Giugno 29, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Giornalisti delle Isole Salomone esclusi dalla visita del ministro degli Esteri cinese, sollevando preoccupazioni sulla riservatezza | Cina

I giornalisti del Pacifico hanno espresso serie preoccupazioni sulla segretezza che circonda l’imminente tour della maratona nel Pacifico da parte del ministro degli Esteri cinese, che visiterà otto paesi in 10 giorni.

Wang Yi visiterà le Isole Salomone, Kiribati, Samoa, Tonga, Vanuatu, Papua Nuova Guinea, Timor Est e Fiji dal 26 maggio al 4 giugno, in un tour della regione classificato come “eccezionale e senza precedenti” da esperti del Pacifico.

Arriva in un momento in cui la partecipazione della Cina nella regione sta assistendo “aumento del tempo”Mentre cerca di rafforzare le relazioni e firmare accordi economici, infrastrutturali e di sicurezza.

La prima tappa di Wang Yi dovrebbe essere giovedì alle Isole Salomone, dove si baserà su un’alleanza esistente È stata sotto i riflettori internazionali negli ultimi mesi Dopo aver fatto trapelare un progetto di accordo sulla sicurezza firmato dai due governi.

Il governo delle Isole Salomone ha confermato al Guardian che durante la visita saranno firmati “una serie di protocolli d’intesa”, che saranno annunciati giovedì sera.

Nonostante le speculazioni per settimane sul viaggio, il ministero degli Esteri cinese ha rifiutato di rispondere alle domande su una possibile visita fino a martedì sera, alla vigilia del viaggio. Fino ad allora, il portavoce del ministero degli Esteri Wang Wenbin ha rifiutato di confermare quando Wang Yi sarebbe arrivato alle Isole Salomone.

I giornalisti che cercano di coprire la stazione nelle Isole Salomone dal tour dicono ai media internazionali che è stato loro impedito di partecipare a eventi stampa, mentre i giornalisti a cui è consentito l’accesso sono gravemente limitati nella loro capacità di porre domande.

Georgina Kekia, presidente del Solomon Islands Media Consortium (MASI), ha affermato che ottenere informazioni sulla visita di Wang nel Paese, compreso l’itinerario, è stato molto difficile.

“Abbiamo richiesto copie dello spettacolo in modo da poter essere coinvolti in termini di ottenere un video o rilasciare interviste, ma non sarà presto. Non so come chiamarlo così, se si tratta di limitarlo alla stampa o no”, ha detto.

Ha detto che c’era solo un evento stampa in programma a Honiara durante la visita di due giorni di Wang – giovedì – ma solo i giornalisti di due giornali delle Isole Salomone, della National Radio e dei media cinesi potevano partecipare.

Giornalisti come Kekea, che spesso lavorano per testate internazionali come The Guardian e Al Jazeera, non hanno ricevuto le credenziali per questo evento.

“Sappiamo che i confini delle Isole Salomone sono stati chiusi dal 2020, quindi non abbiamo giornalisti internazionali per coprire la storia ed è un evento che ottiene l’attenzione internazionale, quindi alcuni giornalisti lavorano per organizzazioni internazionali… ma noi” Non è stata data l’opportunità di far parte del gruppo mediatico a cui sono state assegnate le credenziali per essere lì di persona”,

Kekia ha detto che il motivo addotto era la preoccupazione per il Covid, ma sentiva che questa era “solo una scusa”. Le Isole Salomone hanno registrato 18.000 casi di virus e circa 150 decessi, con un numero di decessi in aumento a fine febbraio.

Massey ha invitato i media accreditati a boicottare l’evento in solidarietà con i colleghi squalificati.

Kikia ha aggiunto che attraverso il programma che ha seguito, la stampa avrà l’opportunità di porre solo due domande al ministro degli Esteri: una di un giornalista delle Isole Salomone e l’altra dei media cinesi.

“È molto preoccupante per noi, abbiamo davvero una buona libertà di fare il nostro lavoro, ma quando si tratta di questi eventi, sembra che ci trattengano”.

C’è ancora segretezza intorno al testo dell’accordo di sicurezza firmato dalla Cina e dalle Isole Salomone. Non è stato annunciato né condiviso con i membri del Parlamento, nonostante le affermazioni dell’opposizione.

Dorothy Wickham, giornalista veterana delle Isole Salomone, Scritto all’inizio di questo mese Che da quando è trapelata la bozza dell’accordo sulla sicurezza, ha vissuto un “blackout” mediatico diverso da qualsiasi cosa abbia visto nei suoi tre decenni sulla stampa.

A proposito della prossima visita, Wickham ha twittato: “Va bene, speriamo di essere trattati con un certo rispetto e di tenere una conferenza stampa dopo che tutte le formalità sono state espletate”.

Si prevede che la Cina firmerà ulteriori accordi con le Isole Salomone durante la sua visita e cercherà di firmare accordi anche con altre nazioni del Pacifico durante il tour.

Vanuatu ha appena firmato un contratto con la Cina per costruire una nuova pista all’aeroporto di Pecua sull’isola di Santo, per consentire l’accesso agli aerei più grandi, rendendoli più accessibili per la consegna degli aiuti umanitari.

Si teme che Kiribati possa firmare un accordo con la Cina, conferendole diritti di pesca speciali nell’Area Protetta delle Isole Phoenix (PIPA), che è stata una delle aree marine protette più grandi del mondo, anche Il governo di Kiribati ha annunciato l’anno scorso che avrebbe aperto un PIPA per la pesca commerciale.

La dott.ssa Anna Bowles, docente senior in studi sulla sicurezza presso la Massey University in Nuova Zelanda, ha affermato che mentre Australia, Nuova Zelanda e Stati Uniti monitoreranno da vicino il tour della Cina nel Pacifico, non c’è molto che possono o dovrebbero fare per impedire la firma di sovranità Nazioni del Pacifico che trattano con la Cina.

“Questi sono paesi sovrani che perseguiranno accordi basati sui loro interessi nazionali”, ha affermato.

“Ciò che l’Australia, la Nuova Zelanda e gli Stati Uniti possono fare è sforzarsi di essere partner migliori e cercare di approfondire tali relazioni in modo che, quando tali accordi vengono raggiunti, la Nuova Zelanda e l’Australia in particolare, possano sostenere le nazioni del Pacifico per ottenere il meglio affare possibile… e da un punto di vista strategico, riduce lo spazio dei permessi in cui la Cina può operare”.

READ  Le vaccinazioni COVID di Pfizer iniziano nell'Australia occidentale per le persone di età compresa tra 30 e 49 anni, in mezzo a un forte interesse per l'iniezione