Maggio 26, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Fonti affermano che l’Italia potrebbe nazionalizzare la raffineria di Luco

Il 16 ottobre 2018, una torcia a gas è stata trovata accanto al logo di Lukoil nel giacimento petrolifero di Filanovskogo nel Mar Caspio russo. REUTERS / Maxim Shemetov

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Milano, 26 apr. (Reuters) – L’Italia sta valutando la nazionalizzazione temporanea della sua raffineria ISAP di Lukoil in caso di embargo sul petrolio russo, hanno riferito a Reuters due fonti governative.

Quando il gabinetto italiano si riunirà giovedì, il ministro dell’Industria Giancarlo Giorgietti prevede di aumentare la nazionalizzazione dell’ISAP come opzione, ha affermato una fonte.

L’ufficio di Giorgietti ha detto che la nazionalizzazione della raffineria Isab non è attualmente all’ordine del giorno, anche se “c’è preoccupazione per l’impatto sociale sull’area” e il ministero sta rivedendo la situazione.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Poiché l’Europa dipende fortemente dalle importazioni russe di petrolio e gas, l’embargo ha diviso il continente. Ucraina, Polonia e Lituania sono tra gli Stati che sostengono l’embargo sulle importazioni russe di petrolio e gas, mentre Germania e Ungheria si oppongono all’embargo immediato.

ISAB, la più grande raffineria di petrolio italiana per capacità, acquista il 30-40% delle sue materie prime dalla Russia, mentre il resto proviene dai mercati internazionali.

Ma una delle conseguenze dell’invasione russa dell’Ucraina è che ISAB è stata costretta a ottenere quasi tutto il suo petrolio greggio da Lukoil (LKOH.MM) di proprietà russa poiché le banche internazionali non prestano più.

Lugoil non è attualmente soggetto a restrizioni.

“Non abbiamo petrolio greggio a livello internazionale, quindi non possiamo acquistare petrolio greggio da nessun’altra parte”, ha detto a Reuters il vicedirettore generale dell’ISAB Claudio Jerasi.

READ  Perché l'Italia vincerà Euro 2020 | UEFA EURO 2020

La raffineria, che impiega circa 1.000 persone, è di proprietà di Litasco SA, un gruppo di commercio e distribuzione con sede in Svizzera che vende l’89% della sua produzione.

Il rappresentante di Lidasco sotto il controllo di Lukoil non è stato immediatamente disponibile per un commento.

ISAB rappresenta circa il 22% della capacità di raffinazione complessiva dell’Italia, situata nell’isola di Sicilia e la sua chiusura influenzerà l’occupazione e la crescita nella regione.

Jersey ha affermato che le società che lavorano presso ISAB dovrebbero aspettare più tempo per rimborsare poiché i prestiti sono stati ridotti dalle banche.

Fiorenzo Amato, funzionario locale del sindacato Cgil, ha affermato che al momento non ci sono state interruzioni, ma ha riconosciuto che l’impianto potrebbe avere problemi se le importazioni di petrolio russe fossero fermate.

Prima che l’epidemia di COVID-19 colpisse la domanda energetica italiana, la produzione di ISAB era di 10,6 milioni di tonnellate all’anno, ovvero il 13% del PIL del Paese.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Report di Alexander Smith e David Goodman Montaggio Stephen Jukes, Angelo Amanda e Giuseppe Fonde

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.