Maggio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

EY avverte i partner britannici del potenziale calo dei profitti | Notizie economiche

EY avverte i partner britannici del potenziale calo dei profitti |  Notizie economiche

La società di revisione Big Four ha detto ai suoi 1.700 partner britannici che i profitti potrebbero diminuire del 15% quest'anno a causa di un rallentamento del mercato, poiché la sua filiale italiana riceve i benefici di un'offerta da CVC Capital Partners, ha appreso Sky News.

di Mark Kleinman, redattore della città @markkleinmansky


Giovedì 18 aprile 2024 alle 16:34, Regno Unito

Centinaia di partner britannici di EY, la società di contabilità delle Big Four, sono stati avvertiti di un potenziale calo dei profitti quest’anno in un contesto di rallentamento più ampio nel settore dei servizi professionali.

Sky News ha appreso che una presentazione della scorsa settimana di Stuart Gregory, una figura senior del team di finanza e trasformazione di EY, ha messo in guardia i colleghi che l'utile per partner potrebbe diminuire fino al 15% nell'anno finanziario fino alla fine di giugno.

L’anno scorso, EY ha registrato un profitto medio distribuibile per partner di 761.000 sterline, in calo rispetto al record di 803.000 sterline dell’anno precedente e ben al di sotto della rivale PricewaterhouseCoopers.

Un calo sulla scala indicata da Gregory significherebbe che il profitto medio di un partner nell’anno fino alla fine di giugno 2024 scenderebbe a meno di £ 650.000.

Tuttavia, addetti ai lavori dell'azienda hanno avvertito che i suoi commenti non sono stati all'altezza delle aspettative sugli utili aziendali e hanno affermato che gli scambi nella prima parte dell'ultimo trimestre sono stati forti, con una forte pipeline di affari nelle prossime 10 settimane.

Uno di loro ha affermato che EY si aspetta ancora di registrare “ottima performance quest’anno finanziario”.

READ  Italia - Fattori da tenere d'occhio il 22 dicembre

L’azienda ha 1.700 partner nel Regno Unito, inclusi 930 soci azionari, il che significa che hanno diritto a un compenso annuale maggiore.

L’allarme sugli utili arriva mesi dopo che la società globale EY ha abbandonato i piani per una storica divisione delle sue funzioni di audit e consulenza in mezzo all’opposizione in diverse parti del mondo.

Il resto delle quattro grandi – Deloitte, KPMG e PricewaterhouseCoopers – stanno cercando di aumentare la redditività tagliando costi e posti di lavoro in un contesto di mercato più difficile.

Tra le pressioni esercitate dalle autorità di regolamentazione sulla professione di revisore contabile a seguito di una serie di scandali, negli ultimi anni il quartetto leader del settore ha iniziato a valutare la possibilità di disinvestire alcune parti della propria attività.

Nel Regno Unito, Deloitte e KPMG hanno entrambe scaricato le loro unità di ristrutturazione.

Nelle ultime settimane, la società italiana EY ha ricevuto una lettera da CVC Capital Partners, una società di private equity, che indicava interesse ad acquisire la sua divisione strategica e di consulenza nel paese, hanno riferito giovedì fonti del settore.

Un insider ha indicato che questo approccio comporterebbe probabilmente una valutazione della società di oltre 500 milioni di euro, anche se hanno affermato che non sono in corso trattative concrete.

In una dichiarazione a Sky News, EY ha affermato: “Come altre aziende ad alte prestazioni, riceviamo spesso richieste da società di private equity e altri investitori che esprimono interesse per parti dell'attività di EY”.

Questa è un'edizione limitata della storia, quindi sfortunatamente questo contenuto non è disponibile.

Sblocca la versione completa

READ  Consigli sui libri da parte di leader aziendali e culturali

“L’approccio di CVC è stata una prima manifestazione di interesse.

“Come parte della nostra strategia globale, continuiamo a valutare le nostre opportunità strategiche e accetteremo transazioni solo al momento opportuno e dopo un’attenta considerazione.

“Non abbiamo intenzione di vendere alcuna parte della nostra attività in questo momento.”