Agosto 15, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Forme di vita misteriose sono state scoperte secoli fa nelle grotte di lava delle Hawaii

Formazione di stalattiti nel sistema di grotte hawaiane di questo studio con minerali di rame e colonie batteriche bianche. Sebbene il rame sia tossico per molti organismi, questa formazione ospita una comunità microbica. (credito: Kenneth Ingham)

Centinaia di anni fa, i processi vulcanici che crearono le isole Hawaii formarono anche una rete di tunnel sotterranei e grotte.

È freddo, buio e pieno di gas e metalli tossici. Così, Praticamente inospitale per la maggior parte delle forme di vita.

Tuttavia, gli scienziati hanno scoperto che queste bocche vulcaniche contengono in realtà colonie di microbi complesse e tentacolari.

Questi sono i più piccoli esseri viventi conosciuti sulla Terra e non sappiamo molto su di loro.

In effetti, si stima che il 99,999 per cento di tutti i tipi di microbi rimanga sconosciuto. Di conseguenza, alcuni si riferiscono a queste misteriose forme di vita come “materia oscura”.

Tuttavia, costituiscono ancora un’enorme quantità di biomassa terrestre.

Spesse stuoie microbiche sono appese sotto una sporgenza rocciosa in prese d’aria che corrono lungo la zona di rift orientale dell’isola delle Hawaii. Immagine (Credit: Jimmy Saw)

Ciò che ha suscitato l’interesse degli esperti nelle grotte di lava delle Hawaii è che le condizioni sono il più vicino possibile a quelle di Marte o di altri pianeti lontani.

E se i microbi possono sopravvivere in tubi di lava che hanno 600-800 anni, allora noi Ad un certo punto potresti trovarne alcuni su Marte.

I ricercatori hanno scoperto che le antiche grotte di lava, risalenti a più di 500 anni fa, di solito contengono un insieme molto più diversificato di microbi.

Pertanto, ritengono che queste piccole creature impieghino molto tempo per colonizzare il basalto vulcanico. Poiché l’ambiente cambia nel corso dei secoli, cambia anche la sua struttura sociale.

Quando le grotte sono più giovani e più attive, le colonie microbiche sono più vicine tra loro in termini di specie.

“Questo ci porta alla domanda, gli ambienti estremi aiutano a creare comunità microbiche più interattive, con microrganismi più dipendenti l’uno dall’altro?” Egli ha detto La microbiologa Rebecca Prescott dell’Università delle Hawaii a Manoa.

“E se sì, che dire degli ambienti difficili che aiutano a creare questo?”

I biofilm verdi e viola e le stuoie microbiche sono comuni nei siti termicamente attivi dell’isola delle Hawaii. (credito: Stuart Donachie)

Sebbene ci siano molte cose che non sappiamo, gli scienziati ritengono che la concorrenza sia una forza più forte in ambienti difficili.

“Nel complesso, questo studio aiuta a illustrare quanto sia importante studiare i microbi in co-cultura, piuttosto che coltivarli da soli (come isolati)”, ha aggiunto Prescott.

“Nel mondo naturale, i microbi non crescono isolati. Invece, crescono, vivono e interagiscono con molti altri microrganismi in un mare di segnali chimici provenienti da quegli altri microbi. Questo può alterare la loro espressione genica, influenzando le loro funzioni nella società . .

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Frontiere in microbiologia.

Di più : ‘Sharkcano’: vulcano sottomarino in eruzione che ospita squali mutanti nella foto dal satellite della NASA

Di più : La causa sostiene che i birilli sono “inadatti al consumo umano”

READ  Una strana stella di metallo screziato vortica fuori dalla Via Lattea a 2 milioni di miglia all'ora