Maggio 8, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Germania, Francia, Italia, Spagna pressioni per implementare un fondo di salvataggio – EURACTIV.com

Mercoledì (28 aprile) i ministri delle finanze di Germania, Francia, Italia e Spagna hanno esortato gli Stati membri a presentare i loro piani di ripresa e hanno fatto pressione sulla Commissione europea per accelerare la valutazione dei piani di investimento e di riforma.

I ministri Olaf Scholes (Germania), Bruno Le Myr (Francia), Daniel Franco (Italia) e Nadia Calvino (Spagna) hanno dichiarato mercoledì in una dichiarazione congiunta che le quattro principali economie europee presenteranno i loro piani di ripresa questa settimana.

Giovedì sera la Commissione aveva confermato la presentazione delle bozze finali in portoghese, greco e tedesco. Si prevede che l’esecutivo dell’UE riceverà una dozzina di progetti entro la mezzanotte di venerdì.

Scholes e Le Myre hanno invitato 27 persone ad accettare “presto” la decisione sulle proprie risorse necessarie per prendere in prestito 800 miliardi di dollari per finanziare il fondo di salvataggio.

“Come altri colleghi hanno già detto, il tempo è essenziale e la pronta approvazione dei progetti sarà importante per garantire che le nostre azioni a livello nazionale continuino a rafforzare i legami e rafforzare i nostri vicini”, ha detto Calvino della Spagna.

Le Myr ha invitato la commissione a valutare “senza indugio” i piani in modo che possano essere approvati dal consiglio a luglio.

“Questo permetterà al denaro di fluire entro la fine dell’estate”, ha detto il ministro delle finanze francese.

I diplomatici nazionali si sono chiesti perché la commissione abbia bisogno di due mesi per verificare i piani, poiché la società sta discutendo i contenuti con alcuni paesi dallo scorso ottobre.

Tuttavia, la Commissione sostiene da giorni di non poter accelerare l’approvazione dei gruppi nazionali per bloccare miliardi di euro nel finanziamento della ripresa europea.

READ  100.000 tragedie in Italia.

Il portavoce principale della commissione, Eric Mammer, ha dichiarato mercoledì che spenderebbe 800 miliardi di dollari considerando la quantità di informazioni inviate dalle capitali, il lavoro necessario per tradurre le proposte in testi legislativi e la necessità di valutare adeguatamente i piani.

“Non sprecheremo nessun minuto, ma abbiamo bisogno di un po ‘di tempo”, ha detto.

Memor ha aggiunto che, discutendo le bozze nazionali con le capitali negli ultimi mesi, “è giusto dire che la Commissione lo ha già fatto per accelerarne l’attuazione”.

Ha ricordato che la creazione del fondo di recupero era una joint venture perché gli Stati membri dovevano ancora completare l’approvazione della loro decisione sulle risorse proprie.

Otto paesi dell’UE non hanno ancora accettato la decisione, anche se la commissione prevede che terminerà entro la fine di maggio, anche se i mercati potrebbero ricevere finanziamenti a giugno.

La valutazione dei piani di risanamento richiederà più tempo. Una volta che le bozze sono state ufficialmente presentate, la Commissione ha due mesi per emettere il suo verdetto e il Consiglio, che rappresenta i 27 Stati membri, un altro mese.

Di conseguenza, i primi trasferimenti non sono previsti fino alla fine di luglio, un anno dopo che i leader dell’UE hanno deciso di creare un fondo di recupero.

[Edited by Zoran Radosavljevic]