Agosto 15, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I problemi di vista non trattati possono aumentare il rischio di demenza del 44%.

Lo studio ha rilevato che, confrontando gli individui con e senza problemi agli occhi, quelli con problemi di vista avevano una probabilità maggiore del 44% di sviluppare demenza e un rischio maggiore del 41% di deterioramento cognitivo.

Secondo una recente ricerca, le persone anziane possono avere un rischio maggiore di sviluppare demenza a causa di problemi di vista.

Secondo una recente revisione sistematica e meta-analisi di 16 studi che hanno coinvolto 76.373 individui, gli anziani con problemi di vista non trattati possono avere maggiori possibilità di sviluppare demenza.

Risultati dello studio, che sono stati riportati nella rivista peer-reviewed invecchiamento e salute mentale, Dimostrare che sono necessarie ulteriori ricerche per determinare come trattare i problemi di vista negli anziani, come gli occhiali o la chirurgia della cataratta, possono prevenire problemi cognitivi e demenza.

Questo studio è tra i primi a valutare la relazione tra problemi di vista e risultati cognitivi negli anziani attraverso un esame completo di tutti gli studi sulla popolazione disponibili in inglese. I nostri risultati si aggiungono alla crescente evidenza che la perdita della vista è un fattore di rischio per la demenza”, ha affermato l’autore principale, il professore associato Bibi Xu, del Center for Medical Informatics dell’Università di Pechino. “Sebbene le ragioni alla base di ciò rimangano poco chiare, tuttavia lo fa , suggeriscono che la diagnosi e il trattamento delle condizioni oculari possono essere utili, per migliorare la qualità della vita di una persona e anche per rallentare o fermare la perdita di memoria”.

Nel Regno Unito, si pensa che fino a 1 milione di persone siano affette da demenza e si prevede che questo numero aumenterà con l’età. Si prevede che questo numero salirà a 1,6 milioni entro il 2050. Si prevede inoltre che la demenza costerà 56 miliardi di dollari nel 2050 rispetto ai 30 miliardi di sterline di oggi.

La vita delle persone è gravemente colpita da questa condizione. Con il progredire della malattia, gli individui avranno una maggiore perdita di memoria, nonché cambiamenti di personalità e comportamentali. Alla fine dipenderanno completamente dagli altri per prendersi cura di loro.

I ricercatori hanno incluso 16 studi che hanno coinvolto 76.373 partecipanti, con cinque studi trasversali e 11 studi longitudinali pubblicati prima di aprile 2020. Di questi studi, gli autori hanno esaminato la relazione tra disabilità visiva e risultati cognitivi negli anziani. Hanno scoperto che:

  • I soggetti con problemi di vista avevano un rischio maggiore di sviluppare deterioramento cognitivo e demenza, indipendentemente dal fatto che il danno visivo fosse auto-riferito o diagnosticato utilizzando misure oggettive.
  • Il rischio di sviluppare un deterioramento cognitivo era del 137% più alto tra le persone con problemi di vista rispetto a quelli senza.
  • Le persone che avevano difficoltà a vedere al basale avevano un rischio aumentato del 41% di sviluppare deterioramento cognitivo e un rischio aumentato del 44% di sviluppare demenza, rispetto a coloro che non lo facevano.

“Trovare modi per prevenire o ritardare l’insorgenza della demenza può aiutare a ridurre il suo impatto devastante sulla vita delle persone colpite e delle loro famiglie, in particolare alla luce del crescente carico di malattie”. L’identificazione dei fattori di rischio modificabili è un primo passo fondamentale per lo sviluppo interventi efficaci per raggiungere questo obiettivo. Zhou. “Le nostre nuove scoperte evidenziano l’importanza di esami oculistici regolari per gli anziani, consentendo di rilevare e trattare precocemente eventuali problemi alla vista. Suggeriscono inoltre che qualsiasi cambiamento auto-riferito nella vista di una persona non dovrebbe essere ignorato”.

Gli autori ora raccomandano che la ricerca futura sia giustificata per esaminare l’efficacia del trattamento dei problemi di vista negli anziani per prevenire il deterioramento cognitivo e la demenza.

Riferimento: “La relazione tra disabilità visiva e risultati cognitivi negli anziani: una revisione sistematica e una meta-analisi” di Gui-Ying Cao, Zi-Shuo Chen, Shan-Shan Yao, Kaipeng Wang, Zi-Ting Huang, He-Xuan Su, Yan Lu, Carson MD Fries, Young Hwa Ho e Baby Show, 18 maggio 2022, disponibile qui. Invecchiamento e salute mentale.
DOI: 10.1080 / 13607863.2022.2077303

Lo studio è stato finanziato dalla National Natural Science Foundation of China e dal Peking University Medicine Seed Fund for Interdisciplinary Research.

READ  Jessica Watkins sarà la prima donna di colore a far parte dell'equipaggio della stazione spaziale