Maggio 16, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Perché le sanzioni contro la Russia non possono essere revocate anche in caso di armistizio?

Nel clamore mediatico sulle sanzioni contro la Russia, che porta l’immagine di “forte”, “forte” e “infernale”, mancano vari dettagli, come ad esempio, le sanzioni sono abbastanza severe da influenzare il comportamento di Putin?

La risposta può essere trovata nelle pagine di storia. Nel 1935 la Società delle Nazioni impose sanzioni all’Italia, la settima economia più grande del mondo, per l’invasione dell’Etiopia. Tuttavia, le misure più devastanti non sono state introdotte: un embargo petrolifero o la chiusura del Canale di Suez per il trasporto marittimo italiano. Il dittatore italiano Benito Mussolini in seguito ammise ad Adolf Hitler che se la Società delle Nazioni avesse esteso le sanzioni petrolifere, avrebbe dovuto lasciare l’Etiopia entro una settimana.

Questa lezione di storia non sembra essere stata studiata. Le sanzioni più dolorose non sono state imposte alla Russia: l’embargo su gas, petrolio e carbone.

L’UE rinuncerà a gas, petrolio e carbone russi, non quest’anno o fino al prossimo anno, ma non prima del 2027. Il mercato dell’UE è fondamentale per la Russia, rappresentando il 50% delle esportazioni russe di petrolio e il 75% delle esportazioni di gas. E l’energia stessa è il settore più grande dell’economia russa.

Possiamo giustificare questo “buco” nelle sanzioni con la dipendenza dell’Europa dalle risorse energetiche russe. Ma questo non nega il fatto che la Russia continua a ricevere denaro dal commercio con l’Occidente.

Le scappatoie nelle attuali sanzioni impediscono la paralisi della macchina militare del Cremlino. Pertanto, la guerra contro l’Ucraina continua per il secondo mese e potrebbe durare più a lungo.

La situazione socioeconomica in Russia peggiorerà ogni settimana e ogni mese. Ma questo potrebbe indebolire il regime di Putin dall’interno mentre le forze di sicurezza intimidiscono i cittadini e arrestano tutti i dissidenti? O il popolo russo sta stringendo la cinghia e sopportando?

READ  Il ruolo del biometano nella transizione energetica e nell'economia dell'energia circolare, all'interno e intorno ai contesti urbani

C’è il caso del Sudan autoritario, dove nel 2018 sono iniziate proteste su larga scala per problemi economici. Ne seguì un colpo di stato militare, con il presidente sudanese, al potere da quasi 30 anni, rovesciato dalle forze armate del Paese. Il governo sudanese ha promesso l’anno scorso di consegnare il dittatore alla Corte penale internazionale dell’Aia.

Lo scenario sudanese per la Russia potrebbe concludersi ancora più tragicamente. La Russia non è uno stato unitario ma una federazione. Ciò significa che in una situazione di crisi e isolamento sistemico, quando il “centro” perde il controllo, la Russia può ripetere il destino dell’Unione Sovietica con una “mostra di sovranità”. Inoltre, la Russia ha già regioni abitate da persone con la propria identità, lingua, cultura e tradizioni, come Bashkortostan, Tatarstan, Cecenia, Inguscezia e altre.

Quando le risorse dell’esercito russo nell’attuale guerra si esauriranno, Putin potrebbe congelare temporaneamente il conflitto. Il Cremlino pretenderà che la “operazione militare speciale”, presumibilmente, abbia raggiunto il suo obiettivo. In cambio di una “calma”, la Russia chiederà attivamente la revoca delle sanzioni.

Sarà un momento decisivo nella politica sanzionatoria. Se le sanzioni saranno allentate, la Russia avrà il potere di leccarsi le ferite e attaccare nuovamente l’Ucraina in seguito. Inoltre, l’economia russa sta già iniziando ad adeguarsi allo shock iniziale delle sanzioni.

Le sanzioni dovrebbero essere revocate solo quando la Russia non solo porrà fine alla guerra, ma restituirà anche tutti i territori occupati, compresi Crimea e Donbass, all’Ucraina e pagherà una compensazione finanziaria per le infrastrutture distrutte. È un caso equo e chiaro.

Certo, Putin ha lanciato la sua “operazione militare” per non restituire i territori occupati all’Ucraina. Al contrario, ha cercato di catturare l’intero paese. Con ogni probabilità Putin non farà concessioni, quindi le sanzioni devono continuare.

READ  Come i treni ad alta velocità italiani hanno ucciso Alitalia

Inoltre, le atrocità commesse dall’esercito russo a Bucha, Mariupol e in altre città ucraine danno ai leader mondiali il pieno mandato di inasprire le sanzioni.

Oleksij Minakov È un esperto di comunicazioni politiche ucraino. È editorialista per i principali media online ucraini, tra cui Radio Liberty, Ukrayinska Pravda, NV e LIGA.net. Dal 2019 ha lavorato come Direttore delle Comunicazioni presso il Ministero della Trasformazione Digitale dell’Ucraina. Inoltre, è stato consulente principale del Dipartimento per lo sviluppo del sistema politico presso l’Istituto nazionale di studi strategici.