affermato che ha dovuto agire dopo che i clienti hanno disertato quando sono iniziati i negoziati sulla Brexit nel dicembre 2020. “Abbiamo perso circa il 10% delle nostre entrate, che sono state i clienti che hanno lasciato il Regno Unito per l’Europa”, ha affermato. “Era una scena disordinata”.

Il governo di Boris Johnson ha più volte affermato di essere pronto a lasciare l’Unione Europea il 31 dicembre 2020 senza un accordo commerciale perché sta trattando con Bruxelles. Alla fine, la vigilia di Natale, è stato raggiunto un accordo per il commercio esente da dazi e quote. Ma questo ha introdotto dogane, sicurezza alimentare e controlli fiscali dopo un periodo di transizione di un anno.

“Non sapevamo cosa fare e non c’era quasi nessun consiglio del governo”, ha detto Besch. Ha detto che molte piccole imprese hanno semplicemente smesso di rifornire l’UE perché non potevano capire le scartoffie ed erano preoccupate che avrebbero commerciato illegalmente.

Martin Besch: “I Paesi Bassi sono un ottimo posto per fondare un’azienda. Sono pronti ad aiutare e a sedersi accanto a diversi mercati chiave” © Huboo

Huboo stava già cercando di affittare un magazzino in Germania, ma il Covid-19 e la burocrazia hanno ritardato il processo. È passato ai Paesi Bassi e nel giugno 2021 la sua struttura a Eindhoven, vicino al confine con il Belgio, funzionava con 40 dipendenti.

READ  UniCredit sceglie il servizio per reperire un portafoglio di prestiti UTP da 1 miliardo di euro

“I Paesi Bassi sono un ottimo posto per creare un’azienda. Sono pronti ad aiutare e sedersi accanto a molti mercati chiave.

Il magazzino di 32.000 metri quadrati conta più di 300 clienti, di cui un numero crescente dall’Olanda. Le aziende del Regno Unito possono inviare un pallet alla volta e conservare lì l’inventario, anziché inviare singoli articoli direttamente dal Regno Unito ai consumatori, poiché ognuno richiede un modulo doganale.

Per le aziende che esportano i loro prodotti nell’UE, portarli nel Regno Unito per rispedirli nell’UE è meno redditizio dal punto di vista commerciale.

ostacolo, che vende online collant e altro abbigliamento made in Italy, ha dovuto prendere una decisione nel luglio 2021 per assecondare la crescita: costruire un nuovo centro di distribuzione nel Regno Unito o nell’UE, che rappresenta circa un terzo delle vendite. Tom Martin, CEO, ha detto di aver deciso l’Unione Europea. A quel tempo non c’era alcun accordo commerciale e nulla era garantito. È stata un’ottima decisione”.

Collant attillati Operaio di fabbrica
Snag, che vende online collant di manifattura italiana, si è reso conto che non aveva senso commerciale ottenere un prodotto nell’UE, portarlo nel Regno Unito e poi rispedirlo nell’UE © Snag Tights

Dopo aver valutato diversi paesi, Snag scelse l’Olanda e trovò un magazzino nella città di Venlo, vicino al confine tedesco. Il passo dal porto di Rotterdam a ovest a Venlo a est è congestionato da traffico stradale, ferroviario e fluviale che trasporta merci da e verso i magazzini.

“La Germania è il nostro mercato più grande nell’Unione europea e ora possiamo spedire lì il giorno successivo”, ha affermato Martin.

Snag aveva una scelta di locali, ma questo è diminuito con l’arrivo di più aziende con sede nel Regno Unito e internazionali. Anche il personale è diventato un problema. L’Olanda ha solo 3,4 per cento dei disoccupatiR.

READ  "Sostegno al prezzo di acquisto, l'esenzione fiscale può stimolare la crescita della mobilità elettrica"

È anche difficile assumere lavoratori temporanei, che è vitale nel settore dell’e-commerce quando gli ordini raggiungono il picco prima di Natale. Nelle agenzie britanniche, i lavoratori si trovano rapidamente, ma i Paesi Bassi hanno benefici sociali più elevati. I dipendenti regolari sono pagati il ​​10% in più rispetto al Regno Unito. Ma il personale temporaneo costa il doppio, ha detto Martin. I datori di lavoro olandesi coprono anche i costi di pendolarismo. Ma ha detto che gli affari sono ancora economici.

I Paesi Bassi sono sempre stati un centro d’affari, ospitando il più grande d’Europa porto di Rotterdame utilizzando il fiume Reno per trasportare prodotti da e verso il cuore industriale della Germania.

Dal 2017, lo spazio dei magazzini del porto è raddoppiato a 4 milioni di metri quadrati, ovvero 400 ettari. “C’è molta domanda e la Brexit è uno dei fattori”, ha affermato Danny Levensward, direttore della frammentazione del carico alla rinfusa nel porto. Ma ha affermato che molte aziende globali volevano anche uno “stock tampone” a causa dell’interruzione delle catene di approvvigionamento causate dalla pandemia.

Chiatte da carico funzionanti sul Reno
I Paesi Bassi sono stati a lungo un canale commerciale per le importazioni e le esportazioni e utilizzano le chiatte per trasportare merci lungo il Reno © Vasilis Ververidis / Alamy

Rotterdam, che ha registrato un traffico record di container di 15,3 milioni di TEU (20 piedi equivalenti) nel 2022, era pronta per la Brexit dopo aver modernizzato i suoi sistemi di elaborazione e aver istruito i commercianti.

Autisti di camion, spedizionieri e spedizionieri doganali devono registrarsi base portuale, Una società senza scopo di lucro che sdogana tutta la merce in anticipo. Gli unici controlli sono su cibo e animali, e quando la dogana scopre qualcosa di sospetto. Marti van Pelt, direttore delle relazioni commerciali, ha affermato che la Brexit ha aumentato di un quinto il carico di lavoro dell’azienda, ma può essere gestita.

READ  Gli investitori di Generali Norges votano per l'amministratore delegato Donnet all'AGM

“Non abbiamo liste di attesa. Il periodo di attesa più lungo è di quattro minuti, che è il tempo in cui i doganieri devono decidere se vogliono ispezionare qualcosa”.

Ma il numero di clienti del Regno Unito è sceso da 367 a 300 dalla Brexit poiché molte aziende di autocarri hanno abbandonato la consegna nell’UE a causa dell’aumento delle scartoffie.

La stessa Rotterdam ha attratto 40 investimenti da società con attività britanniche dal 2016.

C’è un’usanza Servizio del Consiglio Per espatriati in inglese. I dirigenti aziendali stranieri vengono accolti ogni anno a una cena di gala sul tappeto rosso con il sindaco.

Bysh di Huboo afferma che molti imprenditori britannici si sono ora adattati al nuovo sistema commerciale. Ha aperto centri di distribuzione in Spagna e Germania e sta cercando di espandersi nei Paesi Bassi.

La sua ultima innovazione consente ai clienti del Regno Unito di elencare le merci in euro su Bol.com, uno dei principali rivenditori online olandese, con un solo clic e ritiene che le aziende di medie dimensioni siano pronte a riprendere l’esportazione.

“Una volta che ti sarai registrato con la partita IVA UE e avrai saltato alcuni piccoli giri, non sarà così complicato. [to export there], ha detto, ‘e . . . Quindi potresti pensare, beh, questa è una grande opportunità. Facciamolo bene e su larga scala. “